Care case editrici aspettate pure, che non vale proprio la pena!

caracasaeditrice2

Cara Casa Editrice
cosa NON vorremmo veder nelle librerie italiane…

 

Quale membro delle redattrici di “Outlandish reviews” e di “Care case editrici” ci sono dei libri che vorrei portare all’attenzione dei lettori non tanto perché se li procurino, quanto piuttosto perché non li leggano. È vero che i gusti sono gusti, ma credo che si possa affermare, senza temere di essere smentiti, che esiste qualcosa che possa essere definita come: “mondezza universalmente riconosciuta”.

Ci sono ormai in giro parecchi libri che si muovono sulla falsariga delle 50 sfumature e che potremmo riassumere cosí in breve: multimillionario con un passato di abusi incontra ex modella particolarmente intelligente, con la quale combina a letto di tutto di più, ma della quale non riesce ad innamorarsi/fidarsi completamente. Oltre alla trilogia della signora James, già citata, un altro clamoroso caso quasi di plagio è la Crossfire trilogy di Sylvia Day, oppure “The blackstone affair” di cui abbiamo già parlato sempre qui su SL. Se nei casi precedentemente citati è possibile risalire ad almeno un abbozzo di trama, se non ad una trama vera e propria (per quanto accusabile di plagio), nel caso della “Stark trilogy” di J. Kenner questo risulta alquanto problematico.

Vi faccio un esempio: la coppia ha un problema? Lo risolve con acrobazie sessuali! Lui viene accusato di omicidio? Scopiamoci sopra. Lei viene inseguita dai paparazzi che indagano sul suo passato e sul suicidio della sorella? Questo non è che il preludio migliore ad un po’ di sano bondage. Insomma pietoso. Inoltre tre quarti del libro descrivono le divagazioni della protagonista che guarda il suo billionario chiedendosi come mai tale perfezione in termini sia di personalità che fisici, oltre che monetari, le sia capitata in sorte. Personalmente me lo chiedo anche io, ma si sa che stiamo leggendo della fiction.

Quindi questa serie la boccio completamente e mi chiedo: quanti libri ancora dovrò leggere in cui il miliardario, strafighissimo e abusato, lotta contro i suoi fantasmi per fidarsi di una donna che va bene per il sesso, ma non per tanto altro? In ultimo, a questo punto, vorrei rivolgere un appello a tutti i milionari in giro: fate outing! Lo sappiamo che vi hanno abusato da piccoli, altrimenti tutti questi soldi non si spiegano, e cercate un aiuto di tipo psicologico, altrimenti sarete destinati a sposare una sciacquetta idiota solo perché nelle chiacchiere da letto vi siete confidati con lei!!!

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi