Cento Giorni di Felicità, Fausto Brizzi

Cento giorni di Felicità

di Fausto Brizzi

 

cento giorni di felicitàTitolo: Cento Giorni di Felicità
Autore: Fausto Brizzi
Serie: //
Edito da: Einaudi, Stile Libero Big.
Prezzo: 15,73 €
Genere: Romanzo
Pagine: 393

anobii-icon Good-Reads-icon amazon-icon

Trama: Non a tutti è concesso di sapere in anticipo il giorno della propria morte. Lucio Battistini, quarantenne ex pallanuotista con moglie e due figli piccoli, invece lo conosce esattamente. Anzi, la data l’ha fissata proprio lui, quando ha ricevuto la visita di un ospite inatteso e indesiderato, un cancro al fegato che ha soprannominato, per sdrammatizzare, “l’amico Fritz”. Cento giorni di vita prima del traguardo finale. Cento giorni per lasciare un bel ricordo ai propri figli, giocare con gli amici e, soprattutto, riconquistare il cuore della moglie, ferito da un tradimento inaspettato. Cento giorni per scoprire che la vita è buffa e ti sorprende sempre. Cento giorni nei quali Lucio decide di impegnarsi nella cosa più difficile di tutte: essere felice. Perché, come scriveva Nicolas de Chamfort, “la più perduta delle giornate è quella in cui non si è riso”.

Immagine5

Recensioneùdi Valuccina

Se ti dicessero: “su questa Terra hai soltanto cento giorni a tua disposizione, sfruttali bene”, come reagiresti? Personalmente andrei nel panico e nella confusione più totale, almeno all’inizio, li passerei a ciondolare, probabilmente, tra le mille e più cose che vorrei fare. Difficile immaginarsi in una situazione del genere, si può solo presupporre di fare una certa cosa al posto di un’altra, togliersi uno sfizio che altrimenti non ti saresti mai tolto a causa dei sensi di colpa che subito dopo avrebbero bussato alla porta.

Così fa Lucio Battistini, il nostro “morituro”, che già dalle prime pagine ci svela senza troppi complimenti che il libro finirà con la sua morte.

Ehi ma questo è spoiler!” direte giustamente voi.

In effetti così potrebbe sembrare, ma non è questa rivelazione la forza del libro, ma come ci accompagna nel suo cammino verso una fine consapevole, purtroppo, dovuta ad un male incurabile.

Lucio è un istruttore di pallanuoto, ex atleta, e inizia la sua storia partendo dalla sua relazione extraconiugale, utilizzata come prologo a tutto ciò che scopre successivamente, e a come vive in famiglia dopo che la moglie ha scoperto il suo tradimento.

Il romanzo ha una cadenza triste-amara, abilmente raccontata con una spensieratezza, lucidità e allegria disarmante. Ti travolge, ti cattura, ti fa vivere i momenti felici, tristi, spensierati di Lucio in questi lunghi 100 cento giorni.

Ogni capitolo è un giorno, un count-down verso la data, indicativamente stabilita dai medici, in cui il corpo di Lucio avvierà la fase finale della malattia. L’autore ha abilmente descritto i sentimenti di quest’uomo e dato una visione più consapevole, ottimista oserei dire, di ciò che la malattia porta nella psiche e nel corpo di una persona come Lucio: attiva, dinamica e senza vizi come l’alcool, il fumo o chissà cos’altro considerato nocivo.

Un libro forte e delicato al tempo stesso, un libro che fa riflettere, emozionare e anche sorridere.

Un romanzo che, a mio parere, dona quella forza a chi sta lottando e si sente stanco, ma anche a chi deve lottare a fianco di queste persone. Una prospettiva diversa, che non guarisce certo, ma forse aiuta.

Un libro unico.

Voto

 

 

Immagine5

Fausto Brizzi: Nato a Roma, figlio di un avvocato di origini pugliesi e di una dirigente ministeriale,, si diploma in regia al “Centro Sperimentale di Cinematografia” nel luglio 1994. Dopo varie esperienze teatrali e alcuni cortometraggi premiati, dal 1994 si dedica alla scrittura televisiva e cinematografica. Ha scritto per la tv numerose fiction (tra le altre: Il mio amico Babbo Natale, Valeria medico legale, Sei forte maestro, Benedetti dal Signore, Due imbroglioni e mezzo). Ha scritto inoltre una dozzina di film di grande successo (tra gli altri: Bodyguards, Merry Christmas, Natale sul Nilo, Natale in India, Christmas in love, Natale a Miami, Natale a New York, Natale in crociera, tutti per la regia di Neri Parenti).

Fonte biografia: Wikipedia

Facebook

 

 

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi