Emanuela Valentini

Capitan Salgari

Vive e lavora a Roma, ma è Londra la città dove il suo cuore si sente a casa. Le cose che preferisce fare sono leggere, scrivere, preparare dolci per regalarli, fare fotografie. Adora i classici della letteratura ottocentesca per lo stile inimitabile e i temi trattati, ma legge di tutto. Crede nel potere educativo e curativo dei libri, delle parole. Scrivere, per lei, è essenziale come il respiro. Da qualche mese è entrata a fare parte della Redazione di Speechless. Autrice di strane storie, ha un romanzo weird nel cassetto, insieme a un enorme racconto di natura indefinibile di cui preferisce non parlare prima di averci messo pesantemente mano. Il 7 marzo 2013 vedrà la luce della pubblicazione, con il marchio GeMS, l’opera giunta tra i trenta finalisti del Torneo Letterario IoScrittore 2012, titolo provvisorio Ophelia e le Officine del Tempo. Il suo racconto Cronache di un mercante di stelle comparirà nell’antologia di prossima uscita per GDS Editore. La bambina senza cuore è una vecchia fiaba, riscritta e curata, amata tanto da cucirle intorno un abito di lucente splendore.

Sito: http://labambinasenzacuore.altervista.org

Il Corsaro Nero

Titolo: La bambina senza cuore
Autore: Emanuela Valentini
Serie: //
Edito da: Speechless Books
Prezzo: 0,00€ – versione digitale
Genere: Fantsy, Gothic, Fantasy Storico, Urban Fantasy, Horror
Pagine: 300 p.
Votohttp://sognandoleggendo.net/wp-content/uploads/5Astelle85.png

Trama: Whisperwood, 1890. Lola, dodici anni, si risveglia nella buca di neve in cui è stata sepolta. Non ricorda nulla. Sul suo petto una ferita aperta, testimone di un gesto efferato. Whisperwood, 1990. La vita di Nathan, quattordici anni, cambia la sera in cui decide di infrangere il coprifuoco che vige a Whisperwood. L’incontro con Lola, la pallida fanciulla che abita in un cimitero in rovina con un angelo di marmo, un gargoyle e un poeta dall’animo inquieto, sconvolgerà la sua esistenza per sempre. Un viaggio a ritroso nelle pieghe del tempo. Un’antica maledizione. Un tortuoso percorso verso la verità. Romanzo d’esordio della collana Speechless Books, La bambina senza cuore di Emanuela Valentini segna l’affacciarsi nel panorama della narrativa fantastica di un progetto multimediale nato per essere ascoltato oltre che letto, impreziosito dalle illustrazioni di Giampiero Wallnofer, dalla grafica di Petra Zari e dalla voce di Cristina Caparrelli.

Recensione
di molly68

Nel 2011, dopo aver conosciuto l’autrice e letto il suo suggestivo romanzo, recensii Il cuore di Lola, una fiaba gotica narrata con originalità e bravura da Emanuela Valentini. Oggi, 2013, Lola è ancora qui, ma è cresciuta, come la sua creatrice.

Ho visto crescere questa storia e quindi penso di poter giudicare la nuova Lola con un occhio particolarmente critico e attento. Innanzi tutto, il titolo. È quantomeno bizzarro che un libro in cui il cuore ha così tanta parte si chiami “La bambina senza cuore”. Eppure il contrasto è assai efficace. Un complimento alla splendida copertina, che introduce alle atmosfere gotiche e più dark della nuova versione.

Non è passato molto tempo dalla prima pubblicazione, ma in questo breve periodo la scrittura dell’Autrice si è ulteriormente potenziata. Più padrona della tecnica e dello stile, più matura, più rifinita ma piena della stessa, indomita passione. L’ambientazione è più accurata: Whisperwood è più vera adesso, e la sua normalità apparente rende più spaventoso quello che sta per accadere nel vecchio cimitero. L’alternanza dei due piani temporali è ben gestita; tutti i personaggi hanno un loro spessore e sono funzionali a una storia che nel tempo si è trasformata da fiaba dark in puro romanzo gotico. Mi piace che Nathan sia più grande: ora è più evidente il suo passaggio dall’infanzia all’età adulta, che tuttavia gli sarà negata, e hanno più senso alcune sue posizioni. Quanto a Lola, è magnifica nella sua crudele innocenza, cristallizzata com’è nella forma bambina, ma antica di cent’anni. Confesso di aver faticato un po’ a digerire il nuovo finale. Credo che chi ha letto la prima Lola necessiti di un po’ di tempo per metabolizzare l’epilogo dell’attuale versione, il quale tuttavia è perfettamente adatto al nuovo volto del romanzo.

Scaricabile in vari formati!

L’opera è ben strutturata e coinvolgente. Per quanto riguarda gli aspetti stilistici, il romanzo è nel complesso dotato di un buon equilibrio organico; la scrittura è fluida e lo stile è personale, maturo e completo. Anche il linguaggio risulta usato in modo corretto e funzionale al genere.
Ciò che più intriga dell’intera operazione, messa in piedi dalla neonata e promettente Speechless Books, è la fusione di più media, che rende vivo il romanzo. Dopo questo esperimento, probabilmente il mondo degli ebook non sarà più lo stesso. Rispetto alla versione “semplicemente” cartacea, qui abbiamo un romanzo che diventa suono, immagine oltre che parola. Lola non è solo scrittura graffiante, ma anche una voce fiabesca (Cristina Caparrelli è interprete meravigliosa di alcune letture che potrete ascoltare sul sito) e bellissime illustrazioni (la graphic novel è curata da Giampiero Wallnofer). Insomma, una nuova concezione di libro digitale.
Detto ciò, in attesa del 25 marzo, data in cui il libro sarà scaricabile gratuitamente dal sito, vi lascio al prologo e auguro alla mia piccola Lola il successo che da sempre so che si merita, oltre a segnalarvi l’uscita del romanzo Ophelia e le officine del tempo, con cui Emanuela è stata tra i vincitori del concorso IoScrittore 2012.

Booktrailer

Scrittrice e lettrice appassionata di ogni tipo di letteratura, con una predilezione per il genere fantasy, nata sotto il segno dell'Acquario, "umana" di un gatto prepotente, fiera di appartenere a questo mitico staff di "sognatrici-lettrici", narratrice di terre lontane e fantastiche, cacciatrice di sogni, il mio motto è una frase del grandissimo GRRM: "A reader lives a thousand lives before he dies (...). The man who never reads lives only one." Good read!