Jane Austen. 200th Anniversary – Avvistamenti da Pemberly #15

janeausten3

Jane Austen. 200th Anniversary

SognandoLeggendo. Lo Speciale.

Puntata #14 << Puntata #15 >> Puntata #16

Avvistamenti da Pemberly

Tutto quanto fa Darcy

 

Come grandissima ammiratrice, nonché estimatrice, nonché vittima del fascino secolare di Darcy, eccomi qua a parlare di una serie di libri che da Pemberly hanno preso spunto per creare qualcosa di simile, diverso o assurdo sulle orme di Orgoglio e Pregiudizio.

Elencare tutte le opere ispirate negli anni alla bibliografia della bravissima e amatissima Jane Austen è piuttosto difficile, ma proveremo comunque a parlarvi di quelli che ci hanno colpito di più. E per far ciò non possiamo non partire da alcune opere ispirate all’intramontabile Orgoglio e Pregiudizio.

Già in passato avevo parlato su queste pagine di “Orgoglio, Pregiudizio e Zombie” di cui, considerato il successo interplanetario, hanno da poco tratto anche una Graphic Novel, parodia in salsa Horror e Shaolin del capolavoro di Jane Austen. Libro seriamente divertente questo, con alcune genialate che mi hanno fatto scoppiare a ridere sulla metropolitana e vi assicuro che scoppiare a ridere con tanto di lacrime agli occhi, su una qualsiasi metropolitana berlinese, ha parecchie controindicazioni. La famiglia Bennett, oltre ad essere impegnata nel trovare un marito per ognuna delle cinque sorelle, si allena anche con i monaci Shaolin per combattere i non morti che infestano le campagne inglesi.

Titolo: Orgoglio, Pregiudizio e Zombie
Autore:  Seth Grhame-Smith, Jane Austen
Casa Editrice:  TEA
Prezzo: 10,99€
Pagine: 367 pag

 

Personalmente ho preferito la Graphic Novel al romanzo vero e proprio, che a me sembrava un po’ blasfemo. ;) Dubito comunque che la cara vecchia zia Jane sarebbe stata entusiasta di questa versione sanguinaria della sua eroina più famosa, ma considerato il successo planetario di questa parodia e che magari chi la legge potrebbe poi cercare la versione originale, ci potrebbero essere delle utili ricadute.

Titolo: Pride, Prejudice and zombies
Autore: Seth Grahame-Smith, Jane Austen, Tony Lee (Adapter), Cliff Richards (Illustrator)
Casa Editrice: Del Rey
Prezzo: 14 $
Pagine: 176 pag

Andiamo ora a conoscere la versione di P. D. James, giallista famosissima che, circa tre anni orsono, decide di raccontare cosa succede a Pemberly in uno dei Natali seguenti al matrimonio di Darcy ed Elizabeth; guest star Lydia, la sorella scappata di casa e poi “sistemata” da Darcy. In Morte a Pemberly, una sera, la sopranominata sorella arriva a Pemberly con il marito ubriaco che, in preda appunto ai fumi dell’alcol, afferma di aver ucciso un uomo, ma non riesce a spiegare né chi, né dove, né come e né perché. Ammetto che mi aspettavo decisamente qualcosa di meglio, perché il libro, almeno per quanto mi riguarda, non decolla. Non è né un romanzo giallo, né una rilettura del classico, in quanto, appunto, avviene in seguito a quanto descritto nel libro della Austen. Darcy e Lizzie sembrano un po’ la parodia di loro stessi: tutti pucci pucci e parla tu, no ti prego dì la tua, no dai sono sicura che hai ragione tu etc. etc. etc. Insomma, se anche fosse stato questo il futuro che attendeva una delle coppie più belle del mondo, avrei preferito ignorarlo, ma per dovere di cronaca il libro va segnalato.

Titolo: Morte a Pemberly
Autore: P. D. James
Casa Editrice: Mondadori
Prezzo: 15€
Pagine: 348 pag

Tra le varie riletture di Orgoglio e Pregiudizio ce ne sono un’infinità tra i contemporary romance, ma, siccome non posso segnalarli tutti, mi limito ad uno di quelli che mi è piaciuto di più e la cui autrice mi è rimasta in mente perché è morta giovanissima di cancro e il marito gli ha intitolato un premio. Il bisbetico domato si svolge a Londra nei giorni nostri, Harry e Jazz sono una bella coppia che fa scintille sulla falsa riga della trama classica “prima ti odio e poi ti amo”, nel frattempo il cinismo dilaga. Come spesso capita, mentre i nostri eroi arrivano a conoscersi e a ritrattare tutto quanto aveva a che fare con le prime impressioni, il mondo intorno a loro implode, ma tutto avviene in modo estremamente divertente, un po’ come accade nei libri della Kinsella in cui i disastri capitano dieci per volta, ma alla fine il bene trionfa etc. etc. Consigliato per passare un paio d’ore in allegria e rivivendo parecchie delle emozioni che sono tipiche anche di Orgoglio e Pregiudizio.

Titolo: Il bisbetico domato
Autore: Melissa Nathan
Casa Editrice: Baldini, Castoldi, Dalai
Prezzo: 12€
Pagine: 263 pag

 

Un’altra serie di romanzi ispirati all’opera di Orgoglio e Pregiudizio è la trilogia di Fitzwilliam Darcy, gentiluomo di Pamela Aidan. I tre romanzi si intitolano Per Orgoglio o per amore, Tra dovere e desiderio e Quello che resta e sono il frutto di una riscoperta dell’amore adolescenziale della Aidan per l’orgogliosissimo e rigido Mr Darcy.

Infatti in questa bella e interessante trilogia possiamo scoprire e spulciare fra i pensieri di Mr Darcy in preda alla confusione dovuta dalla nascita dei sentimenti per la gioviale e un po’ sfacciata Miss Elizabeth Bennett.

Il Mr Darcy della Aidan è interessante, bello e abbastanza accurato da integrarsi bene con le mille fantasie che hanno sicuramente abitato le menti delle lettrici durate tutta la lettura dell’opera originaria. Il romanzo che sicuramente si legge con maggior facilità e scioltezza è senza dubbio Per Orgoglio o per Amore, mentre il secondo, rappresentando un po’ il “buco nero” lasciato dalla Austen nel periodo di separazione fra i due innamorati, finisce per risultare un po’ noioso e pesante. Nonostante questo, la lettura di questa trilogia non può essere che consigliato a tutti coloro che amano Darcy e Lizzie.

Titolo: Per Orgoglio o per amore, Tra dovere e desiderio e Quello che resta
Autore: Pamela Aidan
Casa Editrice: TEA
Prezzo: 12€
Pagine: 300 pag l’uno, circa.

Orgasmo e PregiudizioVorrei concludere con uno dei libri peggiori che mi sia capitato di leggere, non dico recentemente, ma in tutta la mia vita, e vi assicuro che il campione è sufficientemente ampio per arrivare empiricamente alla conclusione che sia decisamente un libro orrido tout court. Orgasmo e pregiudizio, sottotitolo “Il sesso perduto in Jane Austen”, pretende di reinserire nel classico, che non dovrebbe nemmeno essere nominato nella stessa frase di questo schifo, tutte le parti “porno” che Jane Austen avrebbe poi eliminato per via della moralità imperante. Inutile dire che, tra scene lesbo tra le sorelle di Bingley e ovviamente Jane e Lizzie e gli approcci tra quest’ultima e Fitzwilliam, questo libello, fortunatamente di poche pagine, è veramente pessimo. Se questa è la letteratura erotica, preferisco darmi ai film porno: almeno non hanno nessun genere di pretesa.

Titolo: Orgasmo e pregiudizio
Autore: Arielle Eckstut, C.Carmenati trad.
Casa Editrice: Newton Compton
Prezzo: 4.50€
Pagine: 157 pag.

 

Dimenticavo! Non è ancora stato tradotto, e sono quasi sicura che non lo sarà mai, ma come non nominare Fifty shades of Mr.Darcy“? Stiamo ovviamente parlando della parodia erotica di Fifty Shades of Gray con i personaggi di Pride & Prejudice al posto di Analstasia e Christian SonoAffascinantePerchéTormentatoENonPerchéMiliardario Gray. Chiaramente lo sfondo è quello di Pemberly e, mentre Darcy ha l’occhio languido per via della congiuntivite e Charlie non è un elicottero ma una mongolfiera, Lizzie è una ninfomane che va sempre in bianco proprio perché l’affascinante possidente inglese non è minimamente interessato all’argomento. Per palati assolutamente poco raffinati, quindi io ci sono andata a nozze.

Titolo: Fifty Shades of Mr.Darcy
Autore: William Codpiece Thwackery
Casa Editrice:  Michael O’Mara
Prezzo: 8.70€
Pagine: 192 pag.

 

Piccoli cenni:

Di romanzi ispirati alle opere austiane ce ne sono veramente moltissimi, che riuscire a elencarli tutti sarebbe difficile e impossibile visto che sembrano approdare nelle nostre librerie giorno dopo giorno con un ritmo quasi incredibile.

Una delle ultime opere arrivate in Italia, grazie alla casa editrice TEA, è l’opera di Amanda Grange, Il Diario di Mr Darcy, al quale abbiamo dedicato un articolo indipendente che avrete il piacere di leggere domani, nella puntata #17 dello Speciale.

Per adesso possiamo continuare nominando il divertentissimo libro In Viaggio con Jane Austen di Laurie Rigler. In questo romanzo incontreremo un’ottocentesca Jane Mansfield  che, risvegliatasi in mezzo a Los Angeles, si troverà a fare i conti, in preda al panico, con il mondo contemporaneo.

Potremmo anche citare il libro Il Diario Perduto di Jane Austen di Syrie James, un romanzo – non biografico – che racconta in maniera frizzante e con uno stile molto simile a quello della Austen, la vita della scrittrice. Non è, appunto, una biografia, perché la narrazione romanzata integra discorsi diretti che possono solo essere ricondotti alla realtà della famiglia Austen. Un libro amabile, scritto in maniera magistrale che ci dipinge in maniera umana un delle scrittrici più famose di tutti i tempi e che, proprio per questo, aveva per molto tempo perso un po’ del suo lato umano in favore della sua penna e delle sue opere.

Oppure, un’altra serie molto fortunata e che ha riscosso molto successo è la serie investigativa e d’avventura in cui Jane Austen è una ragazza affascinata dal mistero e dagli intrighi che si spingerà fino alla risoluzione di veri e propri casi investigativi nelle vesti di detective. Parliamo della serie “Le Indagini di Jane Austen” di  Stephanie Barron.

 

Le puntate del nostro speciale su Jane Austen e le sue opere:
i link  successivi alla puntata che avete appena visionato si attiveranno di giorno in giorno, mano a mano che gli articoli verranno pubblicati.

  1. #1 – Jane Austen. 200th Anniversary – Duecento e non sentirli…
  2. #2 – Ritratto di Jane. Biografia, note e approfondimenti sulla vita della scrittrice.
  3. #3 – Recensione di Ragione e Sentimento
  4. #4 – Jane Austen al cinema. Parte 1
  5. #5 – Recensione di Orgoglio e Pregiudizio
  6. #6 – Il Telefilm. Orgoglio e Pregiudizio (1995)
  7. #7 – Racconto “Betrayal and innocence” di Monica Serra
  8. #8 – Recensione di Mansfield Park
  9. #9 – Racconto “Steamfield Park” di Monica Serra
  10. #10 – Recensione di Emma
  11. #11 – Jane Austen al cinema. Parte 2
  12. #12 – Recensione di L’abbazia di Northanger
  13. #13 – Racconto “Northanger Abbey’s Secret” di Monica Serra
  14. #14 – Recensione di Persuasione
  15. #15 – Avvistamenti da Pemberly. Alcune opere moderne ispirate ai classici austiani.
  16. #16 – Recensione de Il Diario di Mr Darcy di Amanda Grunge
  17. #17 – Manga tratti dalle opere austiane
  18. #18 – Finally, the interview with Miss Austen

Stay tuned!

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi