Anteprima: ‘La bambina che guardava i treni partire’ di Ruperto Long

In arrivo a partire dal 28 Settembre per la casa editrice Newton Compton, per tutti gli appassionati del genere narrativo, storico. Bestseller per settimane in cima alle classifiche in Spagna. Tradotto in 10 Paesi. Un romanzo scioccante. Vincitore del Libro de Oro 2016:

Ruperto Long
La bambina che guardava i treni partire

L’orrore dell’Olocausto visto con gli occhi ingenui e puri
di una bambina di otto anni.

datilibro
Titolo: La bambina che guardava i treni partire
Titolo originale: La niña que miraba los trenes partir
Autore: Ruperto Long
Edito da: Newton Compton
Prezzo: Ebook 2.99 €
Uscita: 29 Settembre 2017
Genere: Romanzo narrativo, storico

TRAMA: Francia, 1940. La seconda guerra mondiale è ormai alle porte e i Wins, ebrei di origine polacca, rischiano di essere deportati. Alter, lo zio, è partito per la Polonia nel tentativo di salvare i suoi familiari, ma è stato preso e rinchiuso nel ghetto di Konskie. Il padre della piccola Charlotte vuole evitare che la sua famiglia subisca lo stesso destino, così si procura dei documenti falsi per raggiungere Parigi. Ma dopo soli quarantanove giorni si rende conto che la capitale non è più sicura e trasferisce tutti a Lione, sotto il governo collaborazionista di Vichy. Charlotte a volte esce di casa, e davanti ai binari guarda passare i treni carichi di ebrei deportati. Ben presto suo padre si rende conto che nemmeno Lione è il posto giusto per sfuggire alle persecuzioni e paga degli uomini perché li aiutino a raggiungere la Svizzera. Un viaggio molto pericoloso, perché durante un incidente i Wins si trovano molto vicini alla linea nazista… Una fuga senza sosta, di città in città, per scampare al pericolo, sostenuta dalla volontà ferrea di un padre di salvare a tutti i costi la propria famiglia.

Ruperto Long è un ingegnere, scrittore e politico. Nel 2013 è stato nominato Cavaliere dell’Ordine delle Arti e delle Lettere dal governo francese. Nel 2015 ha ricevuto la Medaglia d’Onore Juan Zorrilla de San Martín per i suoi lavori su Lautréamont e Ferrer. È stato senatore uruguaiano e attualmente è ministro della Corte dei Conti uruguaiana. Ha ricevuto numerosi premi per il suo sostegno in favore dei disabili e anche per la creazione di un museo della scienza. È autore di opere di saggistica, mentre La bambina che guardava i treni partire segna il suo esordio nella narrativa.

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi