La profezia di Mezzanotte di Irena Brignull

La profezia di Mezzanotte

di Irena Brignull

 

51h4md2af1l-_sx338_bo1204203200_Titolo: La profezia di Mezzanotte
Autore: Irena Brignull
Serie: //
Edito da: De Agostini
Prezzo: 14,90 € Rilegato/ 6,99 € ebook
Genere: Young Adult, Paranormal Romance
Pagine: 415 p.

anobii-icon Good-Reads-icon amazon-iconTrama: Per quattordici, lunghi anni Poppy Hopper ha cercato di ingannare tutti, persino se stessa. Ha finto di essere una ragazza come tante, mentre i gatti la seguivano ovunque, i ragni tessevano tele complicate intorno a lei e gli elementi della natura sembravano rispondere al suo volere. Anche Ember Hawkweed ha sempre fatto di tutto pur di sentirsi normale: una normalissima strega come le altre. Ma se le sue amiche eccellevano nelle arti magiche, creando pozioni e incantesimi, lei riusciva solo a preparare unguenti e bolle di sapone. Quando Poppy ed Ember si incontrano, però, le cose cambiano. Le due ragazze capiscono subito di essere più simili di quanto avrebbero mai potuto immaginare. Entrambe sanno di non appartenere al mondo in cui vivono, ed entrambe vogliono scoprire la verità. Chi sono realmente? Quale legame misterioso le unisce? Insieme, Poppy ed Ember sono pronte a qualsiasi cosa pur di trovare le risposte che cercano. Anche ad affrontare una pericolosa profezia che affonda le radici nella notte dei tempi.

Immagine5Recensioneù

di MissMarilux

La profezia di Mezzanotte è l’opera prima della giovane Irena Brignull, un fantasy autoconclusivo (evviva!) che mescola diversi aspetti quali magia, amore, amicizia, famiglia e segreti. Diciamo che sulla carta aveva davvero molte possibilità di diventare uno dei miei libi preferiti del 2016, la cosa però non è accaduta.

La storia inizialmente sembra molto semplice ma ben studiata; amishPoppy ed Ember sono due ragazze appartenenti a mondi totalmente differenti. Poppy è una ragazza comune con i problemi classici della adolescenza; Ember è una giovane strega che vive in una comunità molto simile, per come viene descritta, ad una comunità amish. Le giovani si incontrano e nasce una bella amicizia; entrambe reiette nei loro mondi trovano conforto l’una nell’altra. In questa prima parte ho trovato il libro molto piacevole e ben costruito. Mentre le ragazze facevano amicizia e si confidavano i proprio problemi, la congrega svelava i propri segreti, soprattutto quelli di Raven, Zia di Ember e strega più potente del clan.

drammoneNon contenta quindi di analizzare l’amicizia ed i rapporti fra le due giovani e le rispettive famiglie, l’autrice inserisce un terzo personaggio, Leo, un giovane barbone sfuggito dalla violenza di casa che si innamora ricambiato di Poppy per poi imbattersi in Ember. Ecco, ho trovato non necessaria la sua presenza. Il romanzo si basa sul rapporto difficile fra due donne così simili eppure così diverse. Con l’ingresso di questo tizio (XD) il precedente viene perso per strada, lasciando spazio alla classica storiella d’amore fatta di tradimenti, imbrogli, equivoci e “vorrei ma non posso”.

Ember e Poppy sono nel mezzo di una grande profezia, i venti di guerra soffiano fra i diversi Clan delle streghe, perché inseriradame ‘sto ragazzetto senza sale e senza pepe di cui ci verrà raccontato ben poco e anche malamente? MISTERO. Dall’ingresso in poi di Leo, il romanzo perde mordente, Poppy diviene centrale, Ember una sfumatura, Leo è perennemente presente invece. Ma che noia!
Quando verranno finalmente calate le carte sul tavolo, chi è Poppy, chi è Ember, di chi è la colpa del loro scambio, l’autrice liquiderà la cosa in poche pagine, senza maggiori sviluppi.

Ad esempio: Melanie la madre di Poppy finalmente incontra Ember, la sua vera figlia, come reagirà? “loolOhhh figlia miaaa”. What? Tu per 16 anni hai cresciuto una altra donna pensando fosse la tua bambina e la mandi a quel paese ed accogli quest’altra disagiata senza farti grosse domande ma bollando il tutto con: “l’ho sempre saputo”. Ehhhhh?
Stesso discorso nel momento in cui Poppy capisce dello scambio e di essere una strega, insomma normale routine; c’è chi scopre di essere adottata, chi di avere i genitori separati e di chi essere una potentissima strega destinata a regnare su tutto il mondo magico. Ah bene!
Ovviamente le spiegazioni date senza troppo spessore sono a causa di Leo, non possiamo togliere 123653245 pagine alle sue tare mentali per spiegare meglio il tutto, no? Sembra quasi che un romanzo non possa essere venduto se dentro non vi è una maledetta storia d’amore -_-

ni2Insomma se la storia è buona, il suo sviluppo è pessimo; se ad inizio libro i personaggi, l’ambientazione, la congrega, sono interessanti, ricchi di spunti, con il progredire del libro e l’arrivo di Leo, che ruba la scena troppe volte, il tutto diventa bidimensionale e asettico.

Il libro è quindi, una occasione mancata. Non mi sento di sconsigliarlo totalmente ma se cercate qualcosa che possa coinvolgervi emotivamente, beh questo non fa per voi.

VOTO:1Astelle

Immagine5

irenaIrena Brignull è di origini greche, ma vive con la sua famiglia a Londra. Ha studiato Letteratura inglese alla Oxford University. È stata la sceneggiatrice di molti film di successo, tra cui Boxtrolls, Il Piccolo Principe e Shakespeare in Love. Nel suo tempo libero ama leggere e guardare film. La Profezia di Mezzanotte è il suo primo, straordinario romanzo.

Goodreads_iconBlogger-iconTwitter-icon

 

 

∼ by MissMarilux
Editing by CriCra

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi