“Jaguarà” di Margaret Gaiottina

Jaguarà

di Margaret Gaiottina

autrice

Margaret Gaiottina è lo pseudonimo di una trentasettenne straodinariamente letta ed amata in rete. Margaret fa parte del gruppo dei fondatori della Bloody Roses Secret Society, il club dei romanzieri che scrivono con il sangue. I primi due libri della scrittrice La Sedicesima Notte e L’Alba della Chimera  fanno parte della collana “A Cena col Vampiro“.

Pagina Facebook: Margaret Gaiottina

datilibro

Titolo: Jaguarà
Autore: Margaret Gaiottina
Serie: //
Edito da: Mamma Editori (Collana: A cena col vampiro)
Prezzo: 9.80 €
Genere: Adult, erotic romance
Pagine: 300 p.
Voto: http://i249.photobucket.com/albums/gg203/nasreen4444/SognandoLeggendo/2Astelle.png

  

Trama: Orlando Saxton ancora non sa che il padre ha assunto per lui un’assistente cieca. Seducente e arrogante chirurgo plastico, l’ultimo rampollo dei Saxton è tanto abituato all’effetto che provoca nelle femmine del suo genere da aver bisogno di diversivi sempre più eccitanti per soddisfarsi. Del resto le donne dissolute che frequenta sono ben liete di offrirgliene. Maya O’Byrne, dal canto suo, abituata a cavarsela mescolando fiducia nel prossimo e istinto per il pericolo, resta spiazzata dal profumo insolito che circonda costantemente il suo nuovo principale: un odore oscuro, di selvaggio e di foresta tropicale. Ma l’immaginazione tanto sviluppata in persone come lei, basterà per preparare Maya alla verità? E sopratutto, saprà il cuore di Orlando resistere a un candore tanto impavido e letale?

estratto

Recensioneùby CriCra

Eccomi qui pronta a commentare per tutti voi e per il puro piacere personale di esprimere a parole, ciò che mi ha trasmesso la lettura di Jaguarà, un romanzo tutto made in Italy, scritto da Margaret Gaiottina. La creatività di quest’autrice, che in passato ho già avuto modo di conoscere qui su Sognando leggendo, attraverso le sue opere e grazie alla casa editrice Mamma Editori, è riuscita ancora una volta a conquistarmi pienamente.

Jaguarà è un libro che racchiude in sé la focosità sensuale e sessuale di una trama erotica, mescolata a una manciata di paranormal fantasy che, sorprendentemente, si manifesterà solo nel pieno della lettura, per collimare infine in una romantica storia d’amore con tanto di lieto fine, e scusate il gioco di parole!

Protagonisti principali della storia sono Orlando Saxton, un rinomato chirurgo plastico tanto seducente quanto arrogante e Maya O’Byrne, colei che verrà assunta dal padre di lui, come assistente personale. Lei è una venticinquenne, bella, elegante e all’apparenza una donna fragile poiché da ben dieci anni, un trauma l’ha resa cieca. Questa menomazione comunque, non l’ha mortificata anzi, l’ha resa maggiormente più forte e tenace nell’affrontare, giorno dopo giorno, nuove sfide, strade e scelte da prendere. Facendo affidamento su tutti gli altri sensi innati in ogni essere umano, Maya è riuscita ad accrescerli al meglio, sviluppando impressionanti capacità empatiche.

Avvertire i cambiamenti d’umore e gli stati d’animo di chi si trovava intorno a lei era forse un dono di nascita, di certo però aveva scoperto di possederlo solo dopo aver perso la vista. L’aveva potenziato pian piano, un giorno dopo l’altro. Dapprima aveva iniziato a percepire i malumori, le ansie, le gioie, insomma un’infinità di sfaccettature che componevano gli stati d’animo di chi la sfiorava o le parlava…

A fare da contraltare a questa semplice creatura, ci sarà lui, Orlando, un gran bastardo arrogante, cinico, opportunista egocentrico, amante del sesso più estremo e di ogni tipo di sottomissione. L’unica nota positiva che potremo notare in lui, sarà il fatto di essere coerente al suo carattere quasi fino alla fine, specie nei confronti di Maya nel non trattarla alla stregua di una persona disabile e incapace di compiere al meglio ogni cosa.

Era fatto per aggredire, mordere, soggiogare. Assecondava semplicemente la propria natura. Non era tagliato per fare il paladino delle ragazze indifese o per proteggere i deboli, era nato per dominare e chi non aveva artigli, non poteva con fare innocente, implorare la sua pietà, semplicemente perché lui non ne possedeva.

2Un romanzo intenso che trasporterà la curiosità del lettore fino all’ultima pagina, attraverso un percorso ricco di descrizioni e sensazioni interiori, da quelle tattili a quelle olfattive, avvalendosi di un linguaggio conciso senza mai trascendere nel volgare. Personaggi unici nel loro genere che apriranno i loro cuori all’inevitabile strada dell’amore, lasciando cadere inutili maschere e abbattendo muri considerati invalicabili.

Uniche piccole note negative che ho riscontrato nel libro, sono stati degli sporadici refusi di disattenzione nella trascrizione del testo, e la copertina che, ahimè, reputo alquanto brutta e poco inerente a tutto il contesto racchiuso nel libro. Il significato del titolo? Non posso svelarvi nulla di più, credetemi! Sarà una sorpresa, scoprirlo durante la lettura. Vedrete! Buona lettura a tutti.

Lascia un commento

2 risposte a ““Jaguarà” di Margaret Gaiottina”

  1. Margaret Gaiottina ha detto:

    Grazie Cri per questo bel commento e per lo spazio che mi avete dedicato. Son qui se qualcuno volesse fare qualche domanda o avesse curiosita’ su Jaguara’!
    Margaret

  2. […] Jaguarà/ I fratelli Saxton: 1. Jaguarà (Orlando Saxton/Maya O’Byrne) 2. Thiago (Thiago Saxton/Porzia Matini) 3. a […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi