First Things First

percorsi di crescita

Percorsi di crescita
separatore1

First Things First

di Stephen R. Covey

 


Titolo
: First Things First
Autore: Stephen R. Covey – Roger Merril – Rebecca A. Merrill
Edito da: Gribaudi
Prezzo: 19,50 €
Genere: Self-help
Pagine: 383 pag.
anobii-iconGood-Reads-iconamazon-icon

Trama: Posso fare tante cose in poco tempo, ma cosa ne è delle amicizie, della pace intcriore, dell’equilibrio, della consapevolezza di fare ciò che conta di più e di farlo meglio? Ti è mai capitato di essere tormentato da questa domanda, anche quando hai la sensazione di essere il più efficiente possibile? Se sì, First Things First ti farà capire perché così spesso le prime cose non vengono per prime. Piuttosto che proporti un altro nuovo orologio, questo libro ti fornirà di una bussola, perché la direzione in cui andare è più importante della velocità.”Covey è il consulente più esperto sul miglioramento di sé giunto nel mondo degli affari statunitense dopo Dale Carnegie”. USA Today. “First Things First ci mostra come il nostro cuore ci guidi e come la nostra coscienza sia la bussola che ci indica il vero successo. Leggi questo libro e riaccendi il fuoco di significato nella tua vita!”. ANTHONY ROBBINS, autore di Come ottenere il meglio di sé e dagli altri e Come migliorare il proprio stato mentale, fisico, finanziario. “Stephen Covey offre una carta stradale per ‘lasciare un’impronta’ di eccellenza nella tua vita personale, permettendo così alle persone intorno a te di vedere un ottimo modello per vivere una vita migliore”. SONYA FRIEDMAN, CNN. “Steve Covey ce l’ha fatta di nuovo. Insieme ai Merrill ha scritto un libro che stimola il pensiero e ci induce a esaminare noi stessi nella vita, e, quel che più conta, First Things First ci guida verso i principi basilari”.
KEN BLANCHARD, coautore di L’One Minate Manager.

Immagine5

Recensioneùdi Simona Savino

Oggi vi voglio scrivere di un libro speciale. Sul tema “gestione del tempo” ne ho letti tanti per lavoro e due sono gli autori che preferisco: Allen e Covey. Quest’ultimo occupa un posto speciale nel mio cuore di lettrice perché sa arrivare al senso delle cose. Non si limita a dare metodi e consigli ma accompagna il lettore in un viaggio dentro se stesso e i propri valori.

“La gestione del tempo tradizionale suggerisce che facendo le cose in modo più efficiente alla fine acquisirai il controllo della tua vita, e che un controllo accresciuto porterà la pace e l’appagamento che cerchi. Non siamo d’accordo.  I principi possiedono questo controllo”

Questa una delle prime battute del libro. Frase forte che ribalta la visione della gestione del tempo che si è susseguita per molti anni.

Difatti il libro si apre con la storia delle teorie che precedono quella di Covey:

  • la prima generazione che si basa sui promemoria;
  • la seconda che usa la pianificazione e preparazione;
  • la terza consiste nel pianificare, determinare le priorità e controllare;

e infine la quarta, quella che lui auspica, basata su paradigmi che creeranno risultati sul piano della qualità della vita.

Mettere le cose davvero importanti al primo posto è una tematica che si colloca al centro della vita stessa. Implica il tema della scelta innanzitutto.

“Per la maggior parte di noi il problema non è scegliere tra il bene e il male, ma fra il bene e il meglio”

E per spiegare usa una metafora: l’orologio e la bussola. Il primo rappresenta gli impegni, gli appuntamenti, i programmi, gli obiettivi, ciò che facciamo con il tempo e il modo in cui lo gestiamo.

La bussola rappresenta il nostro obiettivo, i valori, i principi, la missione, ossia quello che da senso all’esistenza. Ciò che riteniamo importante e il modo in cui “dirigiamo” la nostra vita.

Spesso viviamo una lotta interna perché c’è un divario tra l’orologio e la bussola. Quello che facciamo non favorisce quello che è importante per noi.

Se senti di vivere questa lotta non puoi non leggere questo libro e soprattutto non perderti la diretta sulla pagina di SognandoLeggendo l’8 novembre alle 14. Elisa Scagnetti ed io parleremo di questo argomento partendo da “Detto Fatto” di Allen e da First Things First.

Voto:

Immagine5

Stephen Covey  (1930 – 2014) è stato un’autorità stimata sulla leadership a livello internazionale, un esperto della famiglia, un insegnante, un consulente aziendale, fondatore dell’ex Covey Leadership Center e co-presidente della Franklin Covey Company. Ha conseguito un master in gestione aziendale a Harvard e un dottorato conseguito alla B.Y.U., dove è stato professore di comportamento organizzativo e gestione degli affari e ha anche prestato servizio come direttore delle relazioni universitarie e assistente al rettore.

A. Roger Merrill, un noto leader nella gestione del tempo e nello sviluppo della leadership, è vicepresidente e membro fondatore dell’ex Covey Leadership Center e vicepresidente della Franklin Covey Company. Ha una laurea in Business Management e ha svolto un lavoro cospicuo di specializzazione nel campo del comportamento organizzativo e dell’apprendimento degli adulti. Lui e sua moglie Rebecca sono genitori, nonni e coautori diConnections – Quadrant II Time Management. Roger ha inoltre contribuito come autore al libro Principle-Centered Leadership.

Rebecca R. Merrill, madre, nonna e donna che si occupa della casa e della famiglia, è un’autrice esperta e ha ricoperto numerose posizioni di leadership in organizzazioni comunitarie, scolastiche e femminili. Coautrice di Connectiom – Quadrant II Time Management, ha altresì assistito Stephen R. Covey in The 7 Habits of Highly Effective People.

Facebook-iconBlogger-icon

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi