Trick or Treat? I consigli da infarto per un Halloween da urlo – Parte 4

2014-09-halloween-2014-wallpaper-16

Trick or Treat?
Halloween’s Special

fantasmini-sep

Halloween è ormai una festa che ha preso piede anche nel nostro paese da anni, quindi perché non creare un piccolo special per questa ricorrenza? 😛
Sognando Leggendo ha pensato di proporvi diversi suggerimenti per dei festeggiamenti da BRIVIDO:
Libri, film, musica, curiosità, ricette, luoghi infestati da visitare e molto altro!

Partiamo!

 

s1

In questa  puntata vogliamo raccontarvi di alcune leggende legate alle regioni d’Italia, cosi da spaventarvi uno ad uno :mrgreen:
Buona lettura!

6

TRENTINO ALTO ADIGE: Castel Toblino, ottima meta di passeggiate, è un piccolo maniero posto sulle rive di un lago, e qui ebbe luogo una relazione che non sarebbe dovuta esistere. Carlo Emanuele Madruzzo era un vescovo, e per questo motivo non avrebbe dovuto avere relazioni sentimentali, ma s’innamorò di Claudia, dalla quale ebbe anche dei figli. Il castigo di Dio però, non esitò ad arrivare, ed una notte, di ritorno su una barca con il fratello la ragazza trovò la morte ed ancora oggi, nelle notti di luna piena si possono sentire gli spiriti inquieti dei due sfortunati amanti.

separatore3

VAL D’AOSTA: Narra la leggenda che il Castello d’Issogne sia infestato da un fantasma. Secondo le voci sarebbe lo spettro della Contessa Bianca Maria di Challant, nobildonna e moglie del conte che non riusciva a resistere alla tentazione di buttarsi tra le braccia dei suoi numerosi amanti. Scoperta, provò a fuggire, ma la trovarono e la decapitarono. Si dice che ancora oggi passi il suo tempo tra le mura del castello.
separatore3

p001_0_02_013

FRIULI VENEZIA GIULIA: La Dama Nera di Trieste si narra sia stata in vita una donna molto religiosa. Nelle notti si vede apparire una donna molto bella con un vestito nero ed un colletto bianco entrare in un vecchio convento in piazza Santa Lucia. Qui dentro s’inginocchia e prega assorta fino a che non si sente risuonare l’Ave Maria.

separatore3

VENETO: L’Arena di Verona è una delle opere più importanti d’Italia. Narra la leggenda che sia stato costruita dal Diavolo che aveva fatto un patto con un condannato a morte: la costruzione per la sua anima. Lo sventurato non aveva capito che era il demonio e si mise a pregare per annullare questo patto. La Vergine Maria ebbe pietà dell’uomo e fece suonare l’Angelus dai suoi angeli, e immediatamente tutti i demoni tornarono all’inferno e il teatro non venne mai completato.

separatore3

g-p-bagetti-la-sacra-di-san-michele-1825-1830-gam-torino

PIEMONTE: Torre della Bell’Alda si narra ci sia il fantasma di una giovane fanciulla, rifugiatasi lassù per scappare da alcuni soldati, decise di buttarsi dalla torre piuttosto che farsi catturare. Per sua fortuna alcuni angeli, ascoltate le sue preghiere, la salvarono, ma lei volendo dimostrare che fosse realmente accaduto, si ributtò nel dirupo e morì.

separatore3

LOMBARDIA: È stato avvistato più di una volta un fantasma nei pressi di Porta Nuova, vestito con abiti medievali. Si tratterebbe di Bernardina Visconti una giovane ragazza che cercava l’amore vero, ma che il padre diede in sposa ad un anziano. La ragazza commise adulterio e per questo il padre la imprigionò in una delle torri e la lasciò morire di fame.

separatore3

saba

LIGURIA: Le Streghe ad Alassio sono dette, in dialetto, Bàzure. Secondo la tradizione le Bàzure si riuniscono sulla spiaggia nelle notti di tempesta, usano le barche per fare dei viaggi dove recuperano dei frutti esotici.

separatore3

EMILIA ROMAGNA: Rosaria Fulgosio era una bella castellana, sposata con il padrone del castello Gropparello. Lei s’innamorò di un cavaliere di nome Lancillotto e tradì il marito, ma sfortunatamente lui lo scoprì e la fece murare viva. Il suo fantasma gira ancora nelle stanze del castello.

separatore3

lucTOSCANA: Lucida Mansi era una bellissima ragazza della nobiltà lucchese. Dopo il primo matrimonio finito (rimase vedova) si risposò con un uomo molto più vecchio di lei, e ciò non la ostacolò dal frequentare giovani amanti, che poi puntualmente uccideva. Volle fare un patto con il Diavolo per rimanere giovane, e quando il demonio arrivò per portarla via cercò d’ingannarlo, ma senza successo. Si racconta che per vedere il volto della giovane donna bisogna immergere la testa nel laghetto dell’orto botanico di Lucca.

separatore3

LAZIO: Ad Alatri, una strega convinse una ragazza a rubare un’ostia per poterla usare in un rituale occulto. Quello che però non sospettava era che l’ostia divenne carne, ed a quel punto la giovane terrorizzata riportò la reliquia in chiesa e confessò tutto al Vescovo di Alatri.

 

separatore3

sibilla_rossetti

MARCHE: La Sibilla Appenninica era una fata buona, veggente e incantatrice, conosceva l’astronomia e la medicina, e dava responsi profetici con un linguaggio non sempre facile da interpretare. Questa è la versione originale, mentre nel passare del tempo scrittori e poeti cambiavano la natura della Sibilla, facendola apparire cattiva ed un’incantatrice di uomini.

separatore3

CAMPANIA: La fossa dei coccodrilli è una prigione di Napoli che, narra la leggenda, prende questo nome dal fatto che ogni condannato che veniva rinchiuso lì spariva improvvisamente. Fu dopo molto tempo che si venne a conoscenza di una falla nel muro che permetteva ad un coccodrillo di entrare ed attaccare gli uomini rinchiusi.

separatore3

gue_fr

UMBRIA: Il cavaliere Guerin Meschino si reca dalla maga Alcina perché è alla ricerca delle sue origini e cerca dalla megera delle risposte. Lei tenta in ogni modo di farlo peccare, così da potersi impadronire della sua anima. Lui resiste ad ogni tentazione e insiste per farsi dire le sue origini, al che la maga lo prende in giro e sparisce e lui per miracolo riesce a tornare a casa.

separatore3

PUGLIA: Laùro è uno spettro bambino che si dice si aggiri in determinate case, chi dice nelle case accoglienti e chi dice in quelle meno. Questo bambino si diverte a fare gli scherzi facendo saltare la corrente, spostando oggetti, accendendo il televisore anche se c’è la spina staccata. Di per sé, è uno spettro tranquillo ma fa il suo ‘bello’ spavento. Qui potete approfondire la sua figura anche perché sulla nascita di questo mito c’è anche una versione più triste:  LINK

separatore3

upload55711

BASILICATA: Il castel di Lagopesole è teatro di un’altra leggenda. Si dice che nelle notti di luna piena si veda apparire una luce portata da una ragazza vestita di bianco che urla e si dispera. Sarebbe la moglie di Manfredi, che cerca il suo amato marito e i suoi figli. E nei prati circostanti si può incontrare il fantasma di Manfredi che cavalca alla ricerca della sua famiglia.

separatore3

ABRUZZO: Pantafica è una strega vestita di bianco che distuba il sonno, fa provare sensazioni di soffocamento e paralisi ai poveri malcapitati. Per sconfiggerla basta lasciare del vino accanto al letto, visto che ne è molto golosa.

separatore3

lupo_mannaro

MOLISE: Si narra che i bambini concepiti la notte santa, quella della vigilia di Natale, siano maledetti, perché quella è notte d’astinenza. Ci sarà un bambino in particolare, uno solo che sarà un lupo mannaro e porterà sfortuna a chiunque gli stia intorno.

separatore3

CALABRIA: Narra la leggenda che un marito portò dalla moglie una bimba che lui pensava si fosse persa e fosse muta, ma in realtà non era altro che il Destino sotto mentite spoglie, che irritato pretese di essere riportato dov’era stato visto. Mai lasciarsi ingannare!!!!

separatore3

vito-_034

SICILIA: Il castello di Mussomeli è stato, secondo la leggenda, teatro di una grande tragedia. Il padrone di casa fece chiudere a chiave le sue tre sorelle in una camera, perché essendo tre belle ragazze non si fidava a lasciarle in mani altrui. Le fece rinchiudere con il cibo, per il tempo secondo lui sufficiente per la battaglia, ma purtroppo la guerra durò di più, e quando tornò a casa trovò le sue adorate sorelle morte.

separatore3

SARDEGNA: In una leggenda sarda, la Morte costringe le donne decedute di parto a riapparire per sette anni per lavare i panni del bambino senza potersi ribellare.

texto_png_happy_halloween_by_fabianaavenger-d61xivm

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi