“L’amore e altri guai” di Prisca Turazzi

LGBT Love is Love

L’amore e altri guai

di Prisca Turazzi

 

l'amore e altri guaiTitolo: L’amore e altri guai
Autore: Prisca Turazzi
Serie: //
Edito da: Milena Edizioni
Prezzo: 10.00 €
Genere: M/M romance
Pagine: 144 p.

anobii-icon Good-Reads-icon amazon-icon

Trama: Quando Filippo chiede all’amico Francesco di spiegargli cosa si prova ad essere gay, è difficile per lui capire se la sua sia una semplice curiosità o stia diventando un intenso coinvolgimento. Il loro legame degenera fino al punto in cui Filippo sparisce, forse per sempre, o almeno così crede Francesco che, tornando a Milano, si ritrova l’amico come coinquilino. Francesco e Filippo diventano, così, complici di un tango in cui si incontreranno e si scontreranno, sullo sfondo di una poliedrica Milano, che racchiude al contempo realtà gay friendly e omofobe. Un cast formato da poche personalità uniche e fortemente delineate cercherà di guidarli in questo difficile percorso: dallo psicoterapeuta Michele, al cugino sordomuto Raffaele, all’eccentrica amica Elisabetta. Un racconto fresco che racchiude un caleidoscopio di emozioni e immagini, vissuto dai protagonisti in viaggio alla scoperta di se stessi.

Immagine5

Recensioneùdi CriCra

Avete presente quando si dice che nella botte piccola c’è il vino buono? Ebbene, questo si può paragonare a quei bei libri che vengono da piccole case editrici, e questo è il caso di ‘L’amore e altri guai’ scritto da Prisca Turazzi edito dalla Milena Edizioni.

Siamo nell’odierna Milano. Protagonisti di questo romanzo M/M sono Francesco e Filippo, una coppia di amici in cui quest’ultimo, una sera, mette alla prova se stesso e le sue sensazioni nei confronti dell’altro dicendo di volersi “documentare” e… da qui iniziano i guai di cuore per entrambi.

Senza indugio vi dico che fin da subito la mia simpatia è andata per la maggior parte a Francesco il quale, ben sapendo chi è e orgoglioso di esserlo, avendo fatto coming out da tempo ormai, non si tira indietro davanti alla “curiosità”, indecisione e/o voglia di scoprire, dell’amico.

«Non voglio metterti in una posizione scomoda. Quindi, penso sarebbe meglio rimanere amici. Come al solito. Se vuoi.» Francesco sospira e annuisce. Sorrido, a disagio. Quello che evita la posizione scomoda sono io. Non mi va di ammetterlo, però. Voglio tornare a casa. Mi alzo e comincio a vestirmi. Lui mi lascia fare. Anche quando mi accompagna alla porta, mi saluta soltanto. Afferro la tracolla e me ne vado. È tutto ciò che posso fare, per ora.

webwriterIl loro incontro, dopo qualche mese dal “fattaccio”, li metterà l’uno di fronte all’altro, sotto una luce vecchia ma parallelamente nuova e diversa, in cui dovranno trovare modo di rimediare alle incomprensioni e alle divergenze che li hanno fatti allontanare.

Filippo: scontento, confuso, indeciso, arrabbiato e deluso da se stesso. Francesco: risoluto, tentennante, a volte impacciato, confuso e deluso come e per colpa dell’altro, perché non capisce come e dove questa storia andrà a finire, al pari di Filippo stesso.

Una storia ‘celata’ che sembra lasciare libero spazio all’intuito del lettore per capirne il senso e i vari collegamenti anche perché, seppure le voci narrative si alternino da uno all’altro, non viene segnalato all’inizio di ogni capitolo di chi sia tale pensiero in tale momento. Tutto si scopre man mano che le parole vanno avanti. La carenza di dettagli e descrizioni di tipo ambientali non disturba affatto poiché si capisce chiaramente che la storia è basata semplicemente sul rapporto tra i due ragazzi; un rapporto sull’amicizia e su un sentimento che nasce, cresce, si scontra, cade e si rialza nuovamente su basi più solide proprio come fa un fuoco morente sotto le ceneri, pronto a riardere intensamente se alimentato da altro ossigeno.

Introspettivo, specie dal punto di vista di Filippo il quale, essendo il più incerto tra i due sulla propria identità interiore, sarà quello che affronterà le maggiori difficoltà per trovare capi saldi nella sua vita.

“Mi chiedo se stia prendendo in giro entrambi. Lui e io, non so se sia giusto così. Avrei dovuto lasciar perdere. Fregarmene, come tutte le persone normali, e fingere di stare bene così, senza particolari esigenze. Forse nei recessi della mia coscienza avrei sempre saputo di quel qualcosa, di quel piccolo mondo di certezze distrutto, e lo avrei ignorato. Scorro con lo sguardo le ultime battute del testo, senza leggerle. Andare avanti, sembrava il concetto base. Andare avanti e mai fermarsi a pensare a quello che non va. Riporto le mani sulla tastiera. Andare avanti. Devo solo andare avanti.”

La copertina è dolcissima e per chi leggerà il libro, troverà facilmente l’inerenza ai due personaggi, il vizio del fumo di Francesco e la passione per la scrittura di Filippo. Semplice e complicato allo stesso tempo, ma con un bel lieto fine che fa sospirare e accontenta tutti i cuori romantici. Buona lettura a tutti!

Voto

 

 

Immagine5

prisca turazziPRISCA TURAZZI ha partecipato in alcune antologie autoprodotte. Nel 2012 ha partecipato all’antologia 365 storie d’amore, edita da Delos Books e curata da Franco Forte; in seguito, il racconto La Cura è stato selezionato per il Terzo Almanacco di Lettere Animate Editore. Nel maggio 2014 partecipa con Fear Online all’antologia Asylum100, edita da ST-Books, e nell’agosto dello stesso anno esce il racconto “Guardami” nell’antologia gratuita “Crescere Insieme” promossa da The Bibliophile Girl. Nel luglio 2013 ha pubblicato sotto lo pseudonimo di Nadia Arabeschi il romanzo Breaking Destiny, edito da ePubblica. Nell’ottobre dello stesso anno ha esordito con il titolo Hernest, edito da Alcheringa Edizioni. Nel 2014 ha autopubblicato su Amazon il racconto Pidgin ed esce il romanzo L’amore e altri guai, edito da Milena Edizioni.

Goodreads_iconFacebook-iconBlogger-iconTwitter-icon

 

Lascia un commento

0 risposte a ““L’amore e altri guai” di Prisca Turazzi”

  1. […] 19 settembre 2014 – Sognando Leggendo […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi