After di Anna Todd

After

Serie After

di Anna Todd

 

Titolo: After
Autore: Anna Todd
Edito da: Sperling & Kupfer
Prezzo: 14.90 €
Genere: Romanzo, new adult
Pagine: 448

anobii-icon Good-Reads-icon amazon-icon

Trama: Acqua e sapone, ottimi voti e con un ragazzo perfetto che l’aspetta a casa,Tessa ama pensare di avere il controllo della sua vita. Al primo anno di college, il suo futuro sembra già segnato… Sembra, perché Tessa fa a malapena in tempo a mettere piede nel campus che subito s’imbatte in Hardin. E da allora niente è come prima.
Lui è il classico cattivo ragazzo, tutto fascino e sregolatezza, arrabbiato con il mondo, arrogante e ribelle, pieno di piercing e tatuaggi. È la persona più detestabile che Tessa abbia mai conosciuto. Eppure, il giorno in cui si ritrova sola con lui, non può fare a meno di baciarlo. Un bacio che cambierà tutto. E accenderà in lei una passione incontrollabile. Una passione che, contro ogni previsione, sembra reciproca. NonostanteHardin, per ogni passo verso di lei, con un altro poi retroceda. Per entrambi sarebbe più facile arrendersi e voltare pagina, ma se stare insieme è difficile, a tratti impossibile, lo è ancora di più stare lontani. Quello che c’è tra Tessa e Hardin è solo una storia sbagliata o l’inizio di un amore infinito?

serie

 

 

 

Serie After:
1. After
2. After We Collided
3. After We Fell
4. After Ever Happy

Immagine5

di Sarinique e Penelope

After racconta un amore struggente, che fa soffrire anche chi apparentemente sembra più forte. Un amore in cui ci si immerge completamente, pur sapendo che prima o poi se ne rimarrà feriti, ma fino a che punto? Hardin e Tessa vi proietteranno in una storia travolgente, dalla quale non riuscirete a staccarvi tanto facilmente.Abbraccio

Sentiamo adesso cosa ne pensano due recensori di Sognando Leggendo nell’intervista che segue: una è Sarinique, appassionata di storie d’amore, l’altra è Penelope amante di quelle storie in grado di smuoverti qualcosa dentro.

1) Il libro è stato un vero e proprio fenomeno editoriale sul web. Nasce da una fan fiction sugli One Direction e in molti l’hanno paragonato a “50 sfumature di grigio” (senza la parte bondage ovviamente). Pensi sia veritiero questo paragone?

Sarinique: Paragonare questo romanzo ad un libro erotico mi sembra un po’ azzardato. È vero che in entrambi i libri uno dei temi dominanti è l’amore fisico, ma parte da due presupposti diversi. L’amore tra Tessa e Hardin nasce da un sentimento giovanile, anche se nel libro vengono descritti dettagliatamente i rapporti tra i due protagonisti. Sono però pur sempre le prime esperienze: goffe e imbarazzanti per Tessa, innocenti e inaspettate per Hardin. Dall’altra parte abbiamo un amore perverso, più maturo che ha ben poco a che fare con quello di After.

Penelope: Sono venuta a conoscenza di After tramite le anteprime di Sognando Leggendo. Solo dopo averlo letto, ed essermi fatta un’opinione personale, ho cercato informazioni sull’autrice e il libro. Non sapevo avesse avuto tutto questo seguito sul web con milioni di lettori a perorarne la causa, men che meno fosse nato da una fan fiction ispirata al gruppo degli One Direction. Per quanto riguarda il paragone con 50 sfumature di grigio innanzi tutto non regge per il genere letterario diverso dal quale non si può prescindere. Inoltre la trilogia della James vuoi o non vuoi, per quanto un romanzo erotico rimanga, “divide” la folla suscitando “amore e odio” mentre personalmente After della Todd in me ha suscitato molte perplessità e qualche apprezzamento.

2) Avevi già letto qualcosa di questa autrice? Cosa ne pensi del suo stile narrativo?

S: È la prima volta che leggo qualcosa scritto da Anna Todd e sono rimasta estasiata dal suo modo di scrivere, tant’è che non vedo l’ora che esca il seguito di After per buttarmi a capo fitto nella travolgente storia di Hardin e Tessa. Il suo stile non è frammentario, ma fluido e scorre molto bene. Inoltre, ritengo che sappia calibrare in modo eccelso i momenti di suspense ed è questo che rende il lettore avido di andare avanti con la storia.

P: Come dicevo nella risposta precedente, ho avuto il piacere di conoscere la Todd tramite le anteprime di SL e sinceramente non avevo mai letto qualcosa scritto da quest’autrice. Il libro non mi ha particolarmente colpito ma trovo lo stile dell’autrice interessante, forse un po’ scontato ma realistico, così come mi è piaciuta l’idea di base che ci racconta la storia di Hardin e Tessa.

3) Il libro ci parla del cliché della ragazza per bene, bigotta come poche, succube della madre, che si innamora del ”cattivo” della situazione pieno di piercing e tatuaggi. L’autrice riesce a raccontarci una storia diversa oppure siamo di fronte ad uno stereotipo già letto e riletto?

S: È vero che le storie in cui la ragazza per bene si innamora del ragazzo ribelle sono molte, forse troppe, ma chi non ne resta affascinato?

Quella raccontata da Anna Todd riesce comunque ad essere una storia diversa da tutte le altre, perché è un susseguirsi di eventi inaspettati che stravolgono ogni volta la trama e che ci mettono di fronte a situazioni nuove mai lette prima.

P: E qui casca l’asino. Signori miei siamo di fronte all’estremismo totale. Qui non stiamo parlando della ragazzina per bene innocente che si innamora del cattivo ragazzo di turno. No, siamo di fronte ad una situazione in cui abbiamo da una parte Tessa, una vera e proprio suora, una tipa di una pallosità inaudita, una di quelle che ancora si veste con gli abiti scelti dalla madre dalla quale si fa comandare a bacchetta. Mentre leggevo avevo una voglia matta di scuoterla, di urlarle contro per chiederle di darsi un tono, di esprimere una propria idea, di fare qualcosa per interrompere l’inerzia totale della sua esistenza. Dall’altra invece, Hardin, stronzo che più stronzo e cattivo non si può. Lo odierete con tutto il cuore, per lui proverete rabbia e quasi mai empatia. Preparatevi a dar di matto.

4) In cosa, secondo te, Tessa è uguale a tutte le ragazze?

S: Credo che Tessa, come tutte le ragazze della sua età, ma anche come molte donne, pensi di poter cambiare un uomo. Sa che è una cosa impossibile, ma la sensazione di essere “quella giusta”, la spinge ad andare avanti e a cercare di fare di tutto per diventare la prima ed unica ragazza in grado di occupare il cuore di Hardin.

P: Fate conto che Tessa è una ragazza di 18 anni, al suo primo anno di college. Proviene dalla famiglia del mulino bianco e tutti da lei si aspettano la perfezione. La trovo uguale alle ragazze di oggi nelle paure e nelle insicurezze. Credo sia normale, a quell’età, provare così tante emozioni contrastanti ed innamorarsi follemente di una persona perdonandogli tutto, o quasi, cercando di cambiarla.

5) Tessa e Hardin sono davvero come Catherine e Heathcliff di Cime Tempestose?

S: Leggendo questo libro, vi accorgerete che ci sono molti rimandi espliciti a Cime Tempestose e, molto spesso, sapientemente usati per spiegare la storia tra Tessa e Hardin che, a mio parere, potrebbero essere nominati i Catherine e Heathcliff del 2015. Anche il loro amore è tormentato e distruttivo come quello dei protagonisti del grande classico, e pure Tessa e Hardin ricorrono alla tecnica della gelosia per far capire all’altro che non possono stare separati. Quindi sì, secondo me Tessa e Hardin sono davvero come Catherine e Heathcliff.

P: Non diciamo eresie. Trovo ridicolo sia il paragone azzardato tra i due libri che quello a dir poco pretenzioso tra i personaggi. Catherine e Heathcliff sono di tutt’altro livello morale. Così come il confronto tra i due tipi di amore, uno vuoi, o non vuoi, adolescenziale e acerbo, l’altro maturo e profondo.

6) Il passato di Hardin è doloroso, ma è abbastanza per giustificare tutta la sua cattiveria nei confronti di Tessa?

S: Hardin viene da una situazione familiare difficile, con il padre alcolizzato e una madre che vive poveramente in Inghilterra. Per questo riversa tutto il suo dolore su Tessa, che vede come la persona più fragile con cui può rifarsela facilmente, senza considerare che anche il passato della ragazza, per molti aspetti affine al suo, non è stato facile. Nonostante tutto il dolore che l’affligge, Tessa perdona sempre il suo amato Hardin, ma lui continua così imperterrito a dirle cattiverie che dopo un po’ ci si chiede se non stia davvero esagerando!

P: No. No e No. A parte il fatto che in questo libro, purtroppo, del passato di Hardin si capisce ben poco. Ma quello che fa, con la cattiveria che ci mette, non giustifica un bel niente. E per dirla tutta, io non gli credo. Non credo nel pentimento o nell’amore che dice di provare.

7) Quale amicizia preferisci di più: quella tra Tessa e Landon o tra Tessa e Steph?

S: L’amicizia tra Tessa e Landon è quasi scontata, perché sono molto simili. Entrambi arrivano prima a lezione, amano studiare, non hanno né tatuaggi né piercing, mentre chi si sarebbe mai aspettato che una ragazza come Tessa sarebbe diventata amica della sua compagna di stanza Steph, con i capelli rossi e i vestiti corti e stravaganti? Sinceramente pensavo che Tessa avrebbe cambiato stanza dopo la prima ora di college, invece sono rimasta stupita da come si è evoluta la loro amicizia!

P: L’amicizia tra queste due coppie, seppur indipendenti l’una dall’altra, è stata una delle cose che ho apprezzato di più del libro. Non saprei scegliere sinceramente ma il sincero affetto che Landon e Steph provano per Tessa mi ha lasciato delle sensazioni positive a differenza delle amicizie di Hardin che invece mi sono subito sembrate losche e con un doppio fine.

8) Quanta forza esercita Tessa su Hardin? E quanta Hardin su Tessa?

S: Tessa è la prima persona che riesce a rompere il guscio dentro al quale si era rifugiato Hardin. È a lei che Hardin rivela cose che non aveva mai detto a nessuno e che, probabilmente, pensava che non avrebbe mai detto a nessuno. Lo stesso effetto travolgente ha Hardin su Tessa. Riesce a rompere i suoi schemi da maniaca del controllo, le fa capire che la vita va vissuta e che non bisogna sempre avere un programma sotto mano.

P: Purtroppo non ho percepito il legame profondo che presumo si dovesse creare tra i due protagonisti. Sarà perché ho sempre avuto l’idea che Hardin prendesse in giro Tessa ma mi aspettavo di più. Speravo di sentirmi più coinvolta da questi due ragazzi così diversi in ogni aspetto della loro vita… ma purtroppo non è successo.

9) Qual’è il tuo personaggio preferito? E quello che hai detestato più in assoluto?

S: Forse è scontato, ma il mio personaggio preferito è Hardin, perché penso che un “ti amo” strappato ad una persona che tende a reprime i propri sentimenti sia la più grande dimostrazione d’affetto e Hardin è così, è un duro che però alla fine cede davanti all’amore per Tessa e cerca di conquistarla ogni giorno attraverso minimi gesti.

Mentre il personaggio che ho detestato più in assoluto è Noah, l’ex ragazzo di Tessa, perché mi sembrava più legato alla suocera che alla propria ragazza. Non si schierava mai apertamente dalla parte di Tessa, ma anzi la smascherava spifferando subito ogni cosa alla madre di lei. Il contrario cioè di cosa dovrebbe fare il proprio ragazzo.

P: Mi duole ammetterlo ma nessuno dei personaggi di questo libro mi ha particolarmente colpito in positivo. Non in maniera decisiva per lo meno. Invece sapete una cosa? Sul personaggio che ho “odiato” più di tutti non ho alcun dubbio: Noah l’ho proprio mal sopportato. Se Tessa in qualche modo va contro pregiudizi e regole, cercando in tutti i modi di viversi a pieno l’esperienza del college e la sua storia con Hardin, Noah è proprio la noia fatta persona. Mai un capello fuori posto, una parola di troppo o un pensiero sbagliato. Altro che diciottenne… neanche un fermacarte è così assolutamente insignificante.

10) Quante stelline dai ad After? Consiglieresti ai lettori di Sognando Leggendo di comprarlo?

S: Credo che After si meriti 5 stelle, perché è una storia appassionante, travolgente, distruttiva, dalla quale non vorreste mai allontanarvi. Vi farà sognare di provare un amore forte come quello che c’è tra Tessa e Hardin, vi farà soffrire quando la storia prenderà una piega storta, ma vi farà anche rilassare e sorridere quando tutto filerà liscio come l’olio.

P: Ad After do 3 stelline. Non è il mio New Adult preferito, molte cose del libro mi hanno lasciata perplessa e per gran parte della lettura i due protagonisti mi hanno indispettita come non mai, ma consiglierei ugualmente ai lettori di Sognando Leggendo di acquistarlo. Innanzi tutto percun libro che, nel bene o nel male, smuove qualcosa va letto assolutamente, secondo perché è bene prima di dare un giudizio a riguardo leggere il libro in questione e farsi una propria idea. E quale migliore occasione se non quella di comprare After per confrontare la nostra “recensione” con la vostra?

Buona lettura sognalettori e fateci sapere le vostre opinioni!

Sarinique ha votato:

Voto

 

 

 

Penelope ha votato:

Voto

 

3Astelle.png

Immagine5

Anna Todd è una scrittrice esordiente che trascorre le sue giornate ad Austin con suo marito, con il quale ha battuto la metà delle statistiche per essersi sposati un mese dopo il diploma. Mentre il marito si trovava in Iraq con tre schieramenti, lei ha fatto lavori insoliti: dall’addetta di make-up all’ elaborazione IRS. Anna è sempre stata un’avida lettrice e un’amante delle boy-band e delle storie d’amore. Quindi ora che ha trovato un modo per combinare le tre cose, si sta godendo la sua vita da sogno divenuto realtà.

Facebook-iconBlogger-iconTwitter-iconGoodreadsInstagram-icon

Lascia un commento

0 risposte a “After di Anna Todd”

  1. […] After: 1. After 2. Un cuore in mille pezzi 3. After We Fell 4. After […]

  2. […] After: 1. After 2. Un cuore in mille pezzi 3. After We Fell 4. After […]

  3. […] 1. After 2. Un cuore in mille pezzi 3. Come mondi lontani […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi