La maledizione. The winner’s curse di Marie Rutkoski [The winner’s Trilogy #1]

La maledizione: The winner’s curse 

The winner’s Trilogy #1

di Marie Rutkoski

Titolo: La maledizione. The Winner’s Curse
Autore: Marie Rutkoski
Serie: The Winner’s trilogy
Edito da: Leggereditore
Genere: Fantasy
Pagine: 246 p. || Prezzo: 4,99€ ebook/ 14,90€  cartaceo || Formato: ebook, cartaceo

Trama dell’editore: In quanto figlia di un potente generale di un vasto impero che riduce in schiavitù i popoli conquistati, la diciassettenne Kestrel ha sempre goduto di una vita privilegiata. Ma adesso si trova davanti a una scelta difficile: arruolarsi nell’esercito oppure sposarsi. La ragazza, però, ha ben altre intenzioni… Nel giovane Arin, uno schiavo in vendita all’asta, Kestrel ha trovato uno spirito gentile e a lei affine. Gli occhi di lui, che sembrano sfidare tutto e tutti, l’hanno spinta a seguire il proprio istinto e a comprarlo senza pensare alle possibili conseguenze. E così, inaspettatamente, Kestrel si ritrova a dover nascondere l’amore che inizia a sentire per Arin, un sentimento che si intensifica giorno dopo giorno. Ma la ragazza non sa che anche il giovane schiavo nasconde un segreto e che per stare insieme i due amanti dovranno accettare di tradire la loro gente o altrimenti tradire se stessi per rimanere fedeli al proprio popolo. Kestrel imparerà velocemente che il prezzo da pagare per l’uomo che ama è molto più alto di quello che avrebbe mai potuto immaginare…

The Winner’s Trilogy:

1. La maledizione. The Winner’s Curse
2. The Winner’s Crime (inedito in Italia)
3. The Winner’s Kiss (inedito in Italia)

Recensioneù

di Miss Marilux

 

 

 

 

Cari amici di Sognando Leggendo con questa recensione mi sento in difficoltà. Internet è impazzito per questo libro mentre a me ha fatto orrore. Ho impiegato 10 giorni per completare una sottiletta di nemmeno 300 pagine. Aiuto! Sono pazza io o è impazzito il mondo? Bella domanda! XD Stiamo parlando ovviamente di The winner’s curse di Marie Rutkoski, libro fresco fresco di stampa edito dalla Leggereditore, un’uscita che rientra nel Fantasy – un poco a forza – ma che dà speranze ad un genere che ultimamente langue molto sugli scaffali delle nostre librerie. Spinta da ciò e anche dalla bella cover, l’ho preso senza pensarci troppo. Sigh, ridatemi i miei 14.90 euro!  🙁 

Partiamo dalla storia: il problema di questo libro è molto simile allo stesso di The glittering court (recensione Qui), il mondo inventato dall’autrice non è una terra del futuro, ma un altrove, similissimo al colonialismo dell’800; sappiamo che due nazioni si sono scontrate, Valoriani ed Herrani, l’una ha schiavizzato l’altra, e boom, ci vengono forniti nomi e spunti sulla guerra avvenuta, sugli usi e costumi delle due parti, ma viene dato tutto per scontato, senza troppe spiegazioni o argomentazioni, non abbiamo nemmeno la famosa lista nomi ad inizio libro. E di nuovo il lettore va in confusione, chi è chi e chi vuole cosa? Eh boh! Stesso identico problema che ho riscontrato nel libro della Mead, anzi ho notato anche punti simili fra i due volumi, quasi fossero fatti con lo stampino. Mah!

Lo sviluppo, ad un certo punto, non risulta sgradevole anzi mostra qualche spunticino interessante, ma è tremendamente confusionario e troppo sbrigativo. Gestito malissimo. Tutto in uno schiocco di dita. Il finale aperto è un grosso “what the fuck?”, un sonoro nulla di fatto. È per questo che non mi capacito. La storia presenta momenti intriganti come già detto (anche se visti e rivisti, uff!) ma utilizzati malissimo con azioni al limite del ridicolo! Aggiungiamoci poi che il tutto viene portato avanti da personaggi privi di spessore e psicologicamente idioti, e capirete da soli che no, non ci siamo!

Ma veniamo a loro, i personaggi principali, Krestel e Arin/Smith: non sono simpatici e non ho provato nessun sentimento verso di loro. La ragazza, Krestel, figlia del generale ragiona in una maniera troppo adulta per avere appena 17 anni! Capisco sia un fantasy, ma è assolutamente esagerato, resta una adolescente in piena crisi ormonale, invece sembra un vecchio gerarca di 50 anni che ragiona per tattiche nemmeno fosse un robot. Ma dai!
Su di lui invece non ho molto da dire, personaggio veramente vuoto. I secondari? Perché ci sono? 🙄

lo stile è confusionario e spesso ostico, non si capisce bene chi faccia cosa e dica cosa, non so se è colpa della traduzione, ma ho fatto davvero fatica ad ingranare. Non vi è pathos, azione, adrenalina o romanticismo. NIENTE.

Insomma, io davvero non capisco: cosa vi è di cosi favoloso in questo libro? Vedo 5 stelline ovunque, io ne do 2 proprio per non essere stronza. Ma cosa non ho visto di così splendido e meraviglioso? Aiutatemi a capire perché ho il dubbio di aver letto un libro differente dal vostro.
Assolutamente sconsigliato.

Abbiamo votato questo romanzo:1Astelle

Marie Rutkoski è l’autrice del romanzo YA The Shadow Society e della serie fantasy The Kronos Chronicles, tra cui The Cabinet of Wonders, Il Globo Celestiale e The Jewel of the Kalderash. Marie è cresciuta a Bolingbrook, Illinois (un sobborgo di Chicago), ultima di quattro figli. Ha una laurea presso l’Università di Iowa e un dottorato di ricerca presso la Harvard University. Marie è attualmente professoressa presso il Brooklyn College, dove insegna Renaissance Drama, letteratura per bambini e scrittura di narrativa. Vive a New York con suo marito e due figli.

 

∼ Posted by Miss Marilux
Editeda by CriCra

Lascia un commento

Una replica a “La maledizione. The winner’s curse di Marie Rutkoski [The winner’s Trilogy #1]”

  1. ..::Persefone::.. ha detto:

    Ho iniziato il libro oggi e spero di riuscire a terminarlo dopo aver letto la tua recensione! Come ambientazione a me sembra molto simile a quella di La battaglia dei pugnali. Concordo sui personaggi, poco approfonditi e troppo superficiali ma forse questo è dovuto al fatto di essere il primo volume di una serie, così come per lo svolgersi della storia stessa.
    Anche io ho letto pareri positivi e questo mi ha spinto ad iniziarlo. Per adesso non mi sbilancio troppo, vediamo come va!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi