“Angelize” di Aislinn

 Angelize

di Aislinn

AislinnAislinn è nata nel 1982, scrive ascoltando rock e metal e ha una passione inesauribile per la lettura. Ha partecipato al romanzo storico In territorio nemico di Scrittura Industriale Collettiva (minimum fax, 2013) e a diverse antologie, tra cui 365 racconti sulla fine del mondo (Delos Books, 2012). Vive tra Novara e Milano. 

Pinterest-iconsGoodreads_iconFacebook-iconBlogger-iconTumblr-iconTwitter-iconInstagram-icon

 

datilibro

Titolo: Angelize
Autore: Aislinn
Serie: Angelize #1
Edito da: Fabbri Editori
Prezzo: 16.00 €
Genere: Urban Fantasy
Pagine: 350 p.
Voto: http://i249.photobucket.com/albums/gg203/nasreen4444/SognandoLeggendo/2Astelle.png

  

Trama: Essere un angelo è terribile. Non provi emozioni, non puoi toccare, mangiare, amare. Per questo molti di loro cominciano a desiderare la vita terrena per provare quello che non hanno mai sperimentato nell’eternità. Per liberarsi dalla condizione eterea hanno solo un mezzo: uccidere un essere umano che prenderà il loro posto. Un gruppo di vittime, però, non si è rassegnato a questo poco invidiabile destino e ha trovato il modo di reincarnarsi in corpi nuovi che sono una via di mezzo tra angeli e uomini. Di nuovo sulla terra, questi angeli bastardi vorrebbero soltanto ricucire i pezzi di vite bruscamente interrotte, finire gli studi, ritrovare amori perduti. Come Haniel, privo di regole e affamato di sesso, che “indossa” ora il corpo di una ragazza. O come Hesediel, che cerca di far capire alla donna che ama che è tornato dalla morte, e che adesso è in grado di guarire da qualsiasi ferita. Ma gli angeli “puri”, quelli che non hanno mai ceduto alla tentazione della carne, sono in caccia, armati di spada e fuoco celeste, decisi a spazzar via le abominazioni. Per sopravvivere gli “angeli bastardi” dovranno dar battaglia a forze molto più grandi di loro e prepararsi a terribili sacrifici…

Recensioneùby CriCra

Come appassionata lettrice e, allo stesso tempo, amante di storie riguardanti personaggi celestiali o meno, come angeli, arcangeli e creature demoniache, ecco che dopo aver aspettato un po’ di tempo, sono riuscita ad avere tra le mani Angelize, un romanzo urban fantasy scritto dalla mente creativa di una giovane autrice italiana che scrive sotto lo pseudonimo di Aislinn.

Ambientato in una Milano moderna, ricca di vita, lavoro e frenesia giornaliera. Dove nei tanti pub, nightclub e discoteche disseminati per l’intera città, la notte è popolata dagli incontri giovanili, tra luci, colori, musica e alcol. In una festa continua che si protenderà ogni giorno, fino alle prime luci di altrettante nuove albe.

1

Per sommi capi la storia è questa: degli innocenti esseri umani sono le vittime di angeli che hanno rinnegato se stessi, cedendo al richiamo della carne, bramosi di provare emozioni e sensazioni da sempre a loro negate. Queste vittime a loro volta, sono condannate a prendere il loro posto, sospesi come tra due mondi, tra un limbo infinito o volendo un purgatorio asettico e vuoto. In loro soccorso, una Dea, misteriosa e senza nome, donerà loro la possibilità di tornare in vita nelle precedenti spoglie mortali. Non più angeli, né umani, ma angeli mezzo sangue, angeli ibridi. Ma in tutto questo, ecco che si scatenerà contro di loro una caccia spietata da parte degli “Angeli Puri” al servizio dell’Altissimo. Guerrieri implacabili che cercheranno in ogni modo di sterminare ogni singolo ibrido.

Ora non siete più angeli. Non conta come lo eravate diventati. Uomini non potevate tornare, ma d’ora in poi sarete qualcosa che assomiglia a entrambi, angeli e mortali. Avrete un corpo, ma per voi il tempo resterà fermo e non morirete come gli uomini. Non sarete più creature del Padre – che disprezzano la carne, le sue gioie e le sue sofferenze. Sarete creature della Madre, vivrete liberi onorando così la mia notte.

I protagonisti sono vari e tanti che, è difficile menzionarli tutti, anche per la particolarità dei loro nomi biblici. Tra le schiere degli angeli ibridi risalteranno personaggi come Hesediel, un tempo grande lavoratore e amante del cabaret; Rafael, uno studente universitario che dimostrerà di essere un’anima davvero misericordiosa e umile, capace di amare con tutto se stesso; e poi c’è Haniel, il più duro e impertinente tra loro, che disgraziatamente per lui, sarà l’unico a non riavere le sue precedenti fattezze mortali. Ad attenderli al varco ci sarà Mikael, l’arcangelo guerriero di Dio, che, come la luce di un faro divino, guiderà i suoi angeli puri nella battaglia.

“Esteriormente sembravano uguali a loro prima che trovassero il modo di tornare alla quasi normalità: disincarnati, con le ali di luce che pulsavano, figure dalla statura imponente e dai tratti nobili. Si distinguevano subito dagli angeli ibridi, che avevano conservato l’aspetto comune posseduto in vita. Gli angeli puri si tenevano alla larga da quelli come loro e raramente parlavano. E ancora meno li ascoltavano.”

Faremo conoscenza di tutti questi personaggi interessanti e caratteristici. Protagonisti che attraverso i loro ricordi, ci racconteranno le loro storie di vita, i sogni e le speranze infrante allo loro tragica e ingiustificata morte; consapevoli di tanti rimpianti e delle paure che riaffioreranno nella nuova esistenza.

Coloro che avevano ritenuto se stessi al di sopra di tutto, elevatisi a giudici e giustizieri, peccheranno di superbia. Sarà una guerra. Giusto e sbagliato. Verità e menzogna. Dove il confine tra ciò che è bene e male si baserà su un fragilissimo filo sottile. Una crudele lotta alla sopravvivenza.1

Attraverso un linguaggio lineare e parimenti ben costruito, ogni singola scena ed azione, viene descritta minuziosamente, dando la giusta percezione adrenalinica e scenografica di ciò che viene narrato. Lo stesso vale per le descrizioni logistiche e soggettive, specie quando l’autrice si sofferma sui dettagli che caratterizzano i suoi particolari “angeli puri”.

Non aspettatevi il classico romanzo paranormal con un lieto fine scontato, pronto e impacchettato, ma un particolare e originale urban fantasy che rompe i soliti schemi, con un giusto epilogo che mi ha davvero emozionato e commosso tantissimo. Un testo che proprio per la particolarità criptica del suo finale, lascia ben sperare per un successivo capitolo. Io me lo auguro. In attesa di ciò, ve lo consiglio spassionatamente. Buona lettura a tutti.    😀 

Lascia un commento

Una replica a ““Angelize” di Aislinn”

  1. Lux ha detto:

    La trama prometteva già molto bene da sola ma la recensione mi ha davvero conquistata! Fino a qualche minuto fa non sapevo cosa leggere e mi disperavo alla ricerca di un buon libro con il quale passare le mie placide e noiose giornate estive… ora non più!
    Ho bisogno di un libro che mi catturi e mi trascini, spero che questo faccia al caso mio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi