La leggerezza del Principe

di  Leta Blake & Keira Andrews

 

Titolo: La leggerezza del Principe
Autore: Leta Blake, Keira Andrews
Traduttrice: Cristina Fontana
Edito da: Triskell Edizioni
Collana: Rainbow
ISBN: 978-88-9312-197-2
Genere: M/M, fantasy
Lunghezza: 206 pagine
Formato: pdf, epub, modi
Prezzo: ebook 3.49 €
Uscita: 10 Marzo 2017

amazon-iconTrama: Maledetto sin dalla nascita dalla mancanza di gravità fisica ed emotiva, il Principe Efrosin non riesce a tenere i piedi per terra o la testa fuori dalle nuvole. Abituato a prendere la vita alla leggera non ha mai sperimentato l’amore e la lussuria. Un giorno fatidico, l’esile legame con la terra viene reciso e lui vola via, nel vento. Viene salvato da Dmitri, un giovane e bellissimo boscaiolo, colpito lui stesso da una maledizione, e i due sconosciuti si ritrovano irresistibilmente attratti l’uno dall’altro. Sperimentano per la prima volta il sesso e l’amore, e si tuffano in una relazione sensuale e appassionata. La strega cattiva, che ha gettato su di loro l’incantesimo, sta meditando la sua ultima vendetta. Efrosin e Dmitri devono combattere per trovare il loro finale da favola e vivere per sempre felici e contenti.

Serie Tempting Tales: 

  1. La leggerezza del Principe (Levity: A gay fairy tale)
  2. Rise: A gay fairy tale – inedito
  3. Flight: A gay fairy tale – inedito

Immagine5

Recensioneùdi Sil.lav

Un libro simpatico, ha più la consistenza di una favola, che di un fantasy. La strega cattiva, un maleficio, un principe, tutto nella struttura ricorda un racconto dell’infanzia. Per questo non aspettatevi un libro impegnativo. I momenti descrittivi sono pochi e i personaggi potevano essere maggiormente approfonditi

Qualche volta sognava di fluttuare in alto fino alle costellazioni e all’infinito: il terrore di quella cosa lo faceva sussultare e lo svegliava, facendolo ridere. «Oh, che cosa sorprendente,» esclamava con il sangue che gli scorreva nelle vene.
«Che brivido tremendo.»
Eppure ne era attratto come una falena dalla fiamma.
Non l’aveva mai detto a nessuno – nemmeno a Geoffry – che quel sogno lo spaventava così tanto e che, forse, non sarebbe stato poi così male riavere indietro la sua gravità. Gli era stato detto che quando era nato ce l’aveva, ma lui non riusciva a ricordare di aver mai posseduto un grammo di quella sostanza.

Efrosin è un principe maledetto. Il suo corpo non ha gravità, fisicamente la terra lo repelle. Non cammina, volteggia. Un soffio di vento lo potrebbe far volteggiare nel cielo senza meta. Emotivamente non capisce la tristezza il dolore e non concepisce il pianto. È chiamato il principe Leggero perché non ha peso nel corpo come nella mente e spesso lo si sente ridacchiare in modo inappropriato. L’unico posto in cui riacquista un po’ la sua gravità, è in acqua. Anche le sue emozioni sono più normali in questo elemento.

Dmitri, è il suo opposto. A sua volta maledetto alla nascita, non può lasciare la terra in cui vive. È sempre solo, soprattutto dopo la morte dei genitori. Sogna terre lontane che non ha speranza di vedere.

Il giorno del suo diciottesimo compleanno Efrosin si perde nel cielo e rimane impigliato in un provvidenziale albero da dove viene salvato da Dmitri. Questi due giovani, che sono l’uno l’opposto dell’altro, trovano nella loro unione un equilibrio. Il principe con la sua infantile innocenza attrae da subito Dmitri. Il loro rapporto sembra subito predestinato ma non c’è da dimenticare che una vecchia strega ha maledetto entrambi e non è contenta che qualcuno interferisca con i suoi malefici. Il principe leggero è erede al trono di un regno e non può rimanere con Dmitri, che a sua volta non puo seguire il suo amato.

 

«Senza servitù? Come fai a mangiare?»
«Caccio, pesco e coltivo un po’ di cibo. Se sono fortunato, a volte capita qualcuno da queste parti e lo baratto per un po’ di sementi e frutta fresca.»
«Ah, capisco. Beh,» aggiunse Efrosin con spensieratezza, con un’espressione quasi di sfida, una competizione che intendeva vincere. «Anch’io sono cresciuto solo.»
«Voi? Un principe in un castello che brulica di servitori, cavalieri e diplomatici? Avete già affermato che siete circondato da molte persone.»
«È vero. Lo sono. Ma non piaccio a nessuno di loro. Non ho amici,» commentò allegramente. «Chi vuole giocare con un bambino che vola via?

Il libro è breve, viene raccontato come una fiaba, ma non dimentichiamoci che è un M/M e come tale non è adatto a un pubblico troppo giovane. È una storia molto carina a tratti anche commuovente. Peccato che i cattivi se la cavino a mio parere con poco; si vede che la mia vena vendicativa è un po’ più perfida di quella delle scrittrici.

Mi sarebbe piaciuto approfondire l’infanzia del principe o di Dmitri; i brevi cenni sono insufficienti per rendere il libro più coinvolgente. Mentre leggi si attiva la parte narrata a favola a discapito di una lettura scorrevole e un po mi è spiaciuto perché poteva essere un libro migliore.

VOTO:

Immagine5

leta-blakeLeta Blake è autrice di bestseller per la Smoky Mountain Dreams e la Training Season, vanta di una formazione professionale in psicologia e finanza. Ma la sua passione è sempre stata la scrittura. Le piace creare storie d’amore ed esplorare la psiche di personaggi inventati. Vive a Sud degli Stati Uniti, dove lavora duro per bilanciare lavoro, scrittura e famiglia.

Facebook-iconBlogger-icontwitter.pnggoodreads.png

Keira Andrews dopo aver scritto per anni senza mai trovare la giusta ispirazione, ha trovato la sua musa nei romanzi gay, che sono diventati la sua passione. Lei scrive romanzi contemporanei, storici, paranormali e fantasy – e nonostante ami le storie drammatiche – crede fermamente nei lieto fine. Come disse Oscar Wilde: ‘Il buono finisce bene, il cattivo finisce male’.

Facebook-iconBlogger-icontwitter.pnggoodreads.png

triskell-rainbow-logo

Lettrice accanita, adoro attorniarmi di libri. Ne accumulo più di quanti ne potrò mai leggere.