Incontro con l’autore… Jennifer L. Armentrout a Roma #6

Jennifer L. Armentrout a Roma

In quel della sperduta zona Laurentina, sorge il Centro Commerciale i Granai, che ospita la magnifica Libreria Nuova Europa.

Quando la casa editrice Nord aveva pubblicato l’evento, io e Scheggia tra le Pagine ci siamo subito catapultate presso la libreria per poter accaparrarci la nostra copia da fare autografare alla grandissima Jennifer L. Armentrout.

Ho conosciuto i libri della Amentrout (che ho sempre chiamato proprio “Armentrout” erroneamente) nel lontano 2013, con Obsidian e poi mi sono avventurata a scoprire tutte le sue saghe, dalla Covenant, alla Wicked alla Dark Elements (e niente, tra Roth e Seth non ho mai saputo scegliere!). Essere presente all’evento di oggi (24 ottobre) a Roma era indispensabile. Tanto che il giorno prima ho affrontato un viaggio di 7 ore dalla Calabria, sono andata a lavorare nel turno di pomeriggio e ho accettato di beccarmi quello di prima mattina per essere libera e disponibile e presente alle 13 e 30 alla libreria per prendere il posto.

Sedie guadagnate e quattro ore di attesa, trascorse lì, circondate da entusiaste ragazzine di 17 anni, patrimonio dell’umanità (loro salveranno il mondo grazie alla passione per la lettura e, come disse uno dei manager della Mondadori al mio primo incontro con la Clare “ben venga che i giovani leggano e si appassionino così tanto!”), iniziano a sorgere i dubbi.

Il giorno prima, la Armentrout si era recata a Milano con la febbre alta e non aveva autografato più di tre libri a persona.

Nella sala, le libraie tentavano di intrattenerci (nonostante ci stessimo intrattenendo da sole) e continuavano a sperare che li autografasse tutti, perché l’evento era aperto anche a chi non guadagnava il così detto “pass”! Si sono rivelate comunque sempre gentili e pronte ad affrontare questa orda di scalmanate fan con sacchi di decine e decine di libri.

Giunte le 18,00, l’autrice si è presentata puntualissima in libreria, evidentemente distrutta dal recente tour europeo.

Una addetta dalle Case Editrici organizzatrici dell’evento (Nord e Giunti), ha iniziato a porre poche domande all’autrice su richiesta dei fan online che non hanno potuto essere presenti.

La Armentrout ha così dichiarato che:

  • La sua saga preferita, oltre alla prima scritta, la Covenant, è quella di Lux perché non si aspettava il successo che ha ottenuto

  • Se potesse scegliere di essere una protagonista di un suo romanzo, non sceglierebbe gli urban fantasy/paranormal romance perché (ridendo) ha detto che non sopravvivrebbe un giorno

  • Dell’esperienza in Europa porta nel cuore tutto l’affetto dei suoi fan e una foto autografata del suo attore preferito, che ha deciso di mettere accanto alla foto del matrimonio (dubitando che il marito se ne accorga!)

  • Fin da piccola scriveva poesie (a detta sua pessime) con un pennarello indelebile sui muri. I suoi genitori tentavano di pittarli di nuovo, ma il nero tornava sempre in superficie! Dopo aver terminato il suo (a detta sua pessimo) primo romanzo, scritto durante le ore di matematica del liceo, Jennifer aveva abbandonato la scrittura e si era dedicata agli studi. Ha frequentato così psicologia e sociologia in università e dopo ha ripreso a scrivere, diventando l’autrice che oggi conosciamo

  • Non rilegge mai i libri dopo che sono stati pubblicati perché avrebbe paura che, rileggendoli, si troverebbe a dire “ma come cavolo è stato possibile che io abbia scritto un’idea così pazza/stupida?!”

Cara Jennifer L. Armentrout, a noi lettrici le tue idee piacciono parecchio! Ci siamo innamorate di tantissimi dei tuoi gnocc… ehm personaggi e aspettiamo di leggere le prossime vicissitudini.

È stato un onore poterti incontrare e riuscire ad avere autografati tutti i libri e ricevere la più bella dedica di sempre sul primo della Dark Elements “Per Eleonora #Bambi”!

Settimana prossima in uscita il quinto libro della saga Covenant, edito HarperCollins, vedrete l’epilogo di una saga straordinaria, che merita molto di più di quanto molte hanno insinuato a causa del vociferare che la metteva in cattiva luce rispetto a Rachel Mead. Chi ha continuato a leggere la saga, sa già quanto la Covenant meriti e non rimarrà deluso dal prossimo libro!

Io vi saluto, in attesa del terzo della The Wicked Saga!

La vostra Eleonora, la book blogger per caso! :mrgreen: 

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi