Discussione: Grave Mercy by Robin LaFevers

Robin LaFevers è cresciuta in mezzo a una marea di scaffali impolverati e colmi di libri, leggendo fiabe, libri di mitologia e storia antica, scritti da T. Bulfinch ed altri poeti del diciannovesimo secolo. Non è una sorpresa che sia diventata una romanticona senza speranza.

Sebbene non sia stata addestrata per essere un’assassina e non sia cresciuta in un convento, ha frequentato per tre anni una scuola cattolica, che ha fatto nascere in lei un profondo interesse per la conoscenza dei rituali sacri e per il concetto del Divino. Da allora è alla ricerca di risposte alle domande sul mistero della vita. Al momento, molti di questi segreti rimangono tali, ma ha avuto la fortuna di incontrare il vero amore, con cui vive nel sud della California. Oltre a scrivere libri su giovani novizie assassine, ambientati nella Britannia medievale, ha pubblicato diversi racconti per bambini.

Siti dell’autrice: http://www.rllafevers.com/Home.html

http://www.robinlafevers.com/

His Fair Assassin

– Grave Mercy
– Dark Triumph (uscita prevista per i primi mesi del 2013)
– un altro libro a seguire per concludere la trilogia.

Perchè essere la pecora, quando potresti essere il lupo?

La diciassettenne Ismae riesce a sfuggire alla terribile sorte di essere la giovane sposa di un uomo violento (conseguenza del matrimonio combinato dal padre), e trova rifugio presso il convento di St. Mortain, dove le monache sono ancora al servizio dell’antico dio. Qui la ragazza apprende che il dio della Morte l’ha dotata di un dono grande ma pericoloso, e che il suo futuro potrebbe essere legato a un destino di violenza. Se Ismae dovesse scegliere di rimanere nel convento, infatti, le verranno insegnate tutte le arti e le conoscenze per diventare un’assassina al servizio dell’antico dio della Morte. Abbracciare il nuovo corso della sua vita, cioè, vuol dire distruggere delle vite altrui.

La missione più importante che le viene assegnata la conduce direttamente presso l’Alta Corte della Britannia, dove scopre che gli insegnamenti del convento non sono stati in grado di prepararla ad affrontare completamente i giochi spietati e gli intrighi di corte, ma soprattutto capirà che non la possono aiutare in alcune scelte che è costretta a fare. Come può essere lo strumento della vendetta della Morte e colpire l’uomo che, contro il suo volere, ha conquistato il suo cuore?

Cosa scegliamo di essere? Pecore, lupo  o addirittura agnello?

A voi la parola…

Amyra: ROAR, ragazze! Una protagonista che da vittima diventa carnefice non può che avere tutta la mia stima! E poi una ragazza diventa sexy quando si lega alla coscia un coltello, non ci sono storie. Infatti il nostro caro eroe non aveva alcuna speranza con lei. GO GIRL!

Gonza: Quanto è YA questo libro!!!! Non solo il triangolo, ma anche la verginella potentissima che, ignara del sesso, si trova ad agire come la cortigiana di palazzo mentre non si può spogliare… Un po’ troppo strano anche per una storia che è chiaramente incredibile. Un elogio particolare al braccialetto che strozza, al coltello nel corpetto e a tutte quelle altre armi che avrebbero fatto l’invidia di Elektra!

Ayliss: GRRRR!!! Gonza tu mi sembri più un toro! Quando leggi YA vedi rosso e ti carichi^^. Questo libro è il mio sogno diventato realtà… e poi rivalutiamo i conventi, ragazze! Quando ho letto la trama del libro mi brillavano gli occhi dalla gioia: alleluja, per rimanere in argomento religioso! Una sorta di Kill Bill ambientato nella Britannia del Medioevo, con le nostre belle assassine al servizio degli antichi dèi: ho trovato questa idea affascinante. Ma il triangolo dove stava?

Amyra: In effetti il triangolo non l’ho proprio visto nemmeno io. Che Gonza intendesse il primo marito? Ammetto che la trama aveva però potenzialità non sfruttate, ottima l’idea di base e originale la prosa, ma forse un po’ troppo YA anche per me. Vogliamo parlare di come Ismae salva il suo bello dall’avvelenamento? Io lì ci sono rimasta parecchio male, lo devo proprio ammettere…

Gonza: In effetti il triangolo lo vedevo solo io, però come Ari sono rimasta assolutamente sconcertata dalla modalità di purificare il veleno da Gavriel, ma il buon vecchio succhia-e-sputa deve aver avuto un evolversi che mi è sfuggito da quando tenevo il siero antivipera nel frigorifero. Vogliamo parlare poi di quando presenta il suo ragazzo al padre? Poi dici perchè tanti uomini soffrono d’impotenza, vorrei vedere voi a sapere che uscite con la figlia della morte…

Ayliss: Questo ve lo concedo, la fase antidoto-veleno poteva essere gestita meglio… In questo libro ho trovato molto interessanti gli eventi storici collegati alla duchessa Anne, raccontando la vita di una giovane donna che per l’epoca realizzò qualcosa di impensabile: esercitare il suo ruolo senza essere per forza affiancata ad un uomo. Certo che il padre si è dimostrato una lince! Promettere la mano della figlia a mezza Europa… Il personaggio di Gavriel mi è piaciuto molto, così leale e affettuoso con la sorella, insieme ai suoi amici De Lornay e The Beast. Avevo un debole per quest’ultimo, e dopo aver letto il breve estratto del secondo libro di questa trilogia, spero sia presente nel libro di Sybella.

Amyra: ecco, adesso sono invidiosa, io l’anticipo del secondo libro non ce l’ho… Spero proprio di leggere ancora di Sybella, è un personaggio affascinante! E spero anche che Mortain faccia ancora la sua presenza (possibilmente senza rendere impotente Gavriel, grazie!). Per me le premesse ci sono perchè questa diventi una serie di culto, e sicuramente migliorerà in futuro (speriamo non lontano). Voto :

Gonza: Purtroppo, come sempre mi capita con questo genere di libri, sono troppo prevenuta per apprezzarli appieno, quindi nonostante sappiamo già che ci sarà un seguito su Sybella e chissà chi altri, anche se noi abbiamo i nostri papabili, 2 stelle per me. Voto:

Ayliss: Gonza, mi sorge un dubbio: sei andata a fare training come killer per YA nel famoso convento?! A me il libro è piaciuto molto e sono già in trepidante attesa per il seguito, che purtroppo arriverà solo nella primavera del 2013.

Voto:

 Si ringraziano Net Galley e la Houghton Mifflin Books per la gentile preview

Titolo: Mercy Grave
Autore: Robin LaFevers
Serie: His Fair Assassin
Edito da: Houhgton Mifflin Books
Prezzo: 10,62 euro
Genere: YA historical fiction
Pagine: 549 pag.
Data uscita
:  3 Aprile 2012

 

 

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi