Il posto più bello del mondo è da nessuna parte di Letizia Turrà

Percorsi di crescita
separatore1

Il posto più bello del mondo è da nessuna parte

di Letizia Turrà


Titolo
: Il posto più bello del mondo è da nessuna parte
Autore: Letizia Turrà
Edito da: Letizia Turrà
Prezzo: 14,99 €
Genere: Romanzo
Pagine: 298 pag.
Good-Reads-iconamazon-icon

Trama: Patricia è una cantante che tenta di sbarcare il lunario girovagando per locali, affiancata dal suo migliore amico Robert, musicista a tempo perso e proprietario di un atelier di vestiti usati, e da Sandra, sua migliore amica Fashion Blogger, con il sogno nel cassetto di diventare una affermata giornalista. La ragazza vive ancorata al suo passato nella città di Londra, luogo nel quale ha vissuto al fianco di John, un uomo turbolento che la abbandona per diventare uno scrittore di romanzi Horror. Da quel momento la donna fa ritorno in Italia, esattamente a Milano, dove desiderosa di comprendere il perché l’uomo che ama abbia intrapreso quella strada, frequenta biblioteche e mercatini vintage, in cerca di un libro che possa dare risposta ai suoi mille interrogativi. Ciò che troverà al contrario di quanto potesse mai immaginare, sarà Scott, un uomo misterioso dal nome e dai modi insoliti, che le porterà via proprio il libro che lei desidera. Patricia insegue il misterioso viandante fino ad un vicolo cieco, nel quale i due intrattengono un dialogo che li porterà a conoscersi in un gioco fatto di ombre, misteriose sensazioni ed esperimenti psicologici, in cui l’uomo promette di consegnarle quanto lei desidera solo al termine di suddetti esperimenti, che avranno luogo nel suo loft, con tempi e modalità da lui stabiliti. Con il tempo la donna finirà col provare un sentimento d’amore per Scott, arrivando ad avere con lui anche una relazione sessuale. In un intreccio di sentimenti contrastanti e folli questa vicenda, basata su accadimenti reali, porta a conoscere un mondo diverso da quello materico, cui siamo ormai abituati, in cui il sottile filo che collega la vita alla morte mostra i suoi reali risvolti. Per tutto il “viaggio”, permane il significato profondo dell’esistenza umana e dell’energia che ogni essere umano possiede, come personale lascito. È una storia di perdono, d’amore, di follia, di morte e di rinascita.

Immagine5

Recensioneùdi Simona Savino

Solitamente non mi occupo di questo genere di libri, ma ci tenevo a leggere l’ultima creatura di Letizia Turrà. Un romanzo in cui l’autrice ha messo molta della sua vita privata ed emozioni a testimonianza del valore terapeutico della scrittura e dell’arte in generale.

Una delle prime cose che mi ha colpito è lo stile di scrittura così autentico che è difficile separare e riconoscere gli elementi autobiografici da quelli “romanzati”.

La storia di Patricia ci fornisce molti elementi in linea con le riflessioni che facciamo in questa rubrica.

È la storia di una donna che sin da bambina si è confrontata con temi più grandi di lei: lutti, abbandoni, insicurezze, una ricerca spasmodica di amore. Quella ricerca che nel nostro intimo tutti noi facciamo.

È la storia di una donna che, esperienza dopo esperienza, impara ad amarsi e ad amare.

“Camminerò sulle macerie del mio passato”

Attraverso un palleggio tra passato e presente, Patricia cammina sui ricordi per trovare le risorse e ricostruire il bello che ancora vive in lei. Magico il personaggio del vecchio libraio che le apre dinnanzi agli occhi mondi sconosciuti e tesori da conservare dentro di lei  che le saranno utili in futuro.

Il libro si apre con l’ennesima delusione: l’abbandono del suo ex. La soluzione più semplice sembra quella di chiudere il cuore. Poco efficace perché solitamente il bisogno che pulsa dentro di noi, trova strade nuove per farsi sentire. Strade che solitamente lasciano l’amaro in bocca.

Il bisogno di amore, infatti, è il filo conduttore di tutto il romanzo. Tutte le scelte di Patricia sono mosse dal suo immenso bisogno di essere amata che non riesce a colmare da sola. La donna adulta in fondo non ha mai smesso “di scappare da casa” come faceva da bambina sperando di ricevere amore dal padre. Come allora Patricia scappa da se stessa e da quello che di bello c’è nella sua vita, alla ricerca di briciole di amore. Ed è seguendo quelle briciole che troverà Scott, personaggio enigmatico che ricalca forse un pò troppo Mr Grey. Devo ammettere che questi riferimenti sono quello che più mi è stonato nella storia. Del resto non sono proprio una fan di Cinquanta sfumature di grigio. Anzi…

In questo libro, però, ho apprezzato come l’autrice descrive la verità nuda e cruda delle donne che si innamorano di uomini come Scott senza dover per forza regalare il sogno/illusione ai propri lettori.

Patricia troverà l’amore? Uscirà dalla situazione complicata in cui si è “ficcata”? Ovviamente niente spoiler!

Come nel primo libro, l’autrice mi ha condotto in un viaggio indietro nel passato. Stavolta la storia è particolare e sicuramente singolare, non proprio quotidiana. L’incontro con un uomo come Scott non capita tutti i giorni. Eppure può essere la storia di ognuno di noi. Ci possiamo riscoprire in Patricia tutte le volte che non ci siamo dati abbastanza valore, che facciamo scelte per paura o per bisogno di sentirci importanti per qualcuno. Possiamo identificarci con Sandra o Rob quando condividiamo il dolore della nostra amica del cuore che non si vuole abbastanza bene.

“L’amore non è un vestito già confezionato, ma stoffa da tagliare, preparare e cucire. Non è un appartamento “chiavi in mano”, ma una casa da concepire, costruire, conservare e, spesso, riparare.”

E con questa frase Letizia mi ha conquistata.

Voto:

Immagine5

Letizia Turrà: Cantante Jazz, nel 2009 decide di abbandonare la carriera musicale per dedicarsi alla scrittura. Nascono così: “Manuale della mamma fai da te” (2013), “Aldilà del muro, diario e confessioni di una Escort” (2013), “Il labirinto di orchidee, niente è come sembra” (2015), e “Il posto più bello del mondo è da nessuna parte” (2016), auto pubblicati attraverso la piattaforma Narcissuss.

Facebook-iconBlogger-icon

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi