Caldo Sangue di Suanna F. Roberti

Caldo Sangue

di Suanna F. Roberti

separatore2

 

Titolo: Caldo Sangue
Autore: Suanna F. Roberti
Edito da: Delos Digital
Prezzo: 3,99
Genere: Paranormal Romance
Pagine: 639

Trama: Roma: 2008. Ranieri Dei Soldati, chef stellato del ristorante Urbe, vive un’appassionante storia d’amore con Violante, la donna che ama da sempre. La sua ossessione ad avere un figlio tutto suo lo porterà a fare scelte difficili. Tra torbide passioni, assassinii, amori antichi e recenti, una travolgente caduta libera nella spirale di una ritrovata identità umana, in contrasto con la malvagità di un sanguinario vampiro di 514 anni che ha conosciuto Michelangelo e Caravaggio.  

Immagine5

Recensioneùdi Morgane Le Faye

L’erotismo raccontato dal punto di vista di uno chef vampiro ossessionato dal desiderio di un figlio. Un piccante viaggio tra la cucina italiana, la lussuria, la morte e l’amore incondizionato e senza tempo. Tutto questo è racchiuso in questo libro.

Ho sempre amato le storie di vampiri, da Dracula a Intervista col vampiro, da Twilight alla Confraternita del Pugnale Nero, il mondo di queste creature mi ha sempre affascinato, per cui quando ho letto di un vampiro chef mi sono cimentata nella lettura di questo romanzo che trattava appunto di un vampiro diverso dai soliti a cui ero abituata. Un vampiro chef con l’ossessione di diventare padre, in effetti, è stato un’autentica novità.

baggage-dispetti-di-famigliaL’intero romanzo è narrato dal punto di vista di Ranieri che prima ironizza sui vari modi delle scrittrici odierne di raccontare i vampiri, sfatando e confermando varie dicerie su di essi, ed affermando che quella che più si è avvicinata a descrivere la loro vera natura è Anne Rice e poi entra nel vivo della storia raccontando di come ha avuto il posto di chef, come fa a capire se un cibo è buono o no visto che non può mangiarlo e via discorrendo.

Fin dai primi capitoli si capisce subito che Ranieri è una persona carnale, ama il cibo ed il suo odore anche se non può mangiarlo, ama toccare, sentire ed assaporare ogni cosa lo circondi e apprezza ogni sensazione che da essa deriva.

Questa secondo me è una discreta trovata da parte dell’autrice che cerca di mettere in luce l’animo simpatico di Ranieri non puntando subito sul suo lato “vampiresco”.

Man mano  che Ranieri va avanti nel raccontare la sua vita e la sua grande passione per Violante, la proprietaria del ristorante dove lavora, ecco che viene fuori il suo lato oscuro e passionale. Ranieri è sì in grado di amare alla follia una donna ma ha anche un forte appetito sessuale ed una rabbia che non esita a portare all’estremo quando qualcuno vuole fare male alle persone che ama.

Certo si rende conto che le azioni che compie sono frutto del suo essere mostro e in certe occasioni cerca persino di trattenersi, ma il più delle volte la sua vera natura viene fuori e per Ranieri riuscire a mantenere il controllo è veramente difficile.

In alcuni punti, più che un vampiro sembra uno stalker ossessionato. Capisco il bisogno di proteggere le persone che si amano, ma qui siamo troppo agli eccessi.

Passati i primi capitoli dove si fa un po’ fatica ad ingranare con la lettura, la trama da circa metà del libro in poi diventa più fluida e scorrevole, anche se a mio parere alcune scene potevano tranquillamente essere evitate: troppo sesso, a volte persino troppo violento, con scambi di coppia e sesso m/m che io da lettrice non amo particolarmente.

La lettura è godibile ma, ripeto, secondo il mio parere, alcune scene potevano tranquillamente essere evitate.

 

VOTO:

Suanna Fedra Roberti nasce ad Asti il 2 giugno del 1974. Appassionata di musica, cinema e letteratura, vive tra le colline dell’alto Monferrato dove abbondano il buon cibo e l’ottimo vino. “Caldo sangue “è il suo romanzo d’esordio.

 

Editing by Fede e CriCra

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi