Ex Tenebris di Stefano Lanciotti

Stefano Lanciotti

È nato nel 1967 e già a dieci anni ha scritto la prima opera. Ha sempre amato lo sport. I due filoni narrativi che lo affascinano di più sono il thriller ed il fantasy.

Sito: http://www.stefanolanciotti.it

Trilogia Nocturnia:

1. Ex Tenebris
2. La Principessa delle Tenebre
3. La Guerra del Buio

Titolo: Ex Tenebris
Autore: Stefano Lanciotti
Serie: Saga di Nocturnia, 1
Edito da: Rebel Yell
Prezzo: 0,89 €
Genere: Fantasy
Pagine: 297 p.
Voto:

 

Trama: Nocturnia.
Un mondo dove il Potere Oscuro ha eclissato il sole e tre Confraternite magiche combattono in una guerra senza tregua. Un mondo lontanissimo dal nostro, eppure solo un Varco lo divide dalla Terra, dove il mago Lynerus ha portato in salvo l’ultima erede della dinastia regnante e i Sigilli, i tre grimori che contengono il Sapere Perduto.

Thomas Travers, un collaboratore della polizia di Washington D.C., indagando su un bizzarro delitto incrocia la sua strada con quella di Diana, una ragazza fragile nella quale il potere magico sta crescendo come un cancro maligno. Per salvarla e permetterle di reclamare il trono di Nocturnia, dovrà affrontare esseri che non sono di questo mondo e che provengono da oltre il Varco.
Dalle tenebre.

 

Recensione
di Talia

“Quella che oggi viene chiamata Nocturnia, una volta era un mondo luminoso e accogliente. Un astro splendeva durante le giornate tiepide e le stelle brillavano nelle fresche notti. Gli uomini vivevano in armonia con la Madre Terra e lei faceva loro dono delle messi e dei frutti degli alberi. L’unica magia che esisteva era detta la Magia della Parola e permetteva ai saggi che la conoscevano di usare una piccola parte del potere della Madre Terra per il bene di chi l’abitava”.

Quando ho iniziato a leggere questo libro, per un attimo ho pensato tra me e me: eccoci, ci siamo, il solito thriller con il protagonista detective sfigato, il solito delitto nel quale l’assassino probabilmente e’ un pazzo da legare con la passione per i rituali satanici (fin da subito ci viene presentata la scena del delitto con l’imperdibile pentagono disegnato per terra), e l’amico del detective che ha zero voglia di prendersi una gatta da pelare piu’ grande di quanta sia la sua voglia di impegnarsi a risolvere il caso. Insomma la stessa storia letta e riletta per almeno un centinaio di volte. Per fortuna che mi sono dovuta ricredere.

Ex Tenebris è il primo romanzo della trilogia Nocturnia di Stefano Lanciotti. È un libro avvincente, dai colori noir, molto diverso dai soliti. Una trilogia fantasy che si svolge in parte nel nostro pianeta, in parte a Nocturnia. Partendo dal presupposto che non è la prima volta che vengono presentati mondi paralleli al nostro, è veramente bello che l’autore di propria immaginazione abbia creato creature, personaggi e ambienti del tutto nuovi, senza chiamare in ballo quelli di cui tutti conosciamo l’esistenza.

“La serenità di questo mondo era però destinata ad avere termine. Un saggio di nome Thaugoth, nella sua ansia di conoscenza, usò la Magia della Parola per ferire la Madre talmente in profondità da aprire la Breccia. Da questo squarcio, Thaugoth scrutò realtà diverse dalla nostra e venne a contatto con quello che fu in seguito tristemente definito il Potere Oscuro”.

L’aria di Nocturnia è intrisa di magia ma non come la conosciamo noi: “Non si può scegliere come siamo, ma solo quello che facciamo. Nessun potere è buono o malvagio in sé. È la persona che lo usa che ne determina l’essenza”.Il mondo che ci viene presentato è una vasta landa desertica, sconvolta da numerose guerre, dove il potere nero regna sovrano. Tre sono i gruppi principali o “Confraternite”che se la contendono: gli evocatori, guidati dal potente Shaltul, il signore delle tenebre, sono in grado di evocare demoni di varie pericolosità provenienti da dimensioni diverse dalla loro e di costringerli ad ubbidirgli tramite patti di fedeltà. Conosceremo quindi i mastini delle tenebre, i divoratori e le abiezioni, demoni pericolosissimi e difficilissimi da evocare. I negromanti guidati da Vama capaci di rinfoltire le loro schiere resuscitando i corpi dei defunti, caduti durante le numerose guerre, e i maghi neri, gli abitanti delle paludi malsane a sud di Nocturnia che comandano eserciti potentissimi composti sia da schiavi umani che da animali mostruosi, senza più volontà e guidati come marionette, muniti di armi incantate e guidati da Thaugoth.

“L’uso del Potere Oscuro iniziò ad avvelenare la Madre Terra. Il sole si velò fino a scomparire e giorni cominciarono a non essere più luminosi. Dopo che le stelle si furono spente come ceri, le notti divennero nere come drappi funebri. I campi davano sempre meno frutti e gli animali cominciarono a morire di malattie sconosciute. Esseri demoniaci vennero avvistati con sempre maggiore frequenza prima nei boschi e poi ai margini dei villaggi. Il nostro mondo cominciò ad essere chiamato Nocturnia ”.

Prima dei fatti che vengono raccontati nel libro si svolse la guerra del Buio. Le tre confraternite riunite insieme riuscirono a ribaltare colei che le teneva in pugno, garantendo la pace nel mondo. Da qui ha inizio una lunga fase di stallo e la storia vera e propria.

Tomas Thravers è un detective di Washington, ma è anche un uomo con una pesante situazione famigliare alle spalle. Sua figlia Aileen è morta in tenera età portandosi via anche ciò che rimaneva del suo matrimonio. Attualmente è schiavo dell’alcol e del tabacco. Viene chiamato ad indagare sulla curiosa morte di Sylvester Blake, un anziano signore residente a North Bethesda, un paesino poco fuori Washington. Da qui la sua strada si congiungerà con la nipote adottiva dell’uomo, Diana, una ragazzina di 15 anni, tanto da legarsi profondamente a lei dal momento chè per lui impersonerà in un certo qual modo la sua bambina scomparsa. Dall’incontro dei due la storia evolverà in manierà molto interessante, al punto da non riuscire più a smettere di leggere.

Personalmente ho trovato il libro molto avvincente, dal momento che è stato capace di stimolare la mia curiosità fin da subito. Il testo ha facilitato la lettura, è pieno di dialoghi e descrizioni, risulta quindi scorrevole. Qui e lì si incappa in qualche errore di battitura ma apprezzo l’idea dell’autore di divulgarlo gratuitamente in ebook. Questo, oltre ad essere un eccellente modo di pubblicità e divulgazione, fa anche si che più persone si innamorino della saga al punto di acquistare gli altri due libri. Per quanto mi riguarda leggerò tutto d’un fiato il secondo.

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi