Incantesimo tra le righe di Samantha Van Leer & Jodi Picoult

Le autrici:

Samantha van Leer è una liceale figlia d’arte. Sua madre è la famosa scrittrice Jodi Picoult, autrice del bestseller internazionale La custode di mia sorella, trasposto poi in film. Samantha ha sempre avuto per la testa questa storia d’amore tra una teenager e un “principe” cartaceo, l’ha raccontata alla madre che l’ha aiutata a realizzare il sogno di pubblicarla. Oliver, il nome del protagonista maschile del romanzo, è il nome di uno dei due cani di famiglia. Jodi e la figlia vivono con il resto della famiglia, nel New Hampshire. Incantesimo tra le righe è il suo primo romanzo.

 Sito autrici: Jodi Picoult   Samantha Van Leer

incantesimo tra le righeTitolo: Incantesimo tra le righe
Autore: Samantha Van Leer & Jodi Picoult
Traduttore: Olivia Crosio
Serie: //
Edito da: Corbaccio
Collana: Narratori Corbaccio
Prezzo: 18.60 €
Genere: Fantasy
Pagine: 320 p.
Voto: http://sognandoleggendo.net/wp-content/uploads/4Astelle87.png

Trama: Cosa succede se “…e vissero felici e contenti” non si rivela affatto essere tale? Delilah è una ragazza piuttosto solitaria che preferisce passare i pomeriggi in biblioteca, persa nei libri. In uno in particolare: Incantesimo tra le righe, che in teoria è un fantasy ma che sembra terribilmente reale, al punto che il principe Oliver, oltre a essere coraggioso, avventuroso e focoso, parla a Delilah. Cioè: le parla sul serio! E salta fuori che Oliver è ben più che un personaggio di carta: è un teenager che si sente intrappolato nella sua vita letteraria e che non sopporta l’idea che il suo destino sia segnato. Oliver è certo che il mondo là fuori possa offrirgli qualcosa di interessante e vede in Delilah la sua chiave di accesso alla libertà. I due si buttano a capofitto nell’impresa di tirare fuori Oliver dal libro, un compito difficile e che li spinge ad approfondire la loro percezione del destino, del mondo e del loro posto nel mondo. Contemporaneamente cresce l’attrazione reciproca, un sentimento forte e tutt’altro che letterario.

Recensione
di CriCra

C’era una volta, in un paese lontano lontano… Ed è proprio così che, se vogliamo, inizia questa storia. Eh si, perché a differenza di molte altre volte in cui mi sono cimentata a commentare un libro, stavolta tocca proprio ad una storia che altri non è se non una vera e propria favola in chiave moderna. Incantesimo tra le righe è un romanzo fiabesco scritto a quattro mani da Jodi Picoult e da sua figlia, l’esordiente Samantha Van Leer.

OliNon manca nulla. Abbiamo il regno incantato, re e regina, i sudditi fedeli, le fatine madrine, e non può mancare il cattivo della storia animato dalla sua gelosia e cattiveria. Solo che stavolta, invece della solita principessa, il protagonista principale sarà un lui, il principe Oliviero.

La sua storia è quella di un figlio cresciuto senza l’ausilio e l’affetto di un padre, morto prematuramente. Egli dovrà crescere e cercare di ripercorrere le valorose gesta del genitore scomparso, alla ricerca di quel coraggio nascosto dentro di lui. Ed è proprio la caratteristica della mancanza del padre che farà in modo di avvicinare in un modo sorprendentemente fantastico la vita di Delia, la ragazza che nel mondo reale, sta leggendo la storia di Oliviero. Due giovani ragazzi in due mondi diversi, ma che magicamente si ritroveranno a conoscersi, a parlarsi e cercheranno ogni maniera possibile di far avverare il loro sogno più grande: quello di stare insieme nel mondo reale e di conquistare il loro personale e vissero per sempre felici e contenti”.

Mi sono sempre chiesto cosa si deve provare
ad essere una persona… diversa.”
Delia spalanca gli occhi.
“Anch’io me lo sono sempre chiesto!”
Le sorrido, imbaldanzito.
“Vedi quante cose abbiamo in comune?”
Lei storce la faccia.
“Già. Per esempio, io parlo con un libro e
tu sei convinto di essere vivo. Siamo tutti e due
matti da legare.”

oli

Un mondo incantato dove non mancheranno incantevoli scenari colorati, magici e ricchi di altrettanti svariati personaggi da fare da contorno alla storia del principe, come le fatine, le sirene, i pirati, il bianco destriero, Calzini, sempre attento alla sua linea impeccabile di cavallo del principe reale, e Straccio, il fedelissimo cane bassethound e migliore amico di Oliviero, e tanti altri ancora. Ognuno di essi speciale a suo modo, e con una vita totalmente diversa quando le pagine del libro sono chiuse.

Del libro mi è piaciuta ogni cosa. Lo stile appunto fiabesco, leggero e quasi infantile, adatto a giovani lettori e non di meno a quelli più grandi. Ci sono illustrazioni colorate, dedicate per lo più al principe Oliviero, davvero splendide e dettagliate.

oli

Mi è piaciuta molto l’introduzione fatta dalla viva voce di Jodi Picoult, la quale ci racconta come l’idea di questo libro sia stata proprio di sua figlia Samantha. Di come entrambe abbiano lavorato gomito a gomito nella realizzazione della storia, senza favoritismi di alcun genere in fatto di tempi di stesura. Tipo: “mamma, scrivi tu ché oggi esco con le mie amiche”. No, niente di tutto questo. Jodi Picoult ha chiarito bene il concetto fin dal primo giorno con Samantha. Uno spaccato di vita familiare tra madre e figlia. Una presa visione di quell’amore che solo una madre prova orgogliosamente verso il proprio figlio, rendendo partecipe di questo ogni singolo lettore.

Una favola in chiave moderna che, per rendervi bene l’idea, si avvicina molto a scenari che mischiano realtà e fantasia, conosciuti in storie come “La storia Infinita” di Michael Ende oppure come nel film d’animazione DisneyCome d’Incanto”. Una storia molto simile, romantica e fantasiosa, dove il suo protagonista desidera con tutto se stesso vivere una vita diversa da quella che è costretto a fare suo malgrado. Una vita autentica e interamente sua, nel mondo reale e di cui lui ha la certezza che esista veramente.

Sarei disposto a fare qualunque cosa,
purché diversa dalle solite che faccio
da quando ho memoria di esistere.
Basta credere che il mondo sia molto di
più di quanto sta scritto in queste pagine.
O forse vorrei solo, disperatamente,
riuscire a convincermene.

oli

Una storia che, come nella maggior parte delle favole, nasconde una piccola morale e ci trasmette l’importanza di molti valori. Attraverso la delicatezza di questo stile quasi “innocente”, sentimenti come l’affetto, l’amicizia e la famiglia assumono la loro rilevanza, cercando di trasmettere ai lettori quanto sia giusto combattere per dare modo di veder realizzare i propri sogni, desideri e speranze. Un libro per lettori giovanissimi, giovani e per tutti coloro che non smetteranno mai di sentirsi così, dentro se stessi. Dove la magia della fantasia non smetterà mai di esistere. Buona lettura a tutti!

Booktrailer

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi