La verità, vi spiego, sull’amore di Enrica Tesio

La verità, vi spiego, sull’amore

di Enrica Tesio

 

la verità, vi spiego sull'amoreTitolo: La verità, vi spiego, sull’amore
Autore: Enrica Tesio
Serie://
Edito da: Mondadori
Prezzo: 16,00 €
Genere: Romanzo
Pagine: 240

anobii-icon Good-Reads-icon amazon-icon

Trama: Aprire questo libro è un’esperienza sorprendente, capace di portare allegria nella più grigia delle giornate. Proprio come entrare in casa di Dora, la protagonista. Nel suo appartamento torinese potrete incontrare: i suoi due bambini, piccoli saggi e buffissimi; il loro tato Simone, magari sul balcone intento a fumare (meglio non chiedersi che cosa); Sara, la migliore amica senza figli di Dora, stavolta alle prese con la decisione più difficile; il massimo del disordine che una donna nata alle nostre latitudini possa sopportare; un paio di nonni molto diversi da quelli delle pubblicità; un quadro con un pappagallo zampe all’aria, in grado di infondere pace a chi lo guarda; un sacco di ricordi felici sospesi nell’aria – quelli del tempo in cui il padre dei bambini, nonché compagno di Dora, abitava ancora in quella casa –, diversi angoli dove ristagna la malinconia per tutto ciò che invece non è stato o non sarà, e grandi finestre per lasciar entrare il sole. Zitti, se fate attenzione sentirete bussare alla porta! È un giovane vicino di casa, decisamente sexy a dirla tutta, ed è qui per Dora. Ma eccola che arriva, Dora, è appena sveglia e già sa che dovrà correre, e correre, sempre in ritardo su tutto, da vera “madre Gazzella”: due bambini, un lavoro, un mutuo e una separazione con cui fare i conti. La storia di questa giovane donna coraggiosa, anticonformista e piena di vita, e di tutto il mondo che la circonda, fa riflettere proprio perché prende forma in scene esilaranti o tenere, sempre profondamente sincere. Enrica Tesio sa giocare con le parole, come se non avesse mai perso un po’ dell’innocenza e del divertimento di quando era bambina e ogni giorno il mondo le appariva tutto nuovo. E costruisce un romanzo pieno di freschezza e di humour, la fotografia in movimento di una donna contemporanea, che “vorrebbe tutto” ma sorride di sé e degli altri e sa trovare la pazienza per costruirselo giorno dopo giorno. «Per quanto mi riguarda, sono della vecchia scuola di mia nonna: la felicità di un bambino si misura in dita di sporco lasciate nella vasca dopo il bagno serale. Più sporco, più felicità», dice Simone, il babysitter di Pietro e Micol. Ma qual è il metro con cui misurare la felicità di una donna, di una mamma? La verità, vi prego! Tra le pagine di questo libro forse la troverete, di certo sorriderete.

Immagine5

Recensioneùdi Sarinique

Se il libro mi è piaciuto? Sì.

Se lo consiglio a tutti? No. Non lo consiglio a tutti semplicemente perché credo che i romanzi d’amore con note un po’ patetiche, come La verità, vi spiego, sull’amore di Enrica Tesio, possano non essere apprezzati da chiunque. Questo libro lo immagino per eterni ed instancabili sognatori. Per coloro che, nonostante sappiano di sbagliare, continuano a farlo, finché hanno voglia, finché gli va, per poi tornare sulla retta via.

amiche che parlanoI dialoghi tra Dora e Sara sono battute di parole autentiche, che qualsiasi adolescente ha scambiato almeno una volta con la migliore amica. A volte sono dialoghi un po’ troppo diretti e volgari (anche facendo ricorso all’uso di parolacce non sempre necessarie) per essere riportati in un libro che potrà essere letto da chiunque, forse anche da ragazze che nella loro vita non hanno ancora affrontato certi temi. Altri invece, sono basati su argomenti che durano troppo a lungo, come ad esempio quello che riguarda la moda di come tagliarsi i peli pubici: qualche battuta in meno non avrebbe guastato.

La restante parte narrativa, invece, mi ha ricordato un po’ lo stream of consciousness di Virginia Woolf, solo che il flusso di pensiero di cui si arma la Tesio è più razionale, non arriva mai a perdere il controllo sui suoi personaggi.

mamma esaurita

In molti punti del libro si possono leggere infiniti elenchi di quello che Dora dovrà fare: prendere i bambini a scuola, portarli al parco, lavarli, cucinare la cena, metterli a letto, parlare con Sara… L’autrice ci fa entrare dentro la mente della protagonista e possiamo seguire come riordina le idee, come riesce a far combaciare quasi perfettamente tutto. Questo stile funziona, è conforme alla figura che l’autrice ha creato. Una donna divorziata che deve gestirsi tra due figli, un marito che l’ha abbandonata e che evidentemente non riesce a dimenticare, due genitori separati, i problemi della sua cara amica e deve occuparsi anche della sua di vita, quella che Dora ha paura di non poter più vivere solo perché è diventata mamma.

Un aspetto straordinario di questo libro è che la Tesio riesce a dare voce a pensieri che tutti noi ci portiamo dentro, ma che non siamo mai stati in grado di trasformare in parole. Quando parla dei suoi ricordi con Efrem, ad esempio, Dora torna indietro ad una sera nella quale aveva provato a lasciarlo, perché sospettava di una sua relazione con una cameriera, ma ad un suo “Vieni qui, baby” era tornata sua, nonostante tutto… Perché a venti anni si ha il tempo per sbagliare e per rimettere tutto apposto e questo Enrica Tesio lo sa bene, ecco perché lascia così tanto spazio di manovra alla sua Dora.

Non va poi sottovalutata la profonda cultura della scrittrice che si riscontra in molte pagine del suo libro, in cui cita Prévert, ma anche molti altri autori, varie teorie famose sulla psicologia e tanti musicisti e film storici.

Adesso, La verità, vi spiego, su questo libro: a tutte le mamme che temono di dover rinunciare alla propria vita perché hanno avuto dei figli, a tutte le ragazze che hanno rinunciato a credere nell’amore con il lieto fine, a tutte le migliori amiche che hanno paura di perdersi prima o poi, leggete questo libro per trovare la motivazione ad andare avanti e continuare a crederci, perché quello che immagino la scrittrice abbia velatamente voluto dire è che: “solo chi si ferma è perduto”.

Voto

 

 

 

enrica tesioEnrica Tesio 36 anni, torinese, due figli torinesi, due gatti, un mutuo, un lavoro in un’agenzia di pubblicità e un blog: “Tiasmo”, che nel prossimo giugno compirà due anni ma cresce ogni giorno a vista d’occhio. A oggi è tra i primi blog a tema mammesco in Italia, con picchi di 150.000 lettori per post. Tutto questo continua per lei ad avere dell’incredibile.

Facebook-iconBlogger-icon

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi