Gens Arcana di Cecilia Randall

Cecilia Randall;

Cecilia Randall, pseudonimo di Cecilia Randazzo (Modena, …), è una scrittrice italiana, autrice di romanzi fantasy e racconti. È conosciuta in particolar modo per la trilogia di Hyperversum.

Nata a Modena, dopo aver frequentato il liceo linguistico si è laureata in lingue e letterature straniere presentando una tesi sul Romanticismo tedesco e le sue influenze sulla cultura italiana dell’Ottocento. Dopo la laurea ha ottenuto un master in comunicazione e tecnologie dell’informazione presso l’Università di Bologna. Lavora come grafico e web designer in un’azienda specializzata in servizi per il web e occasionalmente come illustratrice.

La sua avventura editoriale è iniziata nel dicembre 2006 con la pubblicazione del romanzo Hyperversum, con il quale si è aggiudicata nel 2007 il Premio Letterario Nazionale Insula Romana (XXX edizione) per la sezione “Narrativa edita ragazzi”. Nell’ottobre 2007 è stato pubblicato il secondo romanzo della serie, Hyperversum – Il falco e il leone e il 14 gennaio 2009 il terzo romanzo, Hyperversum – Il cavaliere del Tempo.

Il 19 ottobre 2010 è stato pubblicato il romanzo Gens Arcana, ambientato nella Firenze rinascimentale di Lorenzo de’ Medici.

La scrittrice ha inoltre partecipato alla stesura delle antologie L’ombra del duomoMutazioni insieme ad altri scrittori, utilizzando il proprio vero nome. Nel 2009 ha dato alle stampe il racconto Angeli e Uomini, nell’antologia Sanctuary.

Sitoweb: http://www.ceciliarandall.it/

Titolo: Gens Arcana (isbn:9788804598343)
Autore: Cecilia Randall
Serie: #
Edito da: Mondadori
Prezzo: 20,00€
Genere: Adult/Young Fantasy, Storico, Magia
Pagine: 622 pg.
Voto:


Trama:

Firenze, 1478. Valiano de’ Nieri è discendente di una delle più antiche e nobili famiglie italiane di Arcani. Essere Arcano significa poter invocare la quinta essentia, il quinto elemento di Natura capace di combinarsi con gli altri quattro – Aria, Acqua, Terra e Fuoco – e di governarli. Il potere arcano è immenso e può determinare le sorti dell’umanità intera: per questo si tramanda solo attraverso il lignaggio del sangue e va protetto e tenuto segreto. Ma Valiano ha rifiutato i suoi poteri e la sua “predestinazione”, è fuggito e cerca di vivere normalmente lavorando come apprendista liutaio. Quando però suo padre Bonconte muore in circostanze misteriose e il suo amato fratello Angelo viene rapito, Valiano capisce di non potersi più sottrarre al proprio destino: il machiavellico cugino Folco de’ Nieri sta scalando il potere all’interno della famiglia e, pur di realizzare la sua ambizione, è pronto a sfruttare una conoscenza proibita – e Valiano deve fermarlo. Sullo sfondo della magnifica Firenze di Lorenzo de’ Medici, le gesta arcane si mescolano a quelle della congiura dei Pazzi in un vortice a cui nulla e nessuno potrà sottrarsi…

 

Citazione: Un potere occulto, capace di scatenare le forze della natura e sconvolgere le vostre esistenze, è custodito dalle dinastie arcane. E non deve finire in mani sbagliate…

aquam et terram et aerem et ignem voco…

Recensione:

Cecilia Randall è una di quelle autrici che hanno il “dono del narratore” e con questo suo nuovo Gens Arcana non ha fatto altro che confermare ciò che ci aveva già dimostrato con la sua trilogia Hyperversum. Scrivere bene può essere un dono ma indubbiamente può anche essere il frutto di lunghi e minuziosi anni di studi della lingua italiana che permettono a uno scrittore di essere un buon narratore. Volendo, chiunque è in grado di scrivere bene ma poi, in tutta onestà, hanno la capacità di scrivere bene e partorire dei piccoli gioielli della narrativa; in questo caso il “dono” o lo si ha oppure c’è poco da fare: non scatta la scintilla.

Cecilia Randall è una delle regine del Fantasy Italiano e, con grande orgoglio, grazie a Gens Arcana ha potuto zittire definitivamente le malelingue che non facevano altro che denigrare Hyperverusm I (opera d’esordio, precisiamolo!) rilegandolo semplicemente a mera versione per giovani di Timeline di Michael Crichton. Ebbene, ora questo non è che il passato, ora c’è Gens Arcana!

Romanzo fantasy storico ambientato nella nostra (e ribadisco “nostra” visto la mia assoluta toscanità NDR) bella Firenze Rinascimentale del XV secolo, questa volta Cecilia ci porta a rivivere la nostra italianissima storia con tanto di Congiura dei Pazzi contro i Medici. Personaggi realmente esistiti si incontrano e amalgamano perfettamente con naturalezza con le “creature” dell’autrice, portando così il lettore, grazie a una ricostruzione storica come sempre molto accurata, a interrogarsi sull’esistenza di Arcani e Elementari. Realtà e Magia perfettamente fusi assieme.

E’ questa la magia di Gens Arcana! Uno stile elegante – e ormai perfezionato dall’esperienza -, una trama avvincente e dei personaggi assolutamente squisiti nella loro assoluta imperfezione e umanità!

Valiano con il suo essere ribelle, testardo, egoista e pavido ma incredibilmente coraggioso e determinato in modo crescente e coerente in tutta la durata del romanzo. E’ un ragazzo che non accetta i vincoli e le responsabilità che gli vengono accollate dal capo di una grande dinastia di Arcani, suo padre. Non ha nessuna intenzione di essere grande e potente, non è interessato e perciò rifiuta se stesso –  doveri e poteri! – e scappa di casa per vivere “normalmente”. Ma si può realmente sfuggire al destino? Molto probabilmente sì, si può. Peccato che non si può sfuggire a ciò che si è, questo non è mai permesso. E così si troverà braccato come un’animale finché, nuovamente, non si troverà di fronte a una scelta: tornare per salvare il fratello minore  – che negli anni si era sobbarcato anche i suoi doveri e che adesso aveva bisogno di lui – oppure continuare a scappare.

Manente il cacciatore il cui unico scopo è quello di trovare e catturare Valiano per ordine del Traditore, suo padrone. Sembra non avere limiti, scovare tracce è per lui facile, anche troppo. La sua forza è inaudita ma, in realtà, il suo tempo sta per scadere e non potrà far altro che scegliere: quale via gli assicurerà la vita?

Selvaggia. Testardo e orgoglioso ladruncolo di strada che si intestardirà nel voler ripagare un debito di vita a Valiano e che, per questa sua scelta, finirà coinvolta nel vortice di eventi che la porteranno ad avere un ruolo fin troppo importante per il nuovo Capofamiglia.

E infine, ma non meno importante, Angelo. Magister di soli 16 anni dai poteri e dalla saggezza inaudita. Fratello minore del rampollo dei Nieri sfuggito alle sue responsabilità, questo ragazzo è una vera perla rara in tutta la sua sfaccettata complessità. Si è sobbarcato responsabilità non sue per amore del fratello ma che non manca mai di bacchettare con brevi e pacate sferzate che non fanno altro che ricordare a Valiano quanto sia in debito con il fratellino minore.

Il cattivo, in questo caso, è Folco De’ Nieri, cugino di Valiano e Angelo, del tutto determinato a sterminare loro e tutti coloro che si porranno fra lui e il suo obiettivo: diventare il nuovo Capo della famiglia Nieri e quindi della gens arcana.

Il libro è confezionato in un crescente continuo di adrenalitica tensione che non permette mai al lettore di staccarsi dalle pagine, con continui colpi di scena uno più incredibile dell’altro. 600 pagine di essenziale coinvolgimento che non manca di lasciare un piccolo insegnamento per tutti coloro che riusciranno a coglierlo: il Destino, per quanto possa spingerci verso una direzione, potrà riuscirci solo dopo aver conquistato il nostro consenso. L’importante è non sottovalutare la capacità persuasiva della Vita e la testardaggine umana: l’esito non è mai scontato.

Ottima prova per Cecilia Randall!

 

Booktrailer:

Lascia un commento

3 risposte a “Gens Arcana di Cecilia Randall”

  1. Vocedelsilenzio ha detto:

    Mi ispira mi ispira mi ispira!!!

  2. Vocedelsilenzio ha detto:

    Io ero un po' incerto… ma se mi dici così!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi