L’anno di ferro di Cassandra Clare e Holly Black [Magisterium #1]

Magisterium. L’anno di ferro

Serie Magisterium

di Cassandra Clare e Holly Black

 

Titolo: Magisterium. L’anno di ferro
Autore: Cassandra Clare e Holly Black
Traduttore: B. Masini
Serie: Serie Magisterium #1
Edito da: Mondadori (Collana I Grandi)
Prezzo: 14,45 € / ebook 6,99 €
Genere: Fantasy, YA, Magia, Young Adult
Pagine: 481 p.

anobii-icon Good-Reads-icon amazon-icon

Trama: Quando raggiunge la grotta in cima al ghiacciaio, Alastair capisce subito che il Nemico l’ha preceduto. Sua moglie Sarah è stata uccisa, come gli altri maghi lì rifugiati. Solo il debole vagito di un neonato lo rincuora: suo figlio Callum, seminascosto accanto al cadavere della madre, è ancora vivo. Ma quando Alastair lo prende fra le braccia, le terribili parole incise nel ghiaccio da Sarah prima di morire lo fanno inorridire… Dodici anni dopo, quando Call viene ammesso al Magisterium, la prestigiosa accademia riservata ai ragazzi dotati di talento magico, suo padre è contrario: sin dalla più tenera età ha insegnato al figlio a diffidare della magia. E ora Rufus, il magister più anziano della scuola, lo ha ammesso all’Anno di Ferro, il primo del Magisterium. Call non può sottrarsi al suo destino. La magia scorre, in certe famiglie. Ma sul destino di Call incombe fin dalla nascita l’artiglio del Nemico.

Serie Magisterium: 
1. Magisterium. L’anno di ferro (The Iron Trial)
2. The Copper Gauntlet
3. The Cosmos Blade
4. The Golden Boy
5. The Enemy of Death

Cliccare sui titoli per leggere le altre recensioni pubblicate.

Immagine5

Recensioneùdi Iku88

Magisterium non è stato un libro facile da leggere.

Dal punto di vista della forma è scorrevole, piacevole alla lettura, corretto e perfettamente comprensibile, eccetto che per una cosa: le descrizioni.

i cinque principi della magiaSe durante la lettura cercavo di immaginarmi luoghi e azioni, come le magie di cui il libro è pieno, mi ritrovavo con la mente piena di scene scarne e poco chiare. Gli ambienti sono appena accennati, dettaglio non trascurabile dato che quasi tutto il libro si svolge in una scuola sotterranea composta dagli ambienti più improbabili ed originali. Mentre leggevo riuscivo ad intravedere le cose ma non a percepirne l’atmosfera come dovrebbero fare le buone descrizioni. Anche alcuni degli animali magici che vengono descritti soffrono di queste mancanze.

I personaggi, tuttavia, sono caratterizzati in maniera eccellente attraverso le loro azioni: ognuno di loro ha una personalità interessante e non intuitiva, tanto da rendere difficile inquadrarli subito. Li ho trovati tutti convincenti tranne Magister Rufus, il maestro dei tre protagonisti, che nonostante l’importanza fa delle comparse abbastanza sporadiche agendo talvolta in maniera incomprensibile.

Immagino che Magisterium non sia stato nemmeno un libro così facile da scrivere, dato che le autrici hanno dovuto lavorare tutto il tempo nel territorio del più famoso Harry Potter. Molti lettori hanno infatti collegato a più riprese queste due saghe, in maniera talvolta anche impietosa.

Naturalmente parliamo di una scuola di magia, che come tale ha caratteristiche dalle quali non si può esulare: maestri, compagni di classe più o meno simpatici e più o meno abili, oggetti incantati e ambienti non convenzionali. Lo schema non può che essere lo stesso, specie perché stiamo sempre parlando dell’eterna lotta tra Bene e Male.

Nonostante questo va detto che la trama di base è intrigante e ben costruita e ha poco a che fare con Harry Potter: le due autrici hanno preso molti degli stereotipi dei personaggi delle saghe che abbiamo conosciuto e amato e li hanno completamente rimescolati e rigirati.

Alcuni elementi non mi sono troppo chiari: il personaggio di Groviglio, ad esempio, che ad un certo punto scompare dopo un’azione clamorosissima, la gestione delle lezioni, che vengono spiegate solo quando fa comodo alla trama e trascurate per il resto del tempo e l’uso stesso della magia, che a volte sembra semplicemente accadere indipendentemente dai protagonisti.

C’è più di un colpo di scena, in questo libro, più di un segreto intrigante per il quale mi sono leccata i baffi. Aspettavo da tempo una storia il cui protagonista avesse determinate caratteristiche (che mi piacerebbe molto poter rivelare ma si tratta di uno spoiler decisamente decisivo) e non vedo l’ora di vedere come verrà gestita questa situazione nel prossimo volume.

Voto

 

4Astelle.png

 

Immagine5

Cassandra Clare, (Teheran, 31 luglio 1973) è una scrittrice statunitense. Il suo, in realtà, è uno pseudonimo. La scrittrice è famosa per via della trilogia Shadowhunters (titolo originale in inglese The mortal instruments). Nata a Teheran da genitori statunitensi, trascorse la sua infanzia in giro per il mondo visitando Francia, Inghilterra e Svizzera. Stabilitasi negli USA, completò qui gli studi e lavorò come giornalista (prima a Los Angeles e poi a New York) dove iniziò anche i suoi primi lavori. Nel 2004 iniziò a scrivere la sua trilogia nei caffè e nei ristoranti per non farsi distrarre dai suoi gatti.

Holly blackHolly Blackè tra gli autori bestseller del New York Times, ha esordito nel 2002 e da allora ha pubblicato numerosi romanzi. È autrice, insieme a Tony Di Terlizzi, della saga Le cronache di Spiderwick, da cui è anche stato tratto un film. Vive in Massachusetts con il marito Theo, in una casa con una biblioteca segreta.

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi