Halo Series di Alexandra Adornetto [Sacrifice #2]

Alexandra Adornetto:

Alexandra Adornetto è nata in Australia il 18 aprile 1992. La narrativa è sempre stata la sua grande passione: quando aveva solo tredici anni, ha rinunciato alle vacanze estive pur di portare a termine la stesura di un romanzo e, da allora, non ha mai smesso di scrivere. Rebel è il suo primo libro a essere pubblicato in America ed è subito entrato nelle classifiche del New York Times e di Publishers Weekly. Attualmente si divide fra l’Australia e gli Stati Uniti, dove spera di affiancare all’attività di scrittrice anche quella di attrice.

Sito Autrice:  Alexandra Adornetto


Halo Series:

1. Halo, 2010 (Rebel, 2011)
2. Hades, 2011 (Sacrifice, 2012)
3. Heaven, 2012

Cliccando sul titolo si va direttamente alla recensione interessata

 

Titolo: Rebel
Autore: Alexandra Adornetto (Traduttore:  L. Prandino, A. Gerratana)
Serie: Rebel Series, vol.1
Edito da: Nord (Collana: Narrativa)
Prezzo: 16.60 €
Genere: Yount Fantasy, Urban Fantasy, Paranormal Romance, Angeli, Demoni
Pagine: 450 p.
Voto: 
   

Trama: È la prima volta che Bethany scende sulla Terra. Come tutti gli altri angeli, lei ha sempre vegliato sui mortali dall’alto, ma ora le forze del Male stanno prendendo il sopravvento, perciò è necessario un intervento diretto. Anche se sembra un’adolescente qualsiasi, Bethany deve proteggere le persone senza lasciarsi coinvolgere. Neppure da quel ragazzo che sa renderla felice solo con un sorriso, il ragazzo che le ha fatto scoprire l’amore terreno. Tuttavia, pur di restare accanto a lui, Bethany deciderà di sfidare il Cielo…

Recensione
di Nasreen

“Rebel” di Alexandra Adornetto è il primo romanzo di una nuova trilogia (cui seguiranno Hades e Heaven), fortemente attesa e voluta da molti blogger e lettori italiani e più volte presente nelle varie rubriche settimanali di “avvistamenti” di romanzi stranieri.

Dunque, come spesso accade, di fronte ad una incredibile attesa e a grandi aspettative il rischio di rimanere delusi è in agguato.

In questo caso i lettori non rimarranno sicuramente delusi ma, piuttosto, poco colpiti. Purtroppo, il romanzo non ci presenta molto di nuovo, originale o quantomeno divertente. Risulta una piacevole lettura ma, in sottofondo, ci si ritrova continuamente a fare paragoni o scacciare la fastidiosa sensazione di “già letto, già visto”.

Lo schema è sempre lo stesso: amore soprannaturale (in questo caso angelo + uomo) contrastato da tutto e tutti, perfino dai “piani Alti” anche se, questa volta, questo amore era stato previsto e da alcuni perfino sperato.  Come già detto, poco di innovativo, ma certamente molto dipende dal bagaglio di letture che ognuno di noi ha alle spalle.

L’elemento più originale del romanzo è presentato dall’inversione dei ruoli che comunemente vedono come essere soprannaturale l’uomo e come “umano” la donna. In “Rebel” abbiamo un angioletto alle prime armi, che si ritrova per una missione sulla Terra e che si infatua e poi innamora di un ragazzo dal passato piuttosto doloroso.

È molto dolce e simpatico leggere del periodo di adattamento di Bethany nella nuova scuola, nonché nel suo nuovo e scintillante corpo da teenager. È imbranata e un po’ impacciata; complessivamente risulta subito simpatica, ma sa anche di “già letto”: sembra che oggi non possa esistere una protagonista che non sia imbranata, sensibile e fragile.

Xavier è l’incarnazione perfetta del protagonista maschile dolce, comprensivo, affascinante e abbastanza tutto d’un pezzo da attirare molte occhiate ammirate.

Ad affiancare Bethany in questa sua “missione in Terra” ci sono Gabriel, il condottiero, e Ivy, la guaritrice. Gabriel è stato caratterizzato molto bene dato che incarna – se così possiamo dire – perfettamente il suo essere angelo. Anche se molti non saranno d’accordo, di fatto Gabriel è un guerriero angelico dagli innumerevoli anni ed è quindi facile rivederlo nelle vesti di un ragazzo un po’ freddo ma anche logico e indipendente. Nulla sembra toccarlo e sopra ogni altra cosa per lui c’è la “Missione”. In altre parole è come molti di noi immaginano la figura altera e forse perfino un po’ fredda dell’Angelo dei Cieli Superiori.

Molto divertente è anche l’amica di Bethany: Molly. Un personaggio che ha decisamente del potenziale da sfruttare; risulterà impossibile non affezionarcisi. Come sarà impossibile non arrivare ad odiare il “Cattivo” (non scriviamo il nome per non rovinare la lettura) che non si arrenderà mai, disposto a tutto pur di distruggere l’amore dei ragazzi e per avere Bethany. È innamorato di lei? No, la vuole, fine dei giochi. È solamente una questione di possesso e corruzione e questo, fortunatamente, ci allontana dal classico triangolo amoroso con l’eterna indecisa al centro che non sa quale “belloccio” della situazione scegliere. Bethany lo sa perfettamente e non mancherà di farlo notare al “Cattivo”.

Peccato che i pettegolezzi, quando c’è amore, riescono sempre a sfondare delle porte aperte – anche se non dovrebbe essere così – e si creerà comunque qualche scompiglio fra i due innamorati…

Il libro è stato scritto da una giovanissima autrice del 1992 e, in tutta onestà, ritroviamo chiaramente in lei le capacità di una scrittrice che, con gli anni, potrà puntare in alto, sempre più in alto. Lo stile c’è, è innegabile, ed è elegante e molto accurato. I personaggi sono stati caratterizzati bene e, nonostante alcune volte abbiano avuto dei comportamenti troppo stereotipati e sfruttati negli young adult, riescono comunque a “vivere” autonomamente senza sembrare dei burattini in mano all’autore.

In definitiva l’autrice è riuscita, nonostante la giovane età, a produrre un lavoro decisamente ammirevole che, in un periodo meno saturo di young adult angelici avrebbe senza dubbio ottenuto più consensi.

Molto probabilmente è veramente arrivata l’ora, per l’editoria, di rallentare e puntare verso qualcosa di meno inflazionato, lasciarsi qualche “colpo in canna” per i prossimi anni, per tenere vivo il settore young adult angelico e, allo stesso tempo, lasciare il tempo ai lettori di smaltire e concentrarsi su altri argomenti, disintossicandosi un po’.

Booktrailer

 

Titolo: Sacrifice
Autore: Alexandra Adornetto (Traduttore:  S. Molinari)
Serie: Rebel Series, vol.2
Edito da: Nord (Collana: Narrativa)
Prezzo: 16.60 €
Genere: Paranormal Fantasy
Pagine: 368 p.
Voto: 
   

Trama: C’erano solo due regole: non rivelare agli umani il proprio segreto e non lasciarsi coinvolgere. Bethany le ha infrante entrambe, innamorandosi del giovane Xavier e confidandogli di essere un angelo. Il suo tradimento, però, ha contribuito a sconfiggere le Forze Oscure, perciò la ragazza non è stata punita, anzi le è stato permesso di continuare la missione presso la Bryce Hamilton School di Venus Cove, dove ormai si è perfettamente integrata. Al punto che le sue compagne di classe la invitano al party più esclusivo dell’anno: la festa di Halloween che si terrà in una vecchia casa abbandonata. E la convincono a prendere parte a una seduta spiritica. Ma la presenza di Bethany trasforma quel gioco innocente in una trappola mortale: grazie ai suoi poteri soprannaturali, infatti, il rito apre un varco tra il nostro mondo e l’Ade. Un varco di cui approfitta subito il demone Jake Thorn, che rapisce Bethany e la trascina all’inferno con sé. Disperato, Xavier si lancia al suo inseguimento, anche se un mortale ha ben poche speranze di sopravvivere negli inferi. E Jake Thorn lo sa bene. Per questo propone un patto a Bethany: diventare un’ancella del Signore delle Tenebre in cambio della vita del suo unico, vero amore.


Recensione
di CriCra

 

Sacrifice di Alexandra Adornetto è il 2° appuntamento della trilogia Halo. Nel libro precedente, Rebel, avevamo conosciuto i protagonisti della storia: Beth, Gabriel e Ivy, tre fratelli angeli scesi sulla terra per proteggere gli abitanti della cittadina di Venus Groove, in Georgia. Bethany ha conosciuto Xavier, un affascinante ragazzo della sua stessa età, frequentante la scuola dove i fratelli l’avevano iscritta.

adeIn questa nuova avventura, a causa di una sua imprudenza, dopo aver partecipato ad una seduta spiritica la notte di Halloween con le amiche, Beth viene rapita da Jack North, un demone malvagio, principe del 3° cerchio dell’inferno che  nel libro precedente era stato sconfitto da Gabriel.

Beth verrà condotta così nel regno degli inferi. Questo rapimento all’inizio potrà apparire come un altro tentativo da parte di Jack di costringere Beth ad amarlo e concedersi a lui. Ma, nel proseguo della vicenda, scopriremo che dietro a tale gesto vi è nascosto ben altro. Beth rappresenta una pedina basilare per i piani malvagi di Satana in persona.

È interessante la visione che l’autrice ci dà dell’inferno. In pratica sembra di essere stati catapultati in una specie di Las Vegas demoniaca. Un luogo ricco di ambienti e locali dediti ad ogni tipo di perdizione: alcol, sesso, droga. Popolata da anime dannate costrette a ripetere all’infinito, per l’eternità, il crimine ultimo per il quale sono state confinate in quel luogo malefico. Proprio come nel mito di Sisifo.

Come se qualcuno avesse premuto il tasto REPLAY
la scena agghiacciante si ripeté daccapo davanti ai miei occhi
e capì che i suoi protagonisti erano destinati a riviverli all’infinito.
Anche le altre figure che mi circondavano stavano

rivivendo i crimini del proprio passato, e l’elenco dei
misfatti sembrava interminabile: omicidi, stupri,
tradimenti, adulteri rapine.

Attraverso la viva voce di Beth, ci verranno trasmesse le immagini degli ambienti e di questi personaggi dannati. Percepiremo l’impotenza che avvolgerà Beth all’interno di questa prigione, velata tuttavia da un persistente alito di ribellione nascosto profondamente in lei.

A volte ho avuto la sensazione di leggere uno di quei romanzi ambientati nel 700 o nell’800 dove una “dolceade pulzella” è in trepidante attesa del valoroso cavaliere che verrà in suo soccorso per liberarla dal “manigoldo” che l’ha imprigionata. E, ovviamente, egli giungerà a salvarla. Xavier sarà il suo cavalier servente dall’armatura scintillante sul cavallo bianco (che in questo caso sarà rappresentato dalla sua auto, una Chevy azzurra, guarda un po’ la coincidenza!)

Lo stile della Adornetto si ripresenta semplice, facile da leggere. Un uso descrittivo dei personaggi ed ambienti abbastanza dettagliato e concreto. Leggendo un po’ di recensioni in giro per i vari blog, ho notato che questo libro è stato praticamente bollato negativamente. Ma giudicarlo addirittura banale mi è sembrata una esagerazione. Forse il termine che potrei lasciar passare è “sempliciotto”. Devo comunque dare atto a questa scrittrice di avere avuto spirito di coraggio e un pizzico di ironia nella personale visione che ha dato agli inferi.

Una visione, appunto, forse un po’ troppo romanzata e perbenista. Conosciuto da tutti come il luogo che rappresenta il male per eccellenza, l’inferno di Alexandra Adornetto è un posto dove, magari per sbaglio, possono esserci finite delle anime buone. O dove il Re del Male, Lucifero, Satana, viene simpaticamente chiamato con l’appellativo di “Gran Papà”. Davvero assurdo per molti, ma non per l’autrice stessa.

Spero che tu possa incontrare presto il Grande Papà,
sono sicuro che ti troverà adorabile.”Ricordai di aver sentito pronunciare
quell’assurdo nomignoloche mi faceva pensare al titolo di un reality show.
“Qualche volta lo chiamiamo anche Papà Luci.
Forse permetterà anche a te di chiamarlo così,
quando sarete entrati in confidenza.”

In questo 2° libro traspare in maniera ancora più evidente quale sia la vena spirituale della Adornetto. La fede in Dio, il bene che prevale e prevarrà sempre sul male, sono temi profondamente radicate nei suoi racconti. Aspettiamo dunque di vedere cosa dovranno affrontare Beth e Xavier e ancora Gabriel, Ivy e gli altri personaggi finora conosciuti, nel prossimo episodio. Il finale è apertissimo dopo averci lasciato con un carico di curiosità e aspettativa. Sarà ancora una volta il bene a trionfare? Vedremo! Buona lettura a tutti!

 

Booktrailer

Lascia un commento

Una replica a “Halo Series di Alexandra Adornetto [Sacrifice #2]”

  1. dede ha detto:

    Hai proprio ragione Nasreen, ci vorrebbe una disintossicazione forzata!! Sicuramente comprerò questo romanzo (è più forte di me!!) e lo troverò carino, ma già "visto", come sto giudicando le mie ultime letture.. Vampiri, angeli, demoni, licantropi & co. sono davvero troppo inflazionati ultimamente e sto faticando molto a trovarne di interessanti, nuovi ed avvincenti!

    Grazie per la tua recensione, sempre gradita! 🙂

  2. […] Halo:1. Halo, 2010 (Rebel, 2011)2. Hades, 2011 (Sacrifice, 2012)3. Heaven, […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi