Il cuore e la maschera di Daniela Jannuzzi

Il cuore e la maschera

di Daniela Jannuzzi

 

Il Cuore e la Maschera2Titolo: Il cuore e la maschera
Autore: Daniela Jannuzzi
Serie: //
Edito da:  Self Publishing
Prezzo: 17.50 € (cartaceo SelfEditrice) – € 1.02 € (ebook)
Genere: Romance Storico
Pagine: 525 p.

anobii-icon Good-Reads-icon amazon-icon

Trama: Una figura misteriosa si muove indisturbata lungo i corridoi bui dell’Opéra: Erik, colui che nessuno vede ma che tutti, in teatro, temono. Il Fantasma sa di essere condannato a una vita senza amore, e anni dopo la partenza dell’adorata Christine, decide di riportare gloria e fama nel Suo teatro ricominciando a comporre opere capaci di incantare chiunque le ascolti. Ma le cose non andranno come Erik le aveva immaginate: l’arrivo di Leah lo farà piombare nuovamente nel tormento e nella disperazione, risvegliando nel suo animo inquieto quei sentimenti che credeva ormai morti. Nel suggestivo scenario di una Parigi d’inizio Novecento, prende forma la travagliata storia d’amore tra il Fantasma dell’Opera e la giovane cameriera, due vite ai margini che possono incontrarsi solo nei meandri oscuri della notte, per condividere le proprie solitudini e per sentirsi, insieme, un po’ meno diversi. Immagine5

Recensioneùdi MissMarilux

 

Il cuore e la maschera è l’opera prima della italianissima scrittrice Daniela Jannuzzi. Concettualmente il libro si presenta come una sorta di sequel del Fantasma dell’Opera, nello specifico si fa riferimento al musical di Andrew Iloyd Webber. 347-C435-04Sulla carta il libro aveva davvero molte possibilità; quando è stato proposto ho pensato subito fosse quello che cercavo: mi era sempre piaciuta la storia del Fantasma, una figura facilmente trasformabile in un eroe romantico, con forte tinte gotiche. Ho sperato che l’autrice sapesse equilibrare esattamente questi due aspetti ma, ahimè, mi sono dovuta ricredere.

Iniziamo con il dire che il libro composto da oltre 500 pagine avrebbe meritato un gran bello sfoltimento. La totale assenza di un editing serio e reale ha appesantito una trama abbastanza lineare, rendendola priva di mordente e spezzando continuamente uno pseudo pathos assolutamente mal gestito. La storia parte con un gran difetto, ovvero fa entrare in scena il personaggio femminile principale, Leah, solamente dopo un centinaio di pagine. Leah si presenta subito come una dura e si comporta come tale, o meglio ci prova, ma con una totale assenza di caratterizzazione! fantasma1Sappiamo due/tre cose su di lei, vediamo le sue azioni, ma è tutto poco credibile. Anzi! In più punti si avverte la bidimensionalità della ragazza, colpevole quindi di non avere alcun carisma.

Quanto ad Erik stesso discorso, anche se con aggravante! Materiale per scimmiottare il vero Fantasma c’era eccome, eppure la Jannuzzi non ci riesce fino in fondo. Non ho trovato un Erik romantico ed oscuro e pericoloso, ma solo un uomo patetico, sociopatico, frustrato e un po’ matto. Si insomma, un Fantasma sbiadito, lavato in candeggina!

camerieraQuanto agli altri personaggi, stesso discorso. Non vi è mai tridimensionalità, non si avverte mai quella scintilla che caratterizza personaggi di altri libri, rendendoli vividi e reali, come esistessero nella realtà. Ed è un vero peccato. Il materiale c’era, ma non è stato gestito al massimo.

Altra cosa che non mi è piaciuta, in particolar modo, è il finale. Tutto lo sviluppo soffre di una certa prolissità, scusabile con una mancanza di sfoltimento, ma l’epilogo mostra delle lacune e francamente lo trovo un più a una storia sin troppo tirata per le lunghe. drammone Avrei decisamente preferito un vissero felici e contenti che lasciasse all’immaginazione del lettore la vita dei due protagonisti. Inoltre tale capitolo è davvero poco chiaro, sembra un sogno, un ritorno dall’aldilà. Mah confusionario e inutile.

OperaLo sfondo d’azione, ovvero l’Opéra di Parigi non viene, poi, descritta o accentuata più di tanto, fa da mero paesaggio. Ma avendo personaggi che si muovono in un ambientazione del genere era doveroso aspettarsi bene altro. Anche qui, c’è stato un bel lavaggio in varechina, insomma.

Non mi piace stroncare così un romanzo italiano, e di un esordiente per di più, ma questo volume aveva un buon potenziale su carta che non è stato assolutamente sfruttato. Mancanza di editing e (forse) mancanza anche di capacità nell’autrice, hanno mandato alle ortiche un progetto decisamente interessante. Su una scala da 1 a 10 prenderebbe un bel 5 e mezzo, qui su SognandoLeggendo un due e mezzo. Insomma la storia c’era, si poteva, anzi si doveva, dare molto di più. Peccato…

Voto

 

1Astelle

 

Immagine5

Daniela Jannuzzi ha 35 anni ed è nata a Messina. Da circa quindici anni vive nella piccola ma splendida isola di Lipari. La passione per i libri e la scrittura è nata quasi insieme a lei; le è sempre piaciuto dar sfogo alla fantasia scrivendo o vivendo in prima persona, tramite giochi con le bambole, tutte le storie che creava. Adora la natura e gli animali, vive in campagna circondata dal verde e proprio guardando questi splendidi paesaggi trova l’ispirazione. Lavora in un negozio come commessa, scrive appena le è possibile e legge di tutto. Il suo passatempo preferito? Stare comodamente sdraiata sul divano in compagnia del suo cane, gustandosi un buon libro, naturalmente

Goodreads_iconFacebook-icon

 

Lascia un commento

Una replica a “Il cuore e la maschera di Daniela Jannuzzi”

  1. Terry ha detto:

    Anch’io ho letto questo romanzo e mi è piaciuto molto. Mi sono appassionata subito alla storia, tanto che non volevo proprio più staccarmene.
    Queste le mie impressioni: Questo romanzo, scritto da Daniela, mi è piaciuto davvero molto. In particolare, i momenti che mi sono piaciuti di più, quindi che anche mi sono rimasti impressi nella mente, sono stati: quando Erik solleva Leah per farla salire sulla statua del tetto raffigurante l’angelo (ho trovato questa scena sublime!), poi mi è piaciuto moltissimo quando Leah si ferisce con la trave caduta dal tetto per salvare l’amica Colette ed Erik la porta nei sotterranei, allora lei confonde i suoi occhi con quelli dell’aggressore e lo respinge (ho pensato che è stato davvero un bel colpo di scena questo rifiuto e quindi questa momentanea loro separazione) e poi sì… essendo una gran romanticona, ogni volta che leggevo il libro non vedevo l’ora che Leah ed Erik si incontrassero per saperne di più sulla loro storia d’amore.

    La scrittura poi è fluida e scorrevole, frutto sicuramente di un lavoro di cesellatura finissimo. E i dialoghi sono ben costruiti.
    Certo molte delle cose che accadevano nel romanzo, da lettrice un po’ me l’aspettavo, però credo che questo sia dovuto al fatto che comunque l’autrice ha messo a suo agio il lettore facendo comprendere con grande onestà intellettuale le sue intenzioni e le sue idee.

    Comunque, davvero un romanzo ben scritto, calibrato in tutte le sue parti, cioè non c’è stato mai un momento in cui ho pensato che ci fosse qualcosa di eccessivo, ma tutto è misurato e al suo posto. Solo all’inizio ho provato poca simpatia per Erik (Il fantasma dell’Opera), del resto non conoscendo la storia precedente è normale che non l’abbia compreso subito il personaggio, però da quando incontra Leah fino alla fine del romanzo non solo mi è piaciuto, ma addirittura ne sono rimasta terribilmente affascinata da questo personaggio oscuro, tenebroso e dall’animo tormentato.

    Insomma… nel complesso proprio un gran bel romanzo, che ha il sapore dei grandi classici della letteratura, proprio per la sua misurata compostezza.

    Consiglio naturalmente la lettura a tutti perché vi saprà di certo conquistare!

    Almeno, queste sono state le impressioni a caldo dopo che ho letto il libro e che ho comunicato subito all’autrice che ho la fortuna di conoscere. Personalmente, come opera prima credo sia un buon lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi