‘La mossa del diavolo + Morte di un re pirata’ di Josh Lanyon [Serie Adrien English #3 #4]

Immagine5
La mossa del diavolo [#3]
Morte di un re pirata[#4]

Serie Adrien English 

di Josh Lanyon

I'm sorry but I can't see the difference

Immagine5

la mossa del diavoloTitolo: La mossa del diavolo
Autore: Josh Lanyon
Traduttore: Chiara Messina
Edito da: Triskell Edizioni
Collana: World/Rainbow/Mistery
Prezzo:  ebook 4.49 €
Uscita: 19 Febbraio 2016
Genere: Romance M/M, giallo
Pagine: 238 pag.

anobii-icon Good-Reads-icon amazon-icon

Trama: Terzo capitolo della serie Adrien English. Dopo che il commesso della sua libreria sparisce in seguito a delle terrificanti minacce di morte, Adrien English è costretto a vedersela con un misterioso culto satanico, un affascinate professore universitario e la sua traballante relazione col detective Jake Riordan che, pur di non ammettere pubblicamente la propria omosessualità, rischia di compiere un passo senza ritorno.

Immagine5

morte di un re pirataTitoloMorte di un re pirata
Autore: Josh Lanyon
Traduttore: Chiara Messina
Edito da: Triskell Edizioni
Collana: World/Rainbow/Mistery
Prezzo:  ebook 4.49 €
Uscita29 Luglio 2016
Genere: Romance M/M, giallo
Pagine: 266 pag.

anobii-icon Good-Reads-icon amazon-icon

Trama: Quarto capitolo dell’acclamata serie Adrien English, nata dalla penna del pluripremiato autore Josh Lanyon. La carriera di scrittore di Adrien English, libraio gay e investigatore dilettante, è sul punto di decollare. I diritti del suo primo romanzo, Il delitto sarà svelato, sono stati acquistati da Paul Kane, una celebre star del cinema. Ma quando l’omicidio fa il suo debutto a una cena hollywoodiana, a indagare sul caso viene chiamato proprio l’ex amante di Adrien, l’avvenente Jake Riordan, ora tenente della polizia di Los Angeles e più che mai determinato a tenere nascosta la propria omosessualità. La sua comparsa, però, rischia di spingere il nuovo compagno di Adrien, il fascinoso professore universitario Guy Snowden, a commettere a sua volta un omicidio…

serie

Serie Adrien English:

1. Ombre fatali (Fatal Shadows) – la recensione ⇒ QUI
2. Una cosa pericolosa, Agosto 2015 (A Dangerous Thing) – la recensione ⇒ QUI
3. La mossa del diavolo, Febbraio 2016 (The Hell You Say)
4. Morte di un re pirata, Giugno 2016 (Death of a Pirate King)
5. The Dark Tide (Inedito in Italia)

Immagine5

Recensioneùdi CriCra

Dopo un bel po’ di ritardo, torno a scrivere di Adrien English, una serie suspense, noir e mistery scritta da uno dei miei autori preferiti per quanto riguarda il genere M/M. Adrien English, questo intrepido scrittore investigatore proprietario della Cloak and Dagger, una caratteristica libreria al cui interno si può trovare ogni genere di libri trattanti temi omo.

Sul terzo libro, La mossa del diavolo, miei cari lettori di Sognando Leggendo ve lo dico subito: non mi è piaciuto più di tanto. Anzi a dirla tutta, proprio mentre scrivo, faccio fatica a ricordare anche chi sia stato alla fine il colpevole all’interno della storia. Ebbene sì, in questo terzo capitolo l’autore non mi affatto soddisfatta del tutto.

Il piccolo antefatto probabilmente vi anticipa quasi tutto ciò che accadrà in questa nuova vicenda. La storia non è altro che un tira e molla tra presunti membri di altrettanto presunte sette sataniche adoranti satana e tutti i demoni dell’inferno a seguire. Adrien in tutto questo ovviamente, ancora una volta, si metterà in mezzo alle indagini seguite dal suo amante/non amante, Jack Riordan.

Le novità presenti che più son riuscita ad apprezzare sono state: l’entrata in scena di un nuovo personaggio, Guy Snowden, un affascinate professore universitario con il quale Adrien approfondirà – in tutti i sensi, capisci a me! 😉 – i suoi rapporti; e poi, un episodio tra Adrien e Jake che lascerà sbigottiti e anche un po’ incazzati, lasciatemi passare il termine. Ovviamente niente spoiler, altrimenti non c’è gusto! 😛
Un altro aspetto che non mi ha lasciata del tutto indifferente è stato il fatto che Adrien riflette sulla sua condizione di uomo solo. Ecco, forse può essere questa la novità in questo terzo capitolo. Adrien ha una profonda riflessione sulla sua condizione sia di uomo dalla salute alquanto precaria sia di uomo tristemente solo e sulla possibilità che continui ad esserlo per chissà quanto ancora. Ve ne accorgerete, sarà proprio intenso come esame di coscienza.

“Poco prima di morire all’età di ottantun anni, Joseph Hansen aveva creato un blog chiamato Ultimeparole. Lo avevo trovato per caso, navigando in rete. Tre post che parlavano della solitudine che si provava nell’essere sopravvissuti a tutti e a tutto ciò che per te era stato importante. Tre post e altrettante repliche. Se anche Hansen si era sentito così solo alla fine dei suoi giorni, che cosa poteva sperare la gente comune, soprattutto chi – come me – non era neppure riuscito a trovare qualcuno con cui dividere la vita? Provai a tirarmi su pensando che, col cuore che mi ritrovavo, non c’era il rischio che arrivassi a ottantun anni. L’unico problema era che faticavo a immaginare di poter provare più solitudine di quanta non ne stessi provando in quel momento”.

Nel quarto libro, Morte di un re pirata, la storia di Adrien ci reintroduce nella sua vita dopo che sono trascorsi due anni. In tutto questo tempo, tante cose sono successe e cambiate nella sua vita. Un nuovo compagno, un nuovo progetto lavorativo importante come lo può essere la trasposizione cinematografica di un proprio libro, e un nuovo, o purtroppo è il caso di dire, un peggioramento della sua già precaria salute. E in tutto questo, un nuovo omicidio lo rivedrà alle prese con una nuova indagine, nuovamente al fianco del – mai dimenticato – Jack Riordan, il quale nel frattempo ha continuato a mascherare la sua omosessualità dietro un matrimonio che non lo sta portando da nessuna parte. Quindi, se non lo avete capito, è tutto – o quasi – nuovo! 😀
E così, la passione mai del tutto spenta si riaccenderà proprio come le braci nascoste sotto la cenere ancora calda, in attesa del propizio alito di vento.

Ancora una volta ho percepito tutte le piccole fragilità che caratterizzano Adrien: lui è un uomo che ha paura di amare perché ha paura di non essere amato come lui ha sempre desiderato essere: incondizionatamente, totalmente, nonostante tutto e tutti, nel bene e nel male. Si scherma dietro la sua durezza che appare ancora più nitida e solida dopo i due anni passati lontano da Jake. Si rincontreranno, si riscontreranno, e allo stesso tempo si riconosceranno come se tra di loro quei due anni non fossero mai passati.

“Il viso di Jake si paralizzò, eccetto che per i suoi occhi. Vidi una scintilla di vita riaccendersi dentro di essi, e la riconobbi perché era la stessa che avevo sentito anch’io quando era entrato nel mio appartamento dopo due anni di assenza. Mi protesi verso di lui, e lui mi accolse tra le sue braccia. Per un istante, pensai potesse essere un abbraccio di addio… o forse di benvenuto, perché subito dopo Jake insinuò le mani sotto la mia maglietta, sfiorandomi la schiena e chiudendosi sui miei fianchi per attirarmi più vicino, senza vergognarsi di farmi sentire la sua eccitazione. Solo nuda onestà, che tendeva la stoffa dei jeans, premendo contro il mio inguine. E per una volta non ebbi nulla da dire. La bocca di Jake trovò la mia, congiungendosi, morbida e bollente, a essa. La lingua provò a forzare il sigillo delle mie labbra; le dischiusi, lasciandola entrare. Fu sorprendentemente dolce e dolorosamente familiare, come trovare un porto nella tempesta. Come se avessi atteso quel momento per decenni, viaggiando per leghe e leghe. Ero Ulisse che, dopo tanto perigliare, approdava alle azzurre acque di cristallo di Itaca, ignaro degli ostacoli che lo avrebbero atteso.”

I pochi momenti intimi, sempre più intesi ed emozionanti, si alterneranno con quelli più burrascosi e quelli velati da una stuzzicante ironia, un marchio di fabbrica oramai tipico di questa strana coppia.

A mio parere questo quarto capitolo è il più bello finora perché la storia non solo è stata arricchita da un giallo intrecciato con un colpevole dalla mente sociopatica malata, ma dalla rinascita di un rapporto d’amore e d’intesa che nella sua drammaticità ritroverà la sua strada. Mi erano mancati proprio questi due qua, eh si! 😉

Voto

 

La Mossa del diavolo

Voto

 Morte di un re pirata

josh lanyonJosh Lanyon: Una voce distinta nella narrativa gay, multi- premiato autore ha scritto libri di genere M/M dal mistery, avventura e romanticismo per oltre un decennio. Oltre a numerosi racconti, novelle e romanzi, Josh è l’autore della acclamata serie di Adrien English Mistery, tra cui The Hell You Say, vincitore nel 2006 dei premi per USABookNews GLBT Fiction. Josh è stato un vincitore del Eppie Award e tre volte finalista Lambda Literary Award.

Goodreads_iconFacebook-iconBlogger-iconTwitter-icon

triskell-edizioni-casa-editrice1

 

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi