Credimi sto mentendo di Mary Elizabeth Summer

Credimi sto mentendo

Serie: “Trust me”

di Mary Elizabeth Summer 

 

Titolo: Credimi sto mentendo
Autore: Mary Elizabeth Summer
Serie: Trust me
Edito da: Newton&Compton
Prezzo: 12,00 € – 4.99 € ebook
Genere: Romanzo, mystery, contemporaneo
Pagine: 288 p.

anobii-icon Good-Reads-icon amazon-icon

Trama: Julep Dupree dice un sacco di bugie e conosce bene l’arte del raggiro. Suo padre, anche lui un esperto truffatore, l’ha mandata all’esclusivo St Agatha High, a Chicago, proprio per farla socializzare con i figli dell’alta società. E Julep non perde tempo: riesce perfino a guadagnare un po’ di soldi organizzando piccole truffe per far ottenere ai suoi compagni di classe il massimo dei voti. Il suo obiettivo è riuscire ad arrivare fino alla prestigiosa università di Yale. Ma quando un giorno torna a casa, ad attenderla c’è una brutta sorpresa: l’appartamento è stato svaligiato e suo padre è scomparso. Con l’aiuto del suo migliore amico, Sam, e del ragazzo più ambito della scuola, Tyler, Julep cercherà di seguire le tracce che l’uomo ha lasciato dietro di sé: e non sarà facile tra criminali che le danno la caccia e torbidi segreti di famiglia. Ora per lei non c’è più tempo da perdere, è giunto il momento di mettere in pratica tutti i trucchi che il padre le ha insegnato.

Serie “Trust me”: 

1. (Trust me, #1) Credimi sto mentendo
2. (Trust me, #1.5) Dow to the liar
3. (Trust me, #2) Trust me, I’m Trouble

Immagine5

Recensioneùdi MartiMoka

Julep è al secondo anno di liceo ed è un asso della truffa anche grazie al credimi sto mentendopadre, truffatore di “professione” che le ha insegnato tutti i trucchi del mestiere. Le sue sono doti naturali e ormai non riesce più a capire chi sia la vera Julep, abituata com’è ad indossare solo maschere. La sua vita subisce una battuta d’arresto quando, tornata a casa, scopre che il padre è scomparso e ancora una volta dovrà cavarsela da sola per scoprire la verità. Ma come capire di chi fidarsi quando si accorge di avere bisogno di aiuto?

Il romanzo, come si capisce già dall’età della protagonista, appartiene al genere del Young Adult e quindi si rivolge ad un pubblico giovane, ma questo non giustifica la poca credibilità della trama. Quelle di Julep non sono semplici e piccole bugie, ma vere e proprie truffe non solo ai danni della scuola e dei genitori dei suoi compagni di classe ma anche dell’FBI e…. della mafia russa! Trovo fastidiosamente inverosimile che la mafia russa si faccia prendere in giro da una adolescente, per quanto brava a mentire si tratta sempre di una ragazzina!

credimistomentendoLo Young Adult si presta bene a qualsiasi ambientazione e la Summer sceglie di raccontare un thriller senza però, a mio avviso, rispettarne i canoni. Anche se l’atmosfera delle scene clou si rivela ben orientata alla suspense,  è la mancanza di aspetti realistici a farla sempre da padrona…e questo toglie il gusto della lettura. I personaggi sono ben costruiti e la narrazione scorre facilmente, è un libro che si lascia leggere, ma i grossi difetti della trama non mi hanno fatto apprezzare il talento della Summer.

Molte, infatti, sono le scene in cui l’autrice dimostra tutto il suo talento: scene commoventi che toccano le corde giuste, che sono narrate con maestria e alzano la qualità del romanzo.

I personaggi secondari sono ideati come “spalla” per le truffe di Julep, ma sono fondamentali per il suo processo di crescita; le faranno capire che non sempre stare da soli e contare solo su se stessi sia la cosa migliore! Stranamente ho apprezzato maggiormente i personaggi secondari rispetto a quelli principali, probabilmente perché al centro delle scene divertenti funzionano meglio. Il suo migliore amico e il ragazzo che le piace sono le figure definite e ben caratterizzate, ma la banalità regna sovrana nella costruzione di questi personaggi e delle loro interazioni con la protagonista.

Il finale è prevedibile, nonostante tutti gli sforzi di camuffarne i risvolti; gli eventi dello scontro finale fanno scendere credimi stomentendodi molto il livello, il tutto sembra infatti una forzatura dei libri “per grandi”. Se l’autrice avesse scelto una trama più verosimile sono sicura che avrei apprezzato il suo stile leggero e ironico, che smorza l’atmosfera lugubre da thriller. Le scene divertenti, infatti, funzionano perfettamente, strappando anche qualche sorriso.

Detto questo, nonostante l’idea di un thriller Young Adult fosse intrigante, non consiglio la lettura di questo romanzo, i cui difetti sono più numerosi e più gravi dei pregi. Il libro, comunque, è vincitore del premio come miglior romanzo d’esordio quindi forse sono troppo vecchia per capirlo!

Voto

Immagine5

Mary Elizabeth Summer: Laureata in scrittura creativa allo Wells College, Credimi, sto mentendo è il suo primo libro (scelto nel 2014 da «TeenVogue’s» come miglior romanzo d’esordio). Nell’autunno del 2015 uscirà negli Stati Uniti il seguito. Per maggiori informazioni, visitate il suo sito www.mesummer.com, il suo blog (maryelizabethsummer.tumblr.com) o seguite il suo account Twitter.

 

 

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi