La donna che annusava le librerie di Kempes Astolfi

La donna che annusava le librerie

di Kempes Astolfi

Titolo: La donna che annusava le librerie
Autore: Kempes Astolfi
Edito da: Prospettiva Editrice
Genere: Romanzo.
Pagine: 252 p. || Prezzo: 14.00 € book

Denise è una tranquilla bibliotecaria di Clarkesville che durante i weekend visita e annusa in tutto il mondo quei luoghi incantati che regalano emozioni sotto forma di pagine. Un giorno, a Parigi, dentro Shakespeare & Co., Denise viene notata da una giornalista, Amanda Lisetti, che decide di incontrarla per saperne di più sulla sua storia, sui suoi gesti. Quella che inizialmente doveva essere una semplice intervista per un blog si trasforma in un rapporto profondo tra due donne che iniziano a farsi forza l’un l’altra per uscire da quello che sono diventate oggi. Il mistero che si cela dietro il passato di Denise è turbolento quanto la difficoltà che la bibliotecaria prova anche solo nel raccontare e ricordare il suo dramma interiore. È davvero possibile lasciarsi andare completamente e vivere una volta per tutte, dimenticando un passato lastricato di ostacoli e momenti difficili da rivangare? Chi è veramente Denise? Perché non vuole parlare, aprirsi e raccontare davvero cosa ha vissuto, partendo dal suo rapporto col misterioso Adam? E cosa sta cercando nelle librerie di tutto il mondo? Cosa accade quando, dopo aver nascosto lo scrigno dei ricordi in un angolo remoto della mente, si incontra la persona che ne possiede la chiave? Denise, con le sue paure, le sue angosce e la sua voglia di vivere nonostante tutto, scoprirà che nulla accade per caso nel personale percorso chiamato vita. La Donna che annusava le librerie è una ricerca dell’impossibile, una sfida alla forza di volontà, un percorso magico tra libri e librerie di tutto il mondo.

Recensione

di Mariapaola

Un solo aggettivo: FANTASTICO!

Non ho mai provato emozioni così intense, sfogliando pagine, e parla una che ha fatto del coinvolgimento emotivo uno stile di vita.
La donna che annusava le libreria” ha fatto breccia nel mio cuore sin dalla prima pagina:

“…mi affiderei piuttosto all’istinto di una donna che alla ragione di un uomo.”

Boom! È stato amore a prima vista! Ho anche fatto cuoricini sulle pagine come una vera adolescente.

La cosa che più mi ha stupito è stato il fatto che l’autore del romanzo sia uomo. Come fa a sapere cosa passa per la testa a noi donne?!?! È riuscito a scrivere ogni reazione isterica, sentimentale, nevrotica che ogni donna ha avuto, almeno una volta, nella propria vita.

Un grande plauso a Kempes Astolfi.

Una trama adrenalinica e poetica al tempo stesso. Uno stile ricco di metafore, similitudini, grandissimi ossimori, palindromi, ironia; figure retoriche scritte al momento gusto, al posto giusto, non congetture narrative, ma parti integranti della narrazione.
Un romanzo di amicizia, un legame nato inaspettatamente tra Denise, la protagonista, e Amanda, la giornalista.
Una storia d’amore eterna.

Una narrazione odeporica, alla ricerca di qualcosa di profumato, con una missione da portare a termine.

“Anche se l’impresa era impossibile, per me il gesto di viaggiare tra le librerie di tutto il mondo era come un lenitivo. Era come un antidolorifico per la mia anima molto sofferente”.

Ho viaggiato con la protagonista, ho attraversato, con lei, i vari continenti, in ogni pagina; sono stata l’interlocutrice della sua storia, mi sono sentita l’Amanda della situazione. Infiniti viaggi, una caccia al tesoro, un eterno inseguire libri e persone, annusando il profumo di libri, usati e nuovi, che le hanno cambiato l’esistenza, tra scaffali di librerie del mondo.

Niente più se e niente più ma. C’è una spiegazione per ogni cosa.

“Non si finisce mai di imparare. Una vita non basta, non basterà mai per capire davvero come vanno le cose. Possiamo solo avere la percezione di cosa siamo in grado di provare. Leggi ragazza, leggi tanto. Fai sì che la tua memoria sia la tua cultura. Fai sì che i tuoi pensieri siano la tua esperienza. E per conoscere, Denise, devi leggere. Tanto. Tantissimo”.

Queste, le parole dell’amore della vita di Denise, Adam; due mondi in uno: uomo di ricerca e studio, da modalità adrenalinica e da relax letterario. Lei pazza di lui. Lui pazzo di lei.

“Io ero tosta come il marmo e Adam era il mio scultore”.

Un racconto nel racconto, una confessione d’amore. Ho sorseggiato quella bevanda calda con le due ragazze, stringendo quella tazza fumante.

“Una frase de Il Piccolo Principe molto preziosa in quel periodo, per me, fu: I grandi non capiscono mai niente da soli, ed è faticoso, per i bambini, star sempre lì a dare delle spiegazioni”.

Un libro da leggere e rileggere subito dopo, afferma Gino Saladini nella Prefazione, per godere dei sapori e degli odori di buona letteratura sparsi in ogni pagina.

Capitolo dopo capitolo. Pagina dopo pagina.

Libro divorato.

Kempes Astolfi: nasce a Civitavecchia. È l’ideatore del Movimento Fotografico Letterario “KomeSto?” in voga su www.KomeSto.itDal 2001 inizia la sua carriera di regista e sceneggiatore girando numerosi corti e videoclip. Nel 2005/2006 consegue il diploma di Regia e Sceneggiatura alla Scuola delle Arti. Nel 2006 registra il Brand “KomeSto?”, legato al suo portale. Nel 2007 inizia la stampa in grande tiratura dei ‘K? Calendars’ a diffusione internazionale, arrivati oggi a 223mila copie. Dal 2008 inizia a girare l’Italia ed il mondo col “KomeSto? Tour”, versione live della manifestazione ideata sul suo portale. Nel 2012 filma l’episodio pilota di “Invade The Trash Series”. Nel 2013 crea il Movimento “30SecondsEvents” ed organizza diversi FlashMob tra cui l’evento “30 Seconds Into Our Souls”. L’Abbraccio Perfetto edito da prospettiva editrice è il suo primo romanzo. Nel 2013 firma il videoclip de LArtefice “Da Roma a Malibù”. Nel luglio 2014 esce il suo secondo libro ‘An.Cu.Gio.Ca.’, Aneddoti Curiosi sul Gioco del Calcio e a dicembre 2014 esce il suo ultimo libro, ‘Cosa ne pensano i Gatti italiani dei Felini Stranieri’. Nello stesso anno pubblica il suo secondo libro, “Aneddoti Curiosi sul Gioco del Calcio”. Nel 2015 è assistente alla regia di “On Air. Nel 2016 pubblica “Cosa Pensano i Gatti Italiani dei Felini Stranieri”. Nel 2017 partecipa alla produzione di un film in America e pubblica l’open book “Mille Racconti per Mille Parole” conosciuto anche come “Un Milione di Parole”.

 

Posted by Mariapaola
Edited by Simo

 

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi