La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora

La cripta dei teschi forati

di Luigi Tortora

Titolo: La cripta dei teschi forati
Autore: Luigi Tortora
Edito da: Cartabianca Publishing
Genere: Gialli, thriller, azione, avventura
Pagine: 256 p. || Prezzo: Ebook 4.99 €

Trama dell’editore:
Casamarciano è una vivace cittadina della cintura nord di Napoli. Il suo ricco passato – fondata dagli Ausoni 2700 anni fa, per secoli possedimento degli Orsini – presenta tuttora alcuni aspetti oscuri. Ne sa qualcosa Peter, che al di sotto di un’antica chiesa rinviene casualmente una cripta nascosta, contenente elementi inquietanti e misteriosi. Per risolvere i numerosi enigmi c’è bisogno della cultura enciclopedica del professor Fernando Ciotti, tramite il quale la matassa si dipana, lasciando intuire la presenza di una preziosa e straordinaria reliquia che per molti secoli era stata occultata. E una serie di prove materiali metterebbe in forse alcuni capisaldi della Chiesa cattolica, come le figure di Maria Maddalena e Giuseppe d’Arimatea. Le vicende presenti si intrecciano con quelle di una serie di personaggi – religiosi e militari – del quindicesimo secolo, tempo in cui violenza, sete di potere e desiderio di impadronirsi della stupefacente reliquia rischiano di portare alla luce un mistero troppo grande per essere svelato. Ma le stesse dinamiche sembrano ripetersi anche ai giorni nostri: una setta è determinata ad impadronirsi dell’antico potere, mentre Peter e il professor Ciotti si trovano catapultati in una corsa contro il tempo fra servizi segreti, spie e Vaticano, con l’ambiente napoletano a fare da ricco e variopinto fondale.

 

Recensione

di Morgane Le Faye

Il libro inizia la sua storia nella Napoli del 1942, dove incontriamo un convento di frati che si trova a fronteggiare la presenza di un ragazzino taciturno di nome Caio, figlio di una coppia di fedeli che versavano in difficoltà e per questo è stato accolto in convento.

Fin dai primi capitoli il ragazzino si rivela tutt’altro che di buon carattere ma anzi si rivela sempre pronto a creare scompiglio nel convento, che in passato è stato scelto per custodire un importante segreto. Una notte Caio stanco della vita monastica appicca un incendio in un’ala del convento e poi sparisce nel nulla. Passano gli anni e nel frattempo la vita nel convento va avanti tra preghiere e strani omicidi.

Ma perché accadono questi crimini? Qual’è il segreto che nascondono questi umili frati? E chi cerca di scoprirlo ad ogni costo?

E soprattutto perché quel segreto fa paura ancora ai giorni nostri? Cosa c’è di così importante da scoprire o da non far sapere?

Dopo una partenza che sembrava lenta sopratutto perché non è subito chiaro cosa si nasconde in quel convento e quindi i primi capitoli sulla vita monastica possono risultare un po’ dispersivi, quando viene svelato l’oscuro segreto nascosto dai frati ed il romanzo si proietta ai giorni nostri con il racconto delle indagini in corso si entra in un’altra atmosfera. Ricca di pathos e di azione che richiama molto lo stile di Dan Brown nei suoi romanzi migliori e con un richiamo a quel Nome della Rosa di Eco che però è solo per lo stile investigativo usato dal professor Ciotti.

Qui non c’è niente di preso in prestito da altri, qui si vede che è tutto frutto della penna e delle ricerche dell’autore che hanno dato vita ad un romanzo storico molto avvincente e ben scritto che inchioda il lettore dalla prima all’ultima pagina con un ritmo incalzante che toglie il fiato.

Lo consiglio vivamente.

Voto:

Luigi Tortora nasce nel 1957 a Casamarciano (NA) e vive una vita perennemente al bivio fra quello che vorrebbe e quello che deve fare. Consegue il diploma in ragioneria col voto più basso dell’Istituto Tecnico Commerciale Masullo di Nola. È particolarmente interessato ai vangeli apocrifi e alla mistica; Il castello interiore e La notte oscura lo avvicinano alle figure di Teresa d’Avila e San Giovanni della Croce. Maestro cioccolatiere e confettiere, lavora e vive felicemente con la moglie e i tre figli nel suo paese natale. Oggi, alla soglia dei sessant’anni, si affaccia per la prima volta sul mondo della narrativa presentando il suo romanzo d’esordio.

Posted by Morgane Le Faye
Editing by Fede

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi