Eventi Bizzarri di Alexia Bianchini e Luigi Milani

Luigi Milani

Scrittore, traduttore ed editor, vive e lavora a Roma, città dove è nato nel 1963. Ultimi libri pubblicati: Nessun Futuro (Casini Editore, 2011), Seasons, Ci sono stati dei disordini e L’estate del diavolo (Delirium Edizioni, 2011-2012). Cura la collana eTales per Graphe.it Edizioni, collabora con Kipple Officina Libraria e dirige la collana di fantascienza Silver per Ciesse Edizioni. Per La Mela Avvelenata ha pubblicato Reality Show.

alexia bianchini

Alexia Bianchini

Nasce e vive a Milano. Moglie e madre a tempo pieno di tre splendidi bambini, adora inventare storie di ogni genere. Appassionata lettrice fin da bambina, adora i romanzi storici e di fantascienza, ma nella scrittura si sente appagata con la poesia ed il fantasy. Vince alcuni concorsi nel 2010. Editor, articolista per Speechless, curatore della collana GOLD, direttore del webmagazine Fantasy Planet. Con La Mela Avvelenata ha pubblicato Stuck off!

 

 

Il Corsaro NeroTitolo: Eventi Bizzarri
Autore: Luigi Milani e Alexia Bianchini
Serie: //
Edito da: La Mela Avvelenata (Collana: Contaminazioni)
Prezzo: epub 2,49 €
Genere:  Noir, Mistery
Pagine: 106 p.
Votohttp://sognandoleggendo.net/wp-content/uploads/5Astelle44.png

 

Trama: Daniele Bizzarri, un tempo fascinoso autore di successo, ora alcolista perso e spiantato, si trasferisce dalla capitale in uno squallido paesino del centro Italia. Arroccato in una vecchia casa di campagna piena di spifferi e ragnatele, in fuga dalla ex moglie e dai tanti creditori, è in cerca dell’ispirazione perduta. Tra incontri al calor bianco con le bellezze locali, e contatti inquietanti con misteriosi personaggi dediti all’occultismo, lo scrittore non solo non migliorerà la propria situazione personale, ma precipiterà in terribili incubi…

Recensione
di Debora

 

Una cosa però lo irritava più di tutte: si era consegnato mani e piedi allo stereotipo dello scrittore maledetto.

Ecco finalmente un libro degno di nota! Ultimamente non ero molto soddisfatta di alcuni autori italiani e delle loro scelte in quanto a trame sempre poco originali e ripetitive. Ma oggi finalmente posso parlarvi di un libro unico nel suo genere. Prima cosa gli autori sono due e già questo credo sia da ribadire. Non sono propriamente un’esperta di scrittura, ma se già il mestiere di scrittore è difficile a due mani credo che a quattro mani le cose possono complicarsi magari per visioni diverse, per stili diversi. Alexia Bianchini e Luigi Milani sembrano mettere insieme un racconto lungo davvero interessante.

La caratteristica che salta più all’occhio è il realismo. Infatti il protagonista, Daniele Bizzarri, uno scrittore fallito che ha perso l’ispirazione della scrittura si esprime con un linguaggio diretto senza troppi fronzoli. Un linguaggio che si adatta perfettamente ad uno scrittore arrabbiato con la vita e con se’ stesso. Ma, diciamolo, gli autori non sono neanche caduti nel banale, rendendo questo personaggio troppo severo con se stesso, non si piange addosso ma è realista. Sa dove ha sbagliato ed è consapevole degli errori passati e presenti. E’ il classico scrittore che sente il bisogno della sua bottiglia di whisky vicina, quasi fosse fonte di ispirazione, che troveremo spesso nominata nel romanzo.
Le descrizioni ci aiutano a capire meglio il personaggio. Infatti i dettagli circa il suo modo di vestire, che denota trascuratezza, ad esempio ci dicono molto del suo stato interiore e psicologico.

I pantaloni, un paio di Levi’s arcaici che, a giudicare dal loro aspetto, doveva aver indossato non meno di due settimane prima, sfoggiavano macchie imbarazzanti, di evidente natura organica, nei punti strategici.

Allo stesso modo anche l’ambiente circostante sembra rispecchiare l’animo del protagonista.

Alle spalle del coro volante, nuvole basse, dense di pioggia imputridivano all’orizzonte, mentre tentava di mettere a fuoco dove diamine si trovasse.

 In tutto questo non manca l’inserimento di eventi bizzarri, proprio come il titolo ci ha avvisato, che rendono soprattutto la parte finale del libro ancor più interessante, piena di suspance e originale.

Non per ultimo vorrei sottolineare l’importanza del messaggio che a mio parere hanno voluto dare gli autori. Una sorta di sostegno per tutti quei colleghi che vorrebbero emergere e che cercano con umiltà, e magari anche sbagliando, di arrivare all’obbiettivo tanto sognato e desiderato. Non importa se per strada ti riconoscono ma conta l’impegno, la forza e la voglia di mettersi sempre in gioco.

Un libro assolutamente da leggere!

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi