Il mio ragazzo di R. Raj Rao

tumblr_mfowaaCNtU1ri8vcpo1_500

R. Raj Rao

Capitan Salgari

R. Raj Rao (1955) è uno scrittore e insegnante di letteratura e uno dei più importanti leader di attivisti per i diritti omosessuali in India. Il suo romanzo “Il mio ragazzo” (2003) è uno dei primi romanzi gay a provenire dall’India.
Ha conseguito il dottorato di ricerca in letteratura inglese presso l’Università di Bombay, e studi post-dottorato presso l’Università di Warwick. E’ autore di Slide Show (poesie), One Day I Locked My Flat in Soul City (racconti brevi) e Nissim Ezechiele: la biografia autorizzata. La raccolta di poesie ‘BomGay‘ ha gettato le basi per il film Bomgay, di  Riyad Wadia (1996), presentandosi come il primo film gay indiano.
Rao è docente del dipartimento di Inglese all’ Università di Pune, è fondatore del Circolo Queer Studies, un gruppo di studenti gay-lesbiche , e si autodefinisce un utopista radicale.


Il Corsaro NeroTitolo: Il mio ragazzo
Autore: R. Raj Rao
Serie: //
Edito da: Metropoli D’Asia (Collana: Narratori)
Prezzo: 14,50 € 
Genere:  Letteratura orientale, romance, adult
Pagine: 320 p.
Votohttp://i249.photobucket.com/albums/gg203/nasreen4444/SognandoLeggendo/5Astelle.png
  

Trama: Una intensa storia d’amore omosessuale tra un giornalista e un intoccabile, in una Bombay sordida e violenta. Il giornalista quarantenne Yudi inizia una relazione con il diciannovenne Milind, e lo ospita nel suo appartamento nelle settimane in cui a Bombay scoppiarono le bombe sui treni urbani che fecero centinaia di morti. I due tentano una convivenza nella quale misurano le rispettive appartenenze di ceto sociale, ma Milind scompare insieme a un produttore televisivo, nel sottobosco della Bollywood più corrotta. Così il giornalista inizia il suo viaggio dapprima nella Bombay del cinema e della moda, poi nella comunità degli intoccabili. Ritroverà il compagno tanto simile e tanto diverso da lui?

Recensione
di Livin Derevel

Un libro carino, delicato e armonioso. Apre al lettore un mondo esotico e così tremendamente lontano dall’occidente a cui è abituato, scavalcando anche l’ultima ondata di film di Bollywood che si sono dati poco la pena di spiegare come fosse vivere realmente in una Bombay caotica e priva di un equilibrio costante: da una parte, la società più borghese – in cui vivono i ricchi, i colti e le persone rispettabili – e dall’altra, le periferie dove sono relegati gli intoccabili, persone indegne di mischiarsi col resto della popolazione, destinati per sempre a nascondersi tra indifferenza, astio e tradizioni profondamente radicate nell’animo.

Questo romanzo è stato davvero una sorpresa. L’autore ha dato una completa panoramica delle usanze e degli usi indiani in una maniera coinvolgente e originale, esaustiva ma mai pesante, il personaggio di Yudi – intellettualoide conscio di una globalizzazione innovativa e quindi dall’ampia mentalità – si districa tra i diversi ceti con gentilezza, senza declassare né decantare, dipingendoli con realismo e obiettività.

La storia d’amore tra i due protagonisti mi è piaciuta un po’ meno: Yudi è un giovanotto profondamente innamorato, che spende i suoi soldi e il suo tempo con Milind, un ragazzetto che tuttavia si dimostra ingrato ed infantile; le sue azioni sono dettate dall’ignoranza prodotta dalla segregazione nei suburbi, è un personaggio volubile e pretenzioso, che però risulta di un certo fascino, e che non disdegna le attenzioni del giornalista. Anche se non è chiaro se il suo interesse sia verso Yudi o i suoi soldi.

E’ un libro particolare. Diverso da quello a cui la media degli italiani è abituata, scritto in toni sciolti e disincantati, non è volgare né paternalista, piacevole.

Le ultime pagine sono amarognole, ma che lasciano aperte le speranze per qualcosa che forse non arriverà mai.

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi