CinemaMania: Collateral Beauty

cinemamania

Immagine5

CinemaMania

le pellicole che – dicono – stanno sbancando al botteghino

Collateral Beauty

Titolo: Collateral Beauty
Regia: David Frankel
Sceneggiatura: Allan Loeb
Genere: Drammatico
Produzione: Overbrook Enteritainment
Distribuzione: Warner Bros.
Paese: U.S.A.
Durata: 96 minuti
Interpreti: Will Smith, Edward Norton, Kate Winslet, Keira Knightley, Michael Pena
Anno: 2017

TRAMA: Howard Inlet (Will Smith) , a seguito della morte della figlia, cade in uno stato di depressione. Il suo comportamento manda alla deriva la sua azienda perciò i suoi colleghi e amici Whit Yardsham (Edward Norton), Claire Wilson (Kate Winslet) e Simon Scott (Michael Pena) decidono di aiutarlo… e aiutare l’azienda. 

 

Recensioneù

 

Il film è bello… se lo si vede senza farsi condizionare dal trailer. Infatti è proprio al trailer che dobbiamo affibbiare la colpa per aver dato una concezione diversa di ciò che il film è, magari per dare un effetto sorpresa…. che a quanto pare non ha funzionato.

Un film introspettivo ben fatto e ben sceneggiato. Collateral Beauty è una continua cura contro la depressione. Si dà molta presenza al dolore di un padre per la perdita della figlia e al suo percorso, conscio e inconscio, per riemergere. Un ruolo importante va agli amici del protagonista che, mossi da un doppio movente, decidono di dare una mano, a loro modo. Risulta essere proprio questo il fulcro del film: un aiuto non voluto. Le figure di “Morte”, “Tempo” e “Amore” sono solo tre attori che recitano a pagamento.

Il film fa riflettere sul fatto se sia giusto o sbagliato far credere ad un uomo di essere pazzo per aiutarlo, o se realmente volevano aiutarlo, e lo spettatore la domanda se la pone davvero. L’apice della bellezza la si ha negli ultimi minuti dove tutto viene mostrato con un lieto fine degno dell’evoluzione avvenuta lungo il film. Il film mostra come l’aiutare gli altri aiuta se stessi. Ogni coppia tra attore e amico non è mai casuale.

La sceneggiatura e la regia sono impeccabili, il tutto è comprensibile e molto ben pensato. Ogni scena, ogni evento, ogni inquadratura ci aiuta a capire meglio il film e la sua morale.  Bisogna seguire con cura tutta la pellicola, osservare ogni dialogo, capire ogni discorso per apprezzare sempre di più la pellicola ed emozionarsi. Anche la fotografia e la scenografia risaltano tutta questa Bellezza Collaterale che ingloba il film e la sua atmosfera.

Parlando degli attori: ognuno è ben in parte e riesce a trovare un legame con lo spettatore. Come già detto, le coppie che si creano nel film non sono casuali e mostrano come quei personaggi fittizi abbiano, in realtà, aiutato tutti quanti. Will Smith, ad esempio, si dimostra ancora una volta un grandissimo attore, in grado di rendere reale il dolore per la perdita della figlia, del suo trauma e della sua riabilitazione. Keira Knightley interpreta il personaggio con più coscienza e con più cuore per ciò che succede nella pellicola. Tutti fantastici.

Il film va visto senza pregiudizi e senza credere al trailer. La pellicola è molto più profonda e molto più riflessiva. Chi ha amato i film come “La ricerca della felicità”  troverà questo un buon prodotto, Consigliato.


By Giupio 

Editing by CriCra

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi