“Il segreto del Grace College” di Krystyna Kuhn [Il Gioco dei Fantasmi]

Krystyna Kuhn;

Krystyna Kuhn è nata a Würzburg nel 1960. Dopo aver studiato filologia slava, letteratura tedesca e storia dell’arte, ha vissuto per alcuni anni a Mosca e a Cracovia. Tornata in Germania, ha deciso di dedicarsi a tempo pieno alla narrativa, riscuotendo un grande successo in patria e all’estero. Attualmente vive nei pressi di Francoforte con il marito e la figlia.

Intervista all’autrice: http://www.infinitestorie.it/frames.speciali/speciali.asp?ID=950

Sito: Sito dedicato alla serie thriller

Tutti hanno qualcosa da nascondere…

 

Photobucket

La lettera di Julie Frost. Clicca per Ingrandire.

 

 

Serie “Il segreto del Grace College”;

1. Il segreto del Grace College (isbn:9788842917144)

2. Il gioco dei Fantasmi (isbn:9788842917151)

3. Der Sturm

4. Die Prophezeiung

 

Titolo:Il segreto del Grace College
Autore: Krystyna Kuhn
Serie: Il Segreto del Grace College, Vol. 1
Edito da: Nord
Prezzo: 16,00€
Genere: Young Adult, Thriller
Pagine: 434 p.
Voto:

Trama: Un party di benvenuto in riva al Lake Mirror: così vengono accolte le matricole dal Grace College, una prestigiosa università riservata ai migliori studenti del Paese. Ma la festa rischia di trasformarsi in tragedia quando Robert Frost, uno tra gli alunni più brillanti del primo anno, si getta all’improvviso nelle gelide acque del lago e, una volta tratto in salvo, racconta di aver visto una ragazza dai capelli blu tuffarsi da uno scoglio senza più riemergere. Nessuno però ha notato niente, e Robert diventa subito lo zimbello del campus. Soltanto sua sorella Julia gli crede e decide d’indagare, anche perché fin dal loro arrivo in quel luogo inaccessibile, annidato in una sperduta valle delle Montagne Rocciose, lei ha percepito un’atmosfera ostile e minacciosa. E soprattutto perché una ragazza è davvero scomparsa. Si tratta di Angela, la caporedattrice del giornale universitario, che tuttavia è su una sedia a rotelle e di certo non ha i capelli blu. Sebbene Julia sembri determinata a dimostrare che il fratello non è né pazzo né bugiardo, in realtà il suo scopo è ben diverso: deve evitare che lei e Robert attirino troppo l’attenzione, altrimenti qualcuno potrebbe scavare nel loro passato e scoprire il terribile segreto che li ha costretti ad abbandonare tutto ciò che avevano di più caro…

Recensione:
di Nasreen

Il segreto del Grace College è il primo libro di una serie thriller ambientata in una sperduta valle montana del Canada, luogo in cui ha sede una delle università più prestigiose al mondo cui possono accedere soltanto menti particolarmente eccelse ed eccentriche. È proprio in questa  università che il caso fa trasferire Robert e Julia Frost, che  sembrano scappare da un passato tenebroso.

Purtroppo l’esperienza al campus si rivelerà ben diversa da quello che si erano aspettati, la speranza di farsi una nuova vita e di lenire le ferite del passato sembra ormai una lontana illusione. Robert vive dei veri e propri stati allucinatori che lo sconvolgono nel profondo svengliandolo anche in piena notte fra le grida di terrore, mentre Julia, custode di un terribile segreto, teme che il comportamento del fratello possa attirare l’attenzione e la curiosità degli altri. L’ultima cosa di cui hanno bisogno.

E mentre i compagni si mostrano fin da subito cordiali ma a tratti inquietanti, una studentessa paraplegica scompare nel nulla, fino a quando verrà ritrovata morta nel lago. Peccato che arrivare al lago per lei sarebbe stato impossibile nelle sue condizioni e quindi fra gli studenti inizia a serpeggiare il morbo del sospetto. Chi può aver ucciso Angela?  O meglio, cosa può aver spinto l’assassino a togliere la vita ad Angela? Cosa nascondeva la ragazza? E cosa c’entra questa sparizione con quella degli otto ragazzi spariti anni prima, a seguito della quale l’università fu chiusa per alcuni decenni?

Il libro si presenta subito come un thriller che punta più sulle “sensazioni” che sugli avvenimenti veri e propri. L’intenzione dell’autrice è quella di creare un’ambietazione soffocante, impalpabile e frustrante sia per i suoi personaggi che per i lettori. Non ci sono molti indizi da seguire o da far incastrare in qualche ragionamento logico, ci sono le sensazioni della protagonista principale, Julia, e quelle del fratello Robert che si trovano improvvisamente catapultati in un tipico scenario da film horror di serie B. Infatti i clichè sono numerosi a partire dal college sperduto nel nulla e tagliato fuori dal mondo alla festa di iniziazione delle matricole…

L’attenzione del lettore, infatti, tende a concentrarsi principalmente sulle influenze che il “mistero” ha sui personaggi e sui loro rapporti interpersonali. Tutti, ovviamente, sembrano nascondere qualcosa e avere dei segreti, come se tutti gli studenti del Grace College si fossero rifugiati in quel posto sperduto per dimenticare o per sfuggire da qualcosa.

I personaggi magari meritavano un minimo di caratterizzazione in più, ma molto probabilmente questo “non dare troppe informazioni” altro non è che un espediente per impedire al lettore di farsi un’idea precisa su di loro, mantenendoli di conseguenza tutti sul vago e quindi tutti inquietanti e sospettabili.

Julia e Robert sono entrambi di protagonisti con un buon potenziale, lei con la sua aria diffidente e sveglia e lui con la sua logica matematica che gli permette di filtrare il mondo e comprenderne la complessità.

In definitiva un romanzo interessante e abbastanza coinvolgente, se vogliamo tralasciare le prime 70/100 pagine di introduzione che tendono ad essere veramente troppo troppo lente per un romanzo thriller, ma a metà lavoro l’autrice si riprende e la vicenda comincia a procedere tranquilla e spedita senza intoppi. Stile scorrevole, linguaggio semplice e decisamente interessante il doppio punto di vista (Julia e Robert) che riescono a dare una visione a 360° di tutta l’evoluzione della vicenda.

Non resta che attendere il seguito di questa saga che, a detta dell’autrice stessa, avrà a che vedere con gli otto ragazzi scomparsi anni prima sul Ghost, decisamente da leggere.

Titolo:Il gioco dei fantasmi
Autore: Krystyna Kuhn
Serie: Il Segreto del Grace College, Vol. 2
Edito da: Nord
Prezzo: 16,00€
Genere: Young Adult, Thriller, Paranormal Thriller
Pagine: 380 p.
Voto:

Trama: Al Grace College, tutti conoscono quella vecchia storia: una mattina del 1974, otto studenti sono partiti per un’escursione sulla Ghost Mountain e non sono più tornati. Eppure nessuno ha mai indagato sull’accaduto e, ormai, nessuno ne parla più. Per Katie West, invece, risolvere quel mistero è diventato una vera e propria ossessione, tanto da convincere alcuni amici a organizzare una spedizione per raggiungere la cima della montagna. Ma, la sera prima della partenza, uno strano ragazzo le chiede di potersi unire al gruppo: dice di essere una matricola come lei e di avere una cartina dettagliata della zona, la stessa usata quasi quarant’anni prima. Peccato però che lei non abbia mai visto quel tipo e che – cosa ancora più inquietante – non esistano mappe della Grace Valley, nemmeno su Internet. Come se ciò non bastasse, quella notte il peggiore incubo di Katie diventa realtà: la ragazza si ritrova bloccata in ascensore, al buio, in preda a un terribile attacco di claustrofobia. Con grande sforzo, riesce a schiacciare il pulsante di emergenza, ed è allora che, dall’altoparlante, esce un sinistro bisbiglio: Lassù qualcuno morirà…

Recensione
di Nasreen

Parte un po’ sottotono e lento questo secondo romanzo della serie “Il Segreto del Grace College“, il college impossibile da trovare perfino dal fantomatico Google Earth, ma nonostante ciò la curiosità di svelare assieme ai ragazzi il Mistero (con la M maiuscola!) che avvolge l’intera vallata è troppo forte e quindi ci spinge ad andare avanti, fino alla fine.

La narrazione si sposta da Julia (ricordiamo dal precedente libro i poteri di preveggenza dei fratelli Frost) a Kate West, ragazza taciturna, chiusa e diffidente che sembra non interessata a niente di quello che le sta attorno tranne quando si trova a superare i limiti in montagna, fra una scalata e l’altra.

Fin dalle prime pagine scopriamo finalmente che esiste qualcosa in grado di risvegliare dal torpore la giovane ragazza, anzi appare  subito chiaro che la facciata di freddezza, in realtà, non è altro che una maschera che sfrutta per proteggersi dal suo passato e da una famiglia che la tratta come un accessorio alla moda da poter sfoggiare ad ogni occasione. Sarà infatti fra le ripide sponde delle montagne che circondano il Ghost che Kate mostrerà chiaramente il suo desiderio di di libertà ed il bisogno spasmodico di adrenalina che si procurerà scalandole ogni mattina senza un minimo di protezione o imbracatura.

Le sue abilità sono innegabili ma basteranno per poter sfidare l’inavvicinabile Ghost: la montagna su cui è vietato perfino mettere piede?

E cosa accadrà quando la guida obbligherà Kate a procurarsi almeno sei compagni e, al solito gruppetto composto da Julia, Ben, David e Chris si aggiungerà anche il misterioso ed inquiestate figlio del professore Forster?

Paul Forster apparirà dal nulla e, con in mano una cartina della valle del 1972 – l’ultima ed unica rimasta in tutto il mondo ad essere sopravvissuta all’epurazione governativa -, il gruppo lo accolse.

Paul si mostrerà intraprendente, sorprendentemente affine a Kate e pericoloso sotto tutti i punti vista: il ragazzo dice di essere un ex galeotto rilasciato grazie alla buona condotta.

La curiosità dei giovani però è tanta e nessuno si fa troppi scrupoli, alla fine, a prenderlo in squadra visto che sono davvero intenzionati a scalare il Ghost e scoprire cosa è accaduto a quei famosi otto ragazzi scomparsi anni prima e di cui il mondo sembra aver voluto dimenticare ogni traccia. Perché la valle e la scuola sono state chiuse, cancellate dal mondo e ricreate con nuovo nome? Perché la polizia sembra aver dimenticato quegli otto ragazzi di cui rimane solamente una lapide anonima in mezzo ai pendii del Ghost? E perché Julia scopre che il nome del padre, ucciso un anno prima, risulta invece essere fra quegli otto ragazzi scomparsi?

Il viaggio sarà lungo e epico, per questi giovani, che si troveranno – ovviamente – a dover superare i loro limiti e fronteggiare situazioni impreviste e pericolose. Senza contare che ad ogni passo sembrano scorgere continue tracce degli otto ragazzi scomparsi, tracce che si concretizzano in un incredibile e definitiva foto che mostra a Julia con assoluta certezza che no, non si tratta di omonimia: suo padre era veramente stato fra quegli otto ragazzi apparentemente scomparsi.

Le sorprese non finiranno qua, qualcun altro di noto ai ragazzi – o perlomento ad alcuni di loro – risulterà aver preso parte a quella spedizione, qualcuno di assolutamente vivo e vegeto; ma allora in cosa consiste il fantomatico mistero della sparizione dei ragazzi del Ghost?

Lo scopriremo, o meglio riusciremo ad immaginare piuttosto chiaramente le dinamiche che devono aver sconvolto l’equilibrio del gruppo degli otto ragazzi dispersi ma nulla ci viene confermato dall’autrice, neppure nelle ultime pagine. Anzi, se possibile, viene aggiunto un nuovo elemento paranormale che ci farà rivalutare tutto il romanzo sotto una nuova luce!

E se Paul Forster non fosse esattamente ciò che dice di essere? E se uno dei ragazzi scomparsi venisse ritrovato? Cosa accadrebbe se il vaso di Pandora e di omertà che sovrasta tutto il College venisse scoperchiato?

Kate continua a chiederselo ma non ha nessuna intenzione di tirarsi indietro, non c’è più tempo per i tentennamenti, il passato deve essere risolto. Soprattutto perché ognuno dei ragazzi vi sembra inesorabilmente legato.

Tasto dolente, questa volta, è la copertina che si distacca troppo dal precedente romanzo facendo perdere di vista al lettore occasionale da libreria che si tratta di un “sequel”, anche se autonclusivo, di una serie di romanzi paranormal thriller che, chiccè se ne dica, non possono assolutamente essere letti a sè stanti. Una motivo grafico ricorrente, un effetto grafico o perfino la scritta “Secondo libro della serie...”, sarebbe stato appropriato da inserire nella copertina che, fra l’altro, non che sia un elemento così rilevante, ai fini del romanzo.

Lascia un commento

2 risposte a ““Il segreto del Grace College” di Krystyna Kuhn [Il Gioco dei Fantasmi]”

  1. […] “Il segreto del Grace College” – [Ragazzi] – [Recensioni Libri] – […]

  2. Eva ha detto:

    Maaa riguardo gli altri libri non si sa nullaaa?

  3. Laura ha detto:

    Ciao ho mandato una mail la scorsa settimana alla casa editrice nord e mi hanno risposto che nonhanno intenzione di pubblicare i due libri mancanti a causa delle scarse vendite della saga. Purtroppo non e' la prima volta che la nord non termina le saghe! Comnque guarda il profilo facebook della casa editrice nord e potrai leggere le varie proteste. Ciao, laura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi