Due chiacchiere con… Alessia Esse

duecchiacchierecon

Due Chiacchiere con… Alessia Esse

Dopo aver letto Segreto, il secondo romanzo della bellissima serie distopica “La Trilogia di Lilac” di Alessia Esse, noi di Sognando Leggendo, approfittando della disponibilità di questa giovane e promettente esordiente, abbiamo pensato di conoscere meglio lei e la sua opera.

Entrambi i suoi romanzi, finora pubblicati, sono stati letti sia da RoRò che CriCra ed entrambe hanno deciso di collaborare alla stesura dell’intervista dando libero sfogo a tutte le curiosità che questa serie così bella e originale suscita 😉

Qua potete trovare le recensioni complete alla trilogia: La trilogia di Lilac

Mentre, a questo link, potrete trovare un estratto del primo episodio.

autrice

Chi è Alessia Esse?

Vorrei poter dire di aver voluto diventare una scrittrice fin da bambina, ma non è così. A 5 anni volevo diventare una ballerina. Ero convinta che girare su me stessa come una trottola mi avrebbe portata in tv assieme a Lorella Cuccarini. L’unico posto in cui sono arrivata è il pronto soccorso, con il mento rotto e la ferma convinzione che no, girare come una trottola non faceva per me. A 8 anni il mio sogno era quello di diventare annunciatrice televisiva. Da qualche parte esiste ancora una registrazione in cui leggo la programmazione di Canale 5 dal TV Sorrisi e Canzoni *va a distruggerla*. A 10 anni ho pensato quello che pensano tutte le bambine, prima o poi: Diventerò un medico! No, non sono diventata un medico. Neanche una volta ho pensato “Sarò una scrittrice”. Non credo di esserlo neppure adesso, a dire il vero. A scuola non ero eccezionalmente brava quando si trattava di scrivere qualcosa. Rasentavo la sufficienza, e una volta la mia prof di italiano pensò anche che avessi copiato, tanto quel tema era scritto bene. Ho iniziato a scrivere seriamente quattro anni fa, online, tenendo un diario della mia (allora incasinatissima) vita sentimentale, e in quell’occasione ho scoperto due cose importanti: 1. Scrivere è bellissimo; 2. Nella mia testolina ci sono un mucchio di storie e di personaggi da raccontare. Quando non scrivo, immagino le scene che scriverò, e quando i miei personaggi sono in vacanza, divoro libri, film e telefilm. E patatine. Già, divoro anche quelle *nasconde la bilancia nell’armadio*. Vivo in provincia di Salerno, circondata dalle colline e dal mare. Sono nata il 3 Agosto del 1983. Sono mancina. Da piccola mi chiudevo in bagno a mangiare il dentifricio AZ Verde Junior.

b tw fb insta t pint GR

«Io so tutto,» dico, stringendo i pugni. «Conosco la verità. Mio padre mi ha detto chi sei.»
«Tu non sai niente.» La sua voce è di pietra, adesso. I suoi occhi neri sputano fuoco. «Tu non sai niente, così come tuo padre non sa niente. Forse conoscete il come» dice, inclinando la testa sulla spalla. «Ma il come serve a ben poco se non conosci anche il perché, Lilac. Ed è questa la ragione per cui sono qui. Per spiegarti il perché. Per raccontarti quella parte della storia moderna che non hai studiato sui libri. Per farti capire per quale motivo ho fatto sparire il genere maschile dalla faccia della Terra.»

 

 … Bene, ora che abbiamo rispolverato un po’ la nostra memoria con la biografia di Alessia Esse,
avanti tutta con l’intervista!

Intervista

CriCra: Ciao Alessia e grazie di essere qui con noi su Sognando Leggendo. Rompiamo subito il ghiaccio, raccontaci chi è oggi Alessia Esse e se è riuscita, dopo gli “insuccessi” divertenti che ha descritto nella sua biografia, a diventare quello che desiderava oltre a scrivere.

Alessia: Ciao, ragazze! Grazie a voi per avermi invitata sul vostro bellissimo blog. Dunque, oggi Alessia Esse è una donna che, dopo tanti compromessi e tanti insuccessi (spesso non divertenti), ha deciso di nutrire e coltivare il suo sogno, ovvero scrivere. Non è facile, non è tutto rose e fiori, ma è il mio sogno, e penso che l’unico modo per realizzarlo, sia quello di investire me stessa al 100%.

CriCra: Nella trilogia di Lilac, ci racconti di questo mondo alternativo, in cui vigila un governo matriarcale che ha annientato il genere maschile. Volevo chiederti, c’è per caso una nota personale di biasimo nei confronti dell’uomo, nata magari dalla nostra realtà, che giornalmente ci mette di fronte a fatti di cronaca agghiaccianti nei confronti delle donne?

Alessia: Una nota critica c’è sicuramente in ciò che scrivo, ma non è né un J’accuse verso gli uomini, né una presa di posizione relativa agli avvenimenti drammatici degli ultimi tempi. Le donne sono sempre state trattate in maniera diversa rispetto agli uomini, ancor prima degli attacchi con l’acido e delle differenze salariali. In alcuni contesti sociali e in alcune epoche questo trattamento era ed è la norma; dire “è colpa degli uomini” è troppo facile, nonché riduttivo. La questione è tanto complessa, e con i miei libri sto cercando anche di porre qualche accento su alcuni aspetti a me cari. Però no, la trilogia non è un manifesto di biasimo verso il genere maschile.

RoRò: Lilac, la protagonista della trilogia, è una ragazza che è cresciuta in un mondo post-apocalittico, libero però dalle violenze, le privazioni, le coercizioni che le donne nel corso dei secoli hanno subito. Nel momento in cui viene a conoscenza di questa parte impietosa della storia umana non riesce a crederci, la sua mente non può accettare simili barbarie. Ma è poi così terribile il mondo di Vega G?

Alessia: Questa è la domanda che si pone Baguette in Segreto. “Possiamo davvero biasimare la Presidentessa per ciò che ha fatto?” Rispetto al mondo dal quale Lilac proviene, quello che conosce a Roma (e attraverso il diario di Francesca) è un mondo barbarico, violento, orribile. Lei non riesce a comprenderlo, e non riesce a comprendere le persone che ne fanno parte. Tuttavia, c’è da dire che non tutti gli aspetti del nuovo mondo sono negativi: l’USP ha curato ogni malattia che oggi definiamo mortale; la povertà è inesistente; la violenza pure. Tutte queste migliorie, però, arrivano da un avvenimento orribile, barbarico e violento, ovvero la diffusione del virus da parte di Vega G. Tale avvenimento non è differente da quelli raccontati da Francesca, o da quelli vissuti da Lilac in prima persona a Roma. A prima vista il nuovo mondo può sembrare una versione migliore del vecchio, ma se guardiamo alle radici, alle fondamenta dell’USP, allora ci rendiamo conto che non c’è alcuna differenza. E Lilac, questo, lo capirà molto presto.

RoRò: Ammetto che il mio personaggio preferito in assoluto è proprio la Cattiva numero “Uno”: Vega G. Ammiro il modo in cui l’hai caratterizzato. Un cattivo al femminile che punisce agendo su criteri di giustizia molto femminili. Insomma molto credibile, raccontaci la sua genesi.

Alessia: In ogni storia che si rispetti è necessario un Cattivo, qualcuno col compito di rendere la vita difficile ai protagonisti. Fin da quando ho iniziato a prendere appunti per quella che allora si chiamava “Malorai”, il personaggio della Presidentessa è stato sempre marginale. Il mio obiettivo non è stato mai quello di rendere Vega G un personaggio “presente” nel racconto. Mi è sempre piaciuta l’idea di concentrarmi sugli effetti che il “lavoro” del Cattivo ha sui protagonisti piuttosto che sul Cattivo stesso. In Perfetto, Vega G appare all’inizio e alla fine, in due momenti molto importanti: quando viene presentata ai lettori, e quando, alla fine, ammette: Sì, sono io il Cattivo”; nel mezzo, i riflettori sono puntati su Lilac, e su come lei reagisce quando scopre la verità. In Segreto, Vega G appare negli ultimi capitoli, in una veste completamente diversa da quella che i lettori hanno conosciuto in Perfetto. In quei capitoli la Presidentessa non dice “Sì, io sono il Cattivo”; ciò che dice è: Visto? Avevo ragione quando ho fatto quel che ho fatto”. La Presidentessa avrà un ruolo centrale in Infinito. Sarà, per la prima volta, “presente” nel racconto, e ciò permetterà ai lettori di conoscerla in maniera diretta, senza alcun filtro. Finalmente si capiranno le reali motivazioni che hanno spinto Vega G a fare quel che ha fatto, e i lettori troveranno risposta alla domanda che in molti mi hanno già posto: Che fine farà il Cattivo?

RoRò: Hai dato vita ad un mondo di sole donne, e credo che ci voglia tanta immaginazione, capacità introspettiva e analitica. Come sarebbe, invece, un mondo fatto di soli uomini?

Alessia: Sto immaginando una distesa di calzini spaiati, file interminabili di uomini-zombie incapaci di cucinare, stirare e fare la spesa, che camminano come Diogene, in pieno giorno e con la lanterna, alla ricerca di una donna. Scherzi a parte, mi riesce molto difficile immaginare un mondo di soli uomini; credo che imploderebbe nel giro di pochi anni. Le donne posseggono una forza interiore, una resistenza, che gli uomini non hanno. E non lo dico con spirito critico, ma con semplice spirito d’osservazione. Nel caso di una Sindrome al contrario, temo fortemente che i maschi si accartoccerebbero su se stessi in un attimo.

CriCraSe c’è, qual è il tuo personaggio preferito o magari uno di loro in cui ti rispecchi in qualche modo? E quello che ti è stato più difficile creare o che ti è stato proprio antipatico da sopportare?

Alessia: In ogni personaggio c’è una parte di me. Più grande o più piccola, a seconda dei casi. La mia religione è la musica, come per Baguette; detesto le piante e i fiori, come Lilac; per qualche anno ho balbettato, come Thomas, e per troppo tempo ho creduto di non essere in grado di amare, come Brunelleschi/Irene. Qualcuno mi ha fatto notare che ogni personaggio è il mio personalissimo Horcrux 😀 Credo che il trasferimento di piccole o grandi caratteristiche da me ai personaggi sia normale, soprattutto quando passi settimane e mesi con loro. Nascono nella tua testolina, e li coltivi a lungo prima di diffonderli. In tal senso, quindi, posso dire di rispecchiarmi in tutti. Anche in Vega G, a volte. Anche in Jonah. Con Gianmaria ho avuto sicuramente molti problemi. È quello con cui ho meno punti in comune, e la sua cattiveria – sebbene abbia un’origine – è gratuita. Dargli una forma è stato complicato perché – com’è avvenuto per il Capitano, ad esempio – una parte della mia mente ad ogni costo cercava di dare al suo personaggio una scappatoia, una possibilità di cambiamento e, se vogliamo, di redenzione. Sono arrivata al punto di detestarlo, e alla fine mi sono resa conto che ero sulla via giusta, nonostante le difficoltà: se io odio un personaggio è probabile che anche i lettori lo odino… e così è stato.

RoRòRecentemente alcune autrici che si sono lanciate nel mondo dell’auto-pubblicazione sono state adottate da case editrici importanti come Anna Premoli e Sara Tessa dalla Newton & Compton, e Elisa S. Amore dalla Nord. Domani forse anche Alessia Esse?

Alessia: Perché no? Se un editore dovesse accorgersi di me, e proporsi per pubblicare i miei libri con totale, assoluto e oggettivo rispetto dei miei personaggi e dei miei lettori, sarei più che disposta ad accettare.

CriCra: Guardando gli aggiornamenti sulle tue pagine social, abbiamo appreso l’uscita a Maggio della nuova novella F.R. 983 e quella di Settembre per Infinito, il terzo e conclusivo capitolo della trilogia. Sei elettrizzata?

Alessia: Elettrizzata e terrorizzata, come sempre. Infinito conclude la storia di Lilac, per questo ogni elemento del racconto dovrà essere perfetto. Ogni domanda dovrà avere risposta, ogni personaggio e ogni intreccio dovranno avere la loro giusta conclusione. È un lavoro immenso, ma lo sto adorando. E non vedo l’ora che tutti possano leggere F.R. 983: in questa novella il mondo che avete conosciuto finora verrà completamente stravolto!

CriCra: Una curiosità. Le copertine. Tre splendidi fiori. Una scelta mirata o casuale?

Alessia: Quello dei fiori è un tema importante nella trilogia. In Perfetto, Francesca parla approfonditamente a Lilac del perché ama occuparsi dei fiori veri, invece che di quelli artificiali. (Fossi in voi andrei a rileggere quel dialogo; è fondamentale per il prosieguo della storia.) I fiori sono “l’alimento” di quelle api il cui miele aiuta i sopravvissuti di Pontenero. È fra le piante che circondano la sua casa-baracca che Irene si apre per la prima volta con sua figlia. Uno dei personaggi più importanti della trilogia ha il nome di un fiore. (Avete capito di chi sto parlando, vero?) Ogni fiore in copertina ha un significato preciso, ed è il risultato di lunghe riflessioni che ho fatto ancor prima di pubblicare Perfetto. Nulla è lasciato al caso, quindi.

CriCra: Hai già in mente dei progetti futuri dopo la Trilogia?

Alessia: Certamente. Non escludo di tornare al genere distopico, ma nel prossimo futuro ci sono storie molto diverse da quella di Lilac. Mi auguro che i miei lettori continuino a seguirmi e ad essere appassionati come lo sono stati finora 🙂

Grazie per questa intervista, ragazze; ho adorato ogni singola domanda!
Ale

 

Bene, l’intervista finisce qui… un grande ringraziamento a Alessia Esse per la sua disponibilità, per noi è stato un vero piacere, torna presto a trovarci 🙂

RoRò & CriCra

Lascia un commento

Una replica a “Due chiacchiere con… Alessia Esse”

  1. CriCra ha detto:

    Grazie di vero cuore ad Alessia per la sua disponibilità 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi