Il Giardino dei raggi di Luna di Sarah Addison Allen

Sarah Addison Allen:

Sarah Addison Allen è nata e cresciuta nel North Carolina. Ha esordito come scrittrice pubblicando, sotto pseudonimo, numerosi romanzi rosa. Con Il profumo del pane alla lavanda (Garden Spells), il primo romanzo per il grande pubblico (Sonzogno, 2008), ha raggiunto il successo. Dall’uscita del secondo romanzo, Giorni di zucchero, fragole e neve  (Sonzogno 2011 – Sugar Queen) che è stato in vetta alle classifiche USA e tradotto in oltre 15 lingue, l’autrice viene considerata una delle più talentuose scrittrici della narrativa internazionale. Dopo Il Giardino dei raggi di luna (The Girl who chased the Moon) la Allen ha pubblicato, The Peach Keeper (Marzo 2011), ancora non tradotto in Italiano, un altro romanzo in cui la magia delle fiabe si fonde col romanticismo e con la sensibilità caratteristica della cittadina del Sud

Sito: Sarah Addison Allen

Titolo: Il giardino dei raggi di luna
Autore: Sarah Addison Allen
Serie: //
Edito da: Sonzogno
Prezzo: 17,00 €
Genere: Romanzo, fantasy
Pagine: 256 p.
Voto:

Trama: La diciassettenne Emily arriva nel paesino di Mullaby con la speranza di risolvere alcuni misteri che circondano la vita della madre, appena scomparsa. Ma quando entra nella casa del nonno si rende conto che a Mullaby i misteri fanno parte della vita quotidiana: ecco camere dove la carta da parati cambia a seconda dell’umore di chi la guarda, ecco strani fasci di luce che attraversano i cortili a mezzanotte. E una vicina, Julia, sforna sogni a forma di biscotti, sperando di far tornare l’amato. Può la torta colibrì restituire l’amore? C’è davvero un fantasma che danza nel cortile di Emily? Le risposte non sono mai quelle che ci si aspetta. Perché in questa città di curiose stramberie, la felicità sorride a chi sa assaporare il magico della vita.

Recensione
di CriCra

L’amore rende magiche le cose più semplici.
Così il profumo di una torta
può attraversare gli oceani,
e far tornare colui
che se n’era andato per sempre

Il giardino dei raggi di luna è il 3° libro uscito dall’ingegno e dalle abili mani di Sarah Addison Allen, arricchendo le nostre librerie italiane di una storia che è pronta a condurre in un mondo particolare e fantasioso. Siamo a Mullaby, una cittadina del North Carolina, dove gli abitanti vivono in tranquillità, nel rispetto delle loro usanze e tradizioni. È qui che facciamo la conoscenza delle due principali protagoniste della storia: Emily e Julia.book

Fin da subito la storia trasmette quella sensazione di unità tra i fatti, narrati in modo parallelo e alternato tra loro: la storia di Emily, una diciassettenne rimasta da poco orfana, e dei segreti che dovrà scoprire riguardo a quella che era la vita di sua madre, lascia spazio a quella di Julia, una donna introversa e sola, che con la sua passione e al tempo stesso ossessione nel preparare dolci, rifletterà sulle sue esperienze fatte nel passato e le decisioni che dovrà prendere per il futuro.

Intorno ad Emily e Julia ruotano tutti gli altri caratteristici personaggi della storia come il nonno di Emily, Vance, il gigante buono di Mullaby (proprio fisicamente parlando, data la sua enorme altezza); Sawyer, allegro e premuroso, innamorato da sempre di Julia; il dolce e bello Win Coffey e la sua misteriosa famiglia, collegata ad Emily a causa delle azioni passate della madre; e tutta la città a fare da contorno.

 Amici?” chiese Win e sembrava che le chiedesse di fare
qualcosa di rischioso.
La faceva sentire coraggiosa per il semplice fatto di essere lì,
davanti a lui,
ed Emily non capiva perché.
Non si era mai sentita coraggiosa prima.
Emily annuì. “Amici.”

Emily ha tante domande su chi era sua madre alle quali nessuno, neanche suo nonno o Julia, sembrano voler rispondere sinceramente, come se tutti, indistintamente, avessero fatto voto di omertà in questa piccola città in cui sembrano accadere fenomeni strani e misteriosi, uno in particolare che riguarda il manifestarsi di fasci di luce nel bosco dietro casa di suo nonno.

 Julia, invece, combatte continuamente con se stessa per ciò che era in passato e ciò che è adesso. Ora che è tornata a Mullaby per bookriparare ai danni lasciati dal padre, deve decidere cosa sarà meglio per lei, se aprire il suo cuore sarà nuovamente rischioso e penoso come lo era stato in passato, a causa di colui che le ha cambiato per sempre la vita.

Nelle parole del libro potremo notare una peculiarità dello stile di Sarah Addison Allen, ossia la capacità di amalgamare sentimenti come la dolcezza e la leggerezza insieme a rivelazioni dense di significato, di esperienze di vita vissuta, ora belle ora brutte, come la perdita di una persona cara, la famiglia, i figli, il divorzio, verità nascoste e auto punizioni inflitte a se stessi che mai potranno essere cancellate dal corpo e soprattutto dalla mente, trasmettendoci quella vena di malinconia e di rimpianto delle vita dei personaggi, mentre un tocco di pura fantasia e magia farà da contrappeso all’intera storia. Da una parte c’è la curiosità di capire e di vedere svelati i segreti che la storia nasconde, dall’altra c’è questa bella storia d’amore che nuovamente prende vita dopo che le sue radici avevano lasciato un solco nel passato dei personaggi interessati, pronti ora ad affrontare la verità e il futuro insieme.

 Era sempre stato affascinato da Julia, attratto da lei nel modo
in cui le persone curiose sono attratte da ciò che non capiscono.
Ma era riuscito a mandare all’ariaogni possibilità di stare con lei e
lo aveva fatto alla sorprendente età di sedici anni.
Il rimpianto più lungo del mondo. 

Sono molte le particolarità che mi hanno conquistata di questo nuovo libro, iniziando dalla copertina elegante e dolcissima, pbookronta a condurti in un mondo di sogni e magia, un tratto verificabile anche per i suoi precedenti libri altrettanto belli e teneri. Un’altra  è stata la dedica che l’autrice fa all’inizio del libro, tutta in memoria del famoso gigante gentile Robert Pershing Wadlow, morto alla giovane età di ventidue anni che tutt’ora detiene il record mondiale dell’uomo più alto al mondo, dal quale forse molto probabilmente l’autrice ha preso spunto per Vance, il nonno di Emily, altro personaggio importante all’interno della storia.

Giunta poi alla conclusione,  dopo “un fascio di luce misteriosa” qui e un improvviso“cambio di carta da parati” là, mi sono alzata, sono andata in cucina e ho preparato un bel dolce, stimolata dai sapori, dagli odori e ovviamente dalle emozioni che la lettura e i suoi meravigliosi personaggi e scenari, mi avevano trasmesso. Gustatevi la storia e buon appetito a tutti, Sarah Addison Allen non vi deluderà.

Lascia un commento

0 risposte a “Il Giardino dei raggi di Luna di Sarah Addison Allen”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi