“Ciò che inferno non è” di Alessandro D’Avenia

Ciò che inferno non è

di Alessandro D’Avenia

 

datilibro

Titolo: Ciò che inferno non è
Autore: Alessandro D’Avenia
Edito da: Mondadori
Prezzo: 15.00 €
Uscita: 28 Ottobre 2014
Genere: Romanzo
Pagine: 324 pag.

anobii-icon Good-Reads-icon amazon-icon

Trama: Palermo, 1993. Federico, studente modello del liceo classico Vittorio Emanuele II, ha diciassette anni e un mare di domande. Ma ha anche un professore di religione speciale: padre Pino Puglisi. Con lui si troverà a scoprire un’”altra” Palermo, quella del quartiere Brancaccio, dei casermoni di cemento, di Cosa Nostra; ma anche la città del coraggio e della speranza. Con l’emozione del testimone e la potenza dello scrittore, Alessandro D’Avenia ridà vita in questo romanzo al “suo” don Pino, un uomo straordinario, capace di generare la sola epica oggi possibile, quella del quotidiano. E di riconoscere anche nell’abisso infernale “ciò che inferno non è”.

Immagine5

Recensioneùdi Gonza

Alessandro D’Avenia è uno scrittore che rientra nella categoria “da leggere tra i 15 e i 25 anni”, ovviamente secondo me. Ci sono autori che ho letto e che non rileggerei, da oggi in poi D’Avenia, alla sua terza prova e al terzo libro che leggo, passa di diritto negli intoccabili, tra quegli autori cioè, che non toccherò mai più. Niente di personale, ma non sono affascinata dai suoi adolescenti meravigliosi, dalle loro storie pseudoprofonde, dai loro turbamenti, né mi interessa leggerne ancora. Sono tre libri sugli adolescenti e sono libri per adolescenti, né più né meno, così come i libri di Volo sono per coloro che a 30 anni ancora non sanno chi sono e, se ancora sei confuso e di anni ne hai 40, ti butti su Coelho, è così che va la vita, quanto meno in libreria.

Stavolta il nostro autore, dottore in letteratura e insegnante di adolescenti,  alza la mira e per fare il grande salto, oltre ai soliti ragazzini, ci mette anche Don Pino Puglisi, che è stato suo insegnante, così narra la leggenda. Don Pino è stato ucciso dalla mafia nel quartiere di Brancaccio dopo 3 anni che faceva il parroco del quartiere, ma la sua figura non è stata dimenticata e i suoi insegnamenti hanno generato frutti, così come la morte di Falcone e quella di Borsellino, peccato non siano abbastanza, perché ci sarebbero ancora molte molte cose da fare, ma torniamo al libro.

Don Pino è un insegnante di religione in uno dei licei classici della Palermo “bene” e più di una volta chiede ai suoi alunni di andare a dargli una mano in parrocchia, a giocare con i bambini; solo uno, Federico, raccoglie il suo appello e quello che trova una volta attraversato il passaggio a livello che delimita il quartiere, lo sconvolge.

Togli l’amore e avrai l’inferno,
mi dicevi, don Pino.
Metti l’amore e avrai ciò che inferno non è.

A Brancaccio Federico conosce prima di tutto la violenza, quella improvvisa, imprevedibile, ma anche quella pensata, studiata a tavolino, attuata con cura, come l’omicidio del “parrino” che viene fatto credere un furto finito male, mentre la mafia rimette le mani sul quartiere, quel quartiere che un prete stava cercando di cambiare. Sono gli stessi anni delle stragi di mafia, prima Falcone, poi Borsellino e poi Rita Atria, forse la storia più terribile di tutte perché la solitudine di questa ragazza deve essere stata incommensurabile, come anche la follia della madre che prima la ripudia e poi distrugge la sua foto sulla lapide. Ma a Brancaccio Federico conosce anche l’amore, quello per Lucia, una ragazza diversa da quelle del suo solito giro, e quello per i bambini che ruotano intorno al parroco e che in qualche modo sono l’ultima speranza per cercare di rendere il quartiere e poi la città e infine il mondo, migliore di come lo abbiamo trovato.

Non ci sono personaggi indimenticabili in questo libro, a parte Don Pino Puglisi, ma lui lo era già prima. Come già detto, questi ragazzi raccontati da D’Avenia corrispondono perfettamente allo stereotipo dell’adolescente e per questo ai miei occhi, sono decisamente poco credibili; ad esempio gli scambi tra Federico e suo fratello Manfredi mi hanno fatto venire i brividi, e non in senso positivo. Quindi non posso dire che il libro mi sia piaciuto, ma ha sicuramente un intento pedagogico e farlo leggere alle scuole medie/superiori, potrebbe comunque essere utile, sempre che prima i ragazzi abbiano letto “Nel mare ci sono i coccodrilli” di Fabio Geda, che è molto più realistico.

 

Voto

 

 

alessandro d'avenia

Alessandro D’avenia (Palermo 1977), laureato e dottorato in Lettere classiche, insegna Lettere al liceo ed è sceneggiatore. Il suo romanzo d’esordio, Bianca come il latte, rossa come il sangue (Mondadori 2010) è uno straordinario caso editoriale, un libro di culto per una generazione. D’Avenia stesso ne ha tratto la sceneggiatura per la versione cinematografica. I suoi romanzi sono tradotti in più di venti Paesi in tutto il mondo.

Goodreads_iconFacebook-iconBlogger-icon

booktrailertrailer

In questo video (girato con mia sorella) vi racconto qualcosa del libro
in alcuni luoghi che ne costituiscono il paesaggio reale e simbolico.
Alessandro D’avenia

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi