Il solo modo per coprirsi di foglie

di Laura M. Leoni

 


Titolo
: Il solo modo per coprirsi di foglie
Autore: Laura M. Leoni
Edito da: BookMe
Prezzo: 12,67 € eBook: 7,99 €
Genere: Contemporary Romance
Pagine: 256 pag.

anobii-icon Good-Reads-icon amazon-iconTrama: Tra le pagine di questo libro incontrerete Daniel, un riservato ragazzo italo-inglese in Italia per l’Erasmus, che cerca l’occasione di camminare da solo e si ritrova travolto da una passione fortissima; Claudia, la sua insegnante d’arte, una donna insoddisfatta e succube di una certa idea di moglie e di madre; e Anita, studentessa con il talento della musica, una voce prodigiosa e un triste segreto celato dietro il sottile paravento di due labbra imbronciate. È il desiderio la forza che manda all’aria questi destini, costringendo i protagonisti a uscire allo scoperto una volta per tutte. Per capire che non esiste difesa dal mondo, dalla luce e dal dolore che a ogni respiro ci trafiggono con la stessa vertiginosa ferocia. Con uno stile semplice e profondo, l’autrice scava nei pensieri, nelle azioni, negli umori e nei traumi nascosti dei suoi piccoli eroi quotidiani, dando voce alla loro voglia di combattere, di non arrendersi, di essere semplicemente se stessi. Perché, parafrasando la magnifica poesia che dà il titolo a questa storia, vivere è il solo modo per coprirsi di foglie.

Immagine5

Recensioneùdi Alice

È il primo libro che leggo di questa scrittrice, non sapevo, perciò, cosa mi sarei dovuta aspettare. Durante la lettura ho avuto giudizi contrastanti, ma alla fine il mio lato romantico ha preso il sopravvento e mi è piaciuto molto.

Resultado de imagen para love rosieTre vite parallele nella magica Roma per un curioso destino si ritrovano intrecciate l’una all’altra, con uno schema incalzante e coinvolgente, che permette al lettore di conoscere le tre storie in contemporanea. Daniel è un riservato ragazzo italo-inglese che si trova in Italia per l’Erasmus, è un appassionato dell’arte e durante il suo primo giorno di università entra, volontariamente, in una classe diversa dalla sua, attratto da alcune diapositive. La professoressa di quella lezione è Claudia, una donna con una vita familiare molto complicata, che da qualche tempo non crede più in se stessa e nel suo matrimonio. La vita di Daniel si intreccia, però, anche con quella di Anita, una ragazza bellissima con una grande passione per il canto, che non riesce a liberarsi dai fantasmi del suo passato e ancor meno da quelli del suo presente.

«Mi sa proprio che tu non ti sei mai innamorato, inglese! L’amore è passione e la passione ti fa fare cose sconsiderate, ti fa diventare geloso, irrazionale. Poi è facile commettere degli errori, ferire l’altro, discutere con lui, andarsene sbattendo la porta…». «Non ho mai fatto niente del genere.»

Con uno stile semplice la scrittrice immerge lentamente il lettore nella quotidianità dei tre personaggi principali però, inizialmente, mi è risultato difficile seguire le loro vicende per vari motivi: la somiglianza di molti nomi di personaggi secondari, il cambio di scena repentino e anche la mancanza di coinvolgimento emotivo iniziale. Andando avanti con la storia comunque, sono stata catturata dallo sviluppo inaspettato della trama e dei personaggi tanto da, alle volte, non riuscire a mettere giù il libro.

I protagonisti sono accompagnati nella loro avventura da alcuni personaggi secondari, come il tedesco Jan, appassionato della musica e migliore amico di Daniel, affascinante e sincero, è sempre pronto ad aiutare ed è diventato uno dei miei personaggi preferiti. Nella lista non può mancare l’amica di Anita: Barbara, una ragazza forte che nasconde le sue debolezze dietro un accento romano e tanta confidenza in se stessa. Altri personaggi secondari, come Paolo o Andrea, in un romanzo fantastico, verrebbero chiamati antagonisti, in questa storia, infatti, non si può provare per loro altro che antipatia.

«Niente ha importanza, ora, se non lui. È pronta a raccontargli tutto di se stessa e Andrea, anche a dirgli quello che pensa Barbara, che è andata a letto con Andrea per vendicarsi di sua madre, che più ci pensa e meno le sembra così improbabile, e sa che se continua a pensarci, alla fine capirà che è vero.»

Nonostante la lettura scorrevole questo non è un libro da prendere alla leggera, tocca temi forti come la violenza domestica e quella psicologica, ma il fulcro attorno al quale gira tutto il romanzo è il cambiamento. Sotto gli occhi del lettore, pagina per pagina, i personaggi iniziano a crescere, continuano a commettere un sacco di errori, ma, proprio grazie a quanto siano riusciti a cambiare durante il corso della loro avventura, riescono a fare un passo indietro e risolvere la situazione in maniera più matura.

Un libro che ho divorato, molto interessante, appassionante e, andando avanti con la lettura, coinvolgente; l’amore è il filo conduttore tra le storie, tra chi è innamorato della musica, chi dell’arte, chi di un ragazzo, chi di una ragazza, alla fin fine non ci si può non innamorare di questo libro. Credo che questo sia un romanzo di formazione, non solo ai fini dei personaggi della storia, ma soprattutto per il lettore stesso, esperienza che ho “vissuto” sulla mia pelle, perché appena decidevo di chiudere il libro, mi trovavo, inaspettatamente, cresciuta (!).

 

«È possibile che, in futuro, noi ci si perda, si vada a vivere lontani gli uni dagli altri, perché, come dice Anita, “non siamo alberi”… Io spero che chi si è trovato continui a stare insieme, ma niente è sicuro, in fondo. […]»

 

VOTO:

Immagine5


LAURA M. LEONI
: è nata a Roma. Esercita la professione di psicologa e scrive racconti per una rivista femminile. Vive sul litorale del Lazio insieme al marito e al figlio.

Facebook-icon

 

 

 

∼ by Alice

Edityng by Simog

Sono Alice e ho 16 anni. La mia più grande passione é la lettura, mi piace viaggiare per i porti immaginari e non mi scoraggio di fronte a nuove avventure. Ho un canale youtube ed una pagina Instagram che utilizzo per condividere i miei interessi.