ExtraUnione e la fortezza di Nugari di Michele Raniero

ExtraUnione e la fortezza di Nugari

Serie ExtraUnione

di Michele Raniero

 

ExtraUnione e la fortezza di NugariTitolo: ExtraUnione e la fortezza di Nugari
Autore: Michele Raniero
Serie: ExtraUnione #2
Edito da: Il Ciliegio
Prezzo: cartaceo 17.00 € // ebook 6.99 €
Genere: Fantascienza
Pagine: 288 p.

anobii-icon Good-Reads-icon amazon-icon

Trama: Il vice-generale Met Gresten e il fedele amico Sam Douson non hanno fallito la missione: l’inaspettata quanto improbabile alleanza fra Unione e la Società degli Uomini Morti è stata stretta, ed è quindi giunto il tempo di mettere da parte gli antichi dissapori e combattere fianco a fianco. Gli invasori neutoniani hanno ormai in pugno oltre metà del pianeta e, spintisi fino alle porte della Fortezza di Nugari, progettano la conquista dei territori di ExtraUnione. Met farà tutto ciò che è in suo potere per impedirlo e per difendere la città degli Uomini Morti dall’assalto dell’esercito del Primarca, leader di Neuton. Sarà in grado di convincere gli Uomini Morti a combattere al suo comando? Di trovare le parole giuste per persuaderli che, al di là delle diverse decisioni e delle divise indossate, il fine perseguito è lo stesso?

Serie ExtraUnione:

#1 ExtraUnione e la società degli uomini morti (2013)
#2 ExtraUnione e la fortezza di Nugari (2014)
#3 Inedito (2015)

Cliccare sui titoli per leggere le altre recensioni pubblicate.

Immagine5

Recensioneùdi Danylù

Letto il secondo volume di questa serie. Devo ammettere che non sono rimasta affatto delusa. L’autore continua in maniera coerente la storia di Met Gresten, Kath, Kira e la Società degli Uomini Morti, inserendo colpi di scena notevoli e per niente scontati. Almeno fino a ora. La trama è ben articolata, ricca di particolari e personaggi, alcuni dei quali (per quanto comparse), risultano tridimensionali. A fine libro inoltre, vi è una vera e propria scheda che descrive in breve il nome del character, gerarchia militare ed eventuali parentele. Anche la scelta dei nomi mi sembra davvero “azzeccata”. Ogni personaggio ha il nome che merita.

Ma passiamo ad analizzare qualcuno dei nostri eroi e anti eroi. Met, se abbiamo letto il primo volume della serie, lo conosciamo già, abbiamo visto la sua evoluzione, e in questo nuovo episodio lo troviamo ancora più risoluto e a tratti, per i miei gusti, eccessivamente “ligio” al dovere tanto da sfiorare il ridicolo. Non mi piaci Met Gresten!  😈

Sam Douson, l’inseparabile amico, mantiene con coerenza le sue peculiarità caratteriali, humor e capacità di sdrammatizzare, ma anche tanta genialità. Una grande sorpresa è stato Bommel, personaggio criptico in grado di sorprendere il lettore. È senza ombra di dubbio uno dei miei character preferiti. Decisamente ben costruito, un uomo fatto, d’un pezzo, credibile, glaciale, spietato ma non crudele. Un folle, un artista della guerra.

Non elenco tutti i personaggi che compaiono perché sono tanti, ma basti sapere al lettore che in linea di massima nessuno di loro è una semplice comparsa. Parlare degli antagonisti senza fare spoiler purtroppo risulta difficile. Eppure anche tra le file di Neuton vi sono figure di spicco, che per quanto “detestabili” hanno il loro perché.

Ma parliamo dei N.E.S.

Neuton, nemico temibile di Unione ed ExtraUnione, grazie all’avanzata tecnologia di questi Robottoni, sorprende il lettore con altre fantastiche creazioni. Avete presente Pacific Rim? O Mazinga Zeta? Dairtan? Credo che l’autore si sia un po’ ispirato a quel genere di tecnologia per creare i quattro Cavalieri. Di cosa si tratta? Quattro mega robot, dei N.E.S. potenziati, dal design impeccabile e creati su misura per il “guidatore”. Anche i nomi calzano decisamente a pennello: Musashi guidato dal Generale Aokiri, binomio dal sapore orientale che dona un carattere di potenza e rigore. La sacerdotessa Anita Meredith e il suo bianco Musamane. Concentrato di femminilità, agilità ed esoterismo.

Non voglio però svelare troppi particolari, anche se vi assicuro che durante questo episodio non ci sarà modo di annoiarsi. Grazie ad alcuni flash-back e al tipo di narrazione, il lettore può comprendere al meglio alcuni avvenimenti che nel libro precedente non erano stati (credo volutamente) presi in giusta considerazione. Viene fatta luce sulla formazione di Met nell’accademia militare di Unione, si posa più attenzione sui motivi che hanno spinto Unione a conquistare Futura, ora ExtraUnione, la costruzione dell’imponente Union Tower, il passato sconcertante di Kath e Kira.

Un plauso va anche alle descrizioni fedeli e minuziose dell’armamentario degli eserciti. Insomma, Michele non si è fatto proprio mancare niente. Pare che ce l’abbia messa tutta per rendere questa storia più reale possibile. E bravo Michele!  😀

In poche parole: azione, colpi di scena, sentimenti, ironia e drammaticità sono gli ingredienti che fanno meritare a questo secondo episodio tre stelle e mezzo. Raccomando all’autore e ancor di più all’editore maggiore attenzione nell’editing.
E voi? 😉

Voto

 

 

Immagine5

Michele Raniero

Michele Raniero è nato nel 1991 a Rivoli, in provincia di Torino, e vive ad Orbassano. Frequenta la Facoltà di Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Torino. ExtraUnione e la Fortezza di Nugari è il secondo della serie di romanzi che vede per protagonista il tenente Met Roustin, un giovane soldato che combatte contro forze a lui superiori per la salvezza del proprio mondo e delle persone che ama.

Facebook-icon

Immagine5

 

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi