Anteprima:” Il Requiem di Terezin” di Josef Bor

Anteprima

Una delle testimonianze più alte e commoventi sui campi di sterminio:

Josef Bor
Il Requiem di Terezin

IN LIBRERIA DAL 27 GENNAIO

 datilibro

Titolo: Il Requiem di Terezin
Autore: Josef Bor
Traduzione: Bruno Meriggi
Edito da: Passigli Editore
Prezzo: 14.50 €
Uscita: 27 Gennaio 2014
Genere: Storico
Pagine: 104 p.

Trama: Il pianista e compositore cecoslovacco Rafael Schächter arrivò nel campo di concentramento di Terezin nel novembre 1941 con il trasporto H-128. Aveva con sé una valigia contenente effetti personali e alcuni spartiti, in particolare quello del Requiem di Verdi. Quando trovò un pianoforte in un magazzino abbandonato ebbe un’idea folle, l’esecuzione del Requiem da parte dei prigionieri per annunciare in qualche modo il Giorno del Giudizio anche ai carnefici. Terezin era il così detto ‘lager degli artisti’, dove Hitler obbligava le famiglie degli intellettuali ebrei a fingere di vivere in un mondo normale, quando in realtà si trattava solo di una tappa verso la destinazione finale di Auschwitz. Per questo motivo la richiesta dell’esecuzione del Requiemcon orchestra e coro composti dagli internati fu accolta ed ebbe luogo nel luglio del 1943 alla presenza di Eichmann. Pochi giorni dopo tutti i coristi vennero deportati e Schächter fu ucciso all’arrivo ad Auschwitz.

Dal libro: “Proprio lì, nel ghetto di Terezín, Schächter doveva preparare il Requiem di Verdi. Se ne era reso conto in maniera sempre più chiara, capiva che quell’occasione unica non si sarebbe presentata forse mai più. In quale altro luogo avrebbe avuto la possibilità di scegliere senza alcuna limitazio- ne, e affidandosi esclusivamente al proprio gusto artistico, un gruppo di musicisti così colti e raffinati? In quale altro luogo avrebbe trovato ascoltatori così sensibili? Tutti, lì, erano assetati di arte, tutti desideravano ardentemente di sperimentare almeno un palpito di profondi sentimenti umani, con tanta più passione e fervore quanto più insensato, ributtante e crudele era il mondo nel quale erano stati gettati con la violenza.” 

autore

Josef Bor (1906-1979), influente giurista di nazionalità ceca, fu internato nel campo di Terezin nel 1942 a seguito di un attentato al gerarca nazista Reinhard Heydrich. Nell’ottobre del 1944 fu trasferito ad Auschwitz, dove perse nelle camere a gas madre, moglie e due figli. Fu trasferito successivamente a Buchenwald, dove nel 1945 fu liberato dalle forze alleate. Nel 1963 pubblicò Il Requiem di Terezin, una delle più alte e commoventi testimonianze sulla tragedia dei campi di sterminio.


Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi