La ragazza che hai lasciato di Jojo Moyes

La ragazza che hai lasciato

di Jojo Moyes

 

la ragazza che hai lasciatoTitolo: La ragazza che hai lasciato
Autore: Jojo Moyes (Traduttore: M.C. Dallavalle)
Serie: //
Edito da: Mondadori (Collana: Omnibus)
Prezzo: 16,00 €
GenereSentimentale, Narrativa moderna e contemporanea
Pagine: 300

anobii-icon Good-Reads-icon amazon-icon

TramaIl romanzo racconta la storia di Sophie nel 1917, e di Liv ai giorni nostri, le cui vite sono unite nel corso del secolo da un quadro misterioso. Francia, 1917. Sophie sposa il pittore Lefevre, allievo di Matisse, che parte per il fronte allo scoppio della Guerra. La donna ritorna a St Peronne, occupata dai tedeschi, e aiuta le famiglie in difficoltà, suscitando l’ammirazione del locale comandante delle truppe tedesche. Quando giunge la notizia che suo marito è stato catturato, Sophie chiede aiuto al comandante, offrendogli in cambio un bellissimo quadro fatto dal marito, il quale la ritrae da ragazza, intitolato “La ragazza che hai lasciato”, che il tedesco ammirava da tempo. La sua proposta viene, però, fraintesa dall’uomo che crede che Sophie si proponga come amante e s’infuria. Il giorno dopo Sophie viene arrestata e portata in un campo di lavoro. Riuscirà a riunirsi al suo amato? Parallelamente a questa vicenda si svolge la storia di Liv, che a soli 30 anni vive l’esperienza dolorosissima della morte del marito. Ma ad un certo punto incontra Paul e tra i due scatta un certo feeling. L’uomo lavora per una società che si occupa di rintracciare opere d’arte scomparse e trafugate durante la guerra, e proprio a casa di Liv vede il quadro che stava cercando da tempo, quello appartenuto un secolo prima a Sophie e che il marito di Liv le ha regalato per le nozze. Una serie di fraintendimenti porta i due a separarsi malamente. Cosa succederà tra di loro? E cosa ne sarà del dipinto? 

Immagine5

Recensioneùdi Kristina

Ci sono libri che riescono quasi a spezzarci il cuore nonostante il finale rassicurante. Libri che ricorderemo a lungo per quell’unica lacrima che è riuscita a sfuggire al nostro controllo o per tutte quelle emozioni, dall’ansia alla tristezza alla stessa felicità, che durante la lettura ci hanno letteralmente travolti. È difficile spiegare, soprattutto a quelle persone che vedono nel libro un banale oggetto materiale, come quel semplice oggetto possa dare così tanto e nello stesso tempo arrivare quasi a prendersi un pezzetto della nostra anima.

lacrimeAlcune storie semplicemente non sono solo storie. Riescono a coinvolgerci a tal punto che ci sembra di conoscere i personaggi. Impariamo ad amarli e soffrire con loro. Ed è quasi devastante arrivare a leggere quella terribile e ultima pagina, quando tutto quello che vogliamo è avere più tempo per prepararci a dire loro addio e che quella breve “avventura”, quelle poche ore passate in loro compagnia, stanno giungendo alla fine.

Dopo Luna di miele a Parigi, il breve racconto introduttivo che, attraverso le prime incomprensioni matrimoniali, ci ha fatto conoscere i protagonisti una decina di anni prima, mi ero ormai convinta che questa sarebbe stata una storia più delicata e più “vivibile” rispetto a Io prima di te. Quanto mi sbagliavo. Jojo Moyes ci propone, infatti, un altro libro intenso e spietato ma che, per qualche strana tendenza masochista, ho amato fino all’ultima pagina. E anche se la storia è decisamente un po’ troppo dura e crudele a tratti e, nonostante la decisione della scrittrice di far morire uno dei personaggi principali – David, il marito di Liv-, adesso non posso immaginare una storia diversa.

Abbassai la tenda e misi di nuovo i chiavistelli, poi mi sedetti e aprii la busta. La voce di Édouard, a lungo assente, mi riempì le orecchie.
Carissima Sophie, è passato molto tempo da quando ho avuto tue notizie. Prego che tu sia al sicuro. Nei momenti più bui mi dico che, se tu non lo fossi, qualche parte di me lo avvertirebbe, come le vibrazioni di una campana distante.
Ho ben poco da raccontarti. Per una volta non provo alcun desiderio di tradurre in colore il mondo che vedo attorno a me, e anche le parole sembrano del tutto inadeguate. Sappi soltanto, mia amata moglie, che sono sano nella mente e nel corpo e che il mio spirito si è conservato integro pensando a te.
Qui gli uomini stringono le fotografie dei loro cari come talismani, come protezione contro il buio, immagini accartocciate e sporche, dotate delle proprietà di un tesoro. Io non ho bisogno di alcuna foto per vederti davanti a me, Sophie. Mi basta soltanto chiudere gli occhi per richiamare alla mente il tuo volto, la tua voce, il tuo profumo, e non puoi immaginare quanto conforto mi dai.
Sappi, mia adorata, che a differenza dei miei commilitoni io non considero ogni giorno che passa come un giorno di sopravvivenza in più di cui essere grato a Dio, ma come un giorno in cui ringraziarlo per essere ventiquattro ore più vicino al mio ritorno da te.
Il tuo Édouard Era datata due mesi prima.

soldatiA collegare il destino delle due protagoniste è ancora una volta l’enigmatico dipinto di Edouard Lefèvre, La ragazza che hai lasciato; dipinto che dà il nome all’intero romanzo. È l’elemento fondamentale: è l’unica speranza che Sophie ha di riuscire a ricongiungersi al marito, tenuto lontano dalla guerra, e nello stesso tempo, in qualche modo, quel determinato dipinto è riuscito a garantire la sua stessa sopravvivenza durante i duri mesi dell’invasione tedesca. Sono stati proprio i capitoli che la riguardavano quelli più faticosi da leggere, non perché erano noiosi o pesanti, ma per i temi difficili e per la spietatezza della narrazione stessa.

madrefigliaLa parte relativa a Liv è stata, diciamo, più tranquilla e prevedibile ma questa volta, a differenza della novella introduttiva, è stata quella che ho preferito. Forse perché non ci sono stati particolari sorprese. La storia si sviluppa attorno alle tematiche tipiche dei romanzi sentimentali: la protagonista, infatti, dopo la morte del marito, si trova ad affrontare un’esistenza solitaria fatta di ricordi e di rabbia, ma l’intervento del destino (e in questo caso del dipinto di Edouard) le farà desiderare una vita completa e la sicurezza data dall’avere ancora una volta un uomo al proprio fianco. Liv dovrà però affrontare una dura lotta legale che la riporterà di nuovo nella rete del passato e in una serie di insicurezze e paure, prima di raggiungere finalmente la felicità.

«Davvero? Hanno lasciato i soldi? Non capisco.» «Nemmeno io. L’unica spiegazione è che siano caduti dal portafoglio quando l’hanno aperto.» Lei prende la borsa e ci fruga dentro. Sul fondo navigano duecento sterline, insieme alla spazzola, al libro che stava leggendo quel giorno e a un rossetto senza cappuccio.
«Non ho mai sentito niente di simile. Comunque meglio così, no? Una cosa in meno di cui preoccuparsi.» Paul sta sorridendo. Il suo non è uno di quei sorrisi compassionevoli del tipoohpoveraragazzabrillachecihaprovatoconme, ma il sorriso di una persona che è davvero felice di qualcosa.
Liv si scopre a ricambiare il suo sorriso. «È semplicemente… incredibile.» Quindi ora mi spettano le quattro sterline di ricompensa?» Lei lo guarda sorpresa. «Così mi ha detto Mo. Scherzo. Davvero.» Ride. «Ma…» Si guarda i piedi per un istante. «Liv, ti andrebbe di uscire qualche volta?» Visto che lei non risponde subito, aggiunge: «Non dobbiamo fare grandi cose. Potremmo non ubriacarci, e non andare in un bar gay. Potremmo perfino limitarci a fare un giro tenendo strette le chiavi di casa e non lasciarci rubare le borse».
«Okay» dice Liv dopo un attimo di esitazione, e si ritrova a sorridere di nuovo. «Volentieri.» Paul McCafferty fischietta tra sé durante la discesa nel rumoroso ascensore traballante. Quando arriva al piano terra, tira fuori dalla tasca la ricevuta del bancomat, la appallottola e la getta nel primo cestino che trova.

Non capita spesso inoltre, soprattutto in questi ultimi tempi, di trovare eroine forti e coraggiose che non sentono il bisogno di sottomettersi all’uomo, arrivando quasi a diventare un oggetto sessuale. Liv e Sophie  sono due donne che rispecchiano la realtà del loro tempo senza eccessi o finzione. È proprio la loro ordinarietà che ci permette di sentirle così vicine e di apprezzare ogni loro sfumatura. Nonostante i temi troppo forti e intensi, affrontati però con delicata eleganza, e i finali spesso discutibili, consiglio i romanzi di questa bravissima scrittrice a tutti quelli che sono ancora indecisi se darle o meno una possibilità.

Voto

 

 

Immagine5

Jojo-MoyesJojo Moyes (1969) è nata e cresciuta a Londra. Scrittrice e giornalista, ha lavorato per l’Independent per dieci anni prima di dedicarsi a tempo pieno alla scrittura. Attualmente è una delle più affermate scrittrici inglesi, e i suoi romanzi sono sempre in testa alle classifiche. Grande successo di critica e di pubblico ha riscosso in Italia anche Io prima di te, che in Inghilterra è risultato il libro più votato nella storia del Richard and Judy Book Club.

Goodreads_iconFacebook-iconBlogger-iconTwitter-icon

 

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi