Le cose che sai di me di Clara Sanchez

Le cose che sai di me

di Clara Sanchez

autrice

Teresa Gammauta

Clara Sanchez ha raggiunto la fama mondiale con il bestseller Il profumo delle foglie di limone, in cima alle classifiche di vendita per oltre due anni. Con Garzanti ha pubblicato anche La voce invisibile del vento e Entra nella mia vita. È l’unica scrittrice ad aver vinto i tre più importanti premi letterari spagnoli: il premio Alfaguara nel 2000, il premio Nadal nel 2010 e il premio Planeta nel 2013 con Le cose che sai di me.

datilibro

Titolo:Le cose che sai di me
Autore: Clara Sanchez
Serie: //
Edito da: Garzanti
Prezzo: 18,60 €
Genere: Narrativa
Pagine: 319 p.
Voto: http://i249.photobucket.com/albums/gg203/nasreen4444/SognandoLeggendo/2Astelle.png

Trama: Il piccolo pezzo di cielo che si intravede dal finestrino è di un azzurro intenso. Patricia è sull’aereo che la sta riportando a casa, a Madrid. All’improvviso la sconosciuta che le è seduta accanto le dice una cosa che la sconvolge: “Qualcuno vuole la tua morte”. Patricia è colpita da quella rivelazione, ma poi ripensa alla sua vita e si tranquillizza: a ventisei anni è realizzata, felicemente sposata e con un lavoro che la porta a girare il mondo. Niente può turbare la sua serenità. È sicura che quella donna, che dice di riconoscere le vibrazioni emanate dalle persone, si sbaglia. Eppure a Patricia, tornata alla routine di sempre, iniziano a succedere banali imprevisti che giorno dopo giorno si trasformano in piccoli incidenti. Incidenti che stravolgono le sue abitudini e il suo lavoro. Non può fare a meno di ripensare alla donna dell’aereo e alle sue parole. Parole che a poco a poco minano le sue certezze. Vuole sapere se è davvero in pericolo. Vuole scoprire chi desidera farle del male, e quando il sospetto cresce dentro di lei, inizia a guardarsi intorno con occhi diversi, dubitando delle persone che ha vicino. Sente che tutto il suo mondo sta crollando pezzo dopo pezzo, ma deve trovare il coraggio di resistere: la minaccia è più vicina di quanto immaginasse. Però deve essere pronta a mettere in discussione tutta la sua vita, a leggere dentro se stessa. Perché anche la felicità ha le sue ombre.

Recensioneùdi Debora

Non è facile smettere di amare. L’amore è una malattia piena di indegnità e codardia.

Da cosa posso partire per spiegare perché questo libro per me è stato assolutamente deludente? Possiamo già cominciare dalla trama, che da quanto possiamo leggere sembrerebbe promettere una introspezione psicologica della protagonista, la quale poco a poco perde le sue certezze. Questo è stato il primo punto che mi ha deluso, perché, è vero, c’è un certo evolvere della personalità di Patricia, ma non ho apprezzato come l’autrice ha reso questi cambiamenti. Si coglie leggermente la frenesia della vita di una donna di successo, che apparentemente ha tutto, ma poi? Si coglie come una donna così non riesca a fermarsi un attimo a pensare.
Dopo l’incontro con la misteriosa vecchina sull’aereo, non fa che cercare il male attorno a lei, che guarda caso a suo parere si trova sempre nelle donne che le circolano vicino. Lei è bella, ricca, fa la modella… insomma all’apparenza ha tutto e tutte le altre donne secondo lei dovrebbero invidiarla e quindi ucciderla. Manie di grandezza si! Non mi è  affatto piaciuto il modo in cui l’autrice dipinge queste rivalità, questo sospetto che circola tra le donne.
Inoltre in questo romanzo la sola figura di rilievo che incontriamo è Patricia; vi sono altri personaggi, importanti per l’intreccio della storia, ma nessuno arriverà ad assumere all’occhio del lettore, a mio parere, una certa importanza. La stessa vecchina, Viviana, è dipinta in modo misterioso solo nelle prime pagine ma poi perde tutto il suo essere mano a mano che ci si addentra nella storia. È come se l’autrice ci abbia accontentato dandoci una bella e misteriosa descrizione fisica all’inizio e poi non abbia continuato a lavorare su alcune particolarità lungo tutto il romanzo. Butta lì, quasi alla rinfusa, alcuni aneddoti sul passato della donna, senza capo né coda, senza dargli un significato più profondo. Senza emozionare.
È tutto piatto dall’inizio alla fine. Senza un po’ di suspance. Ti chiedi sempre se accadrà qualcosa che ti farà sospirare o arrabbiare o ridere. Eppure El Mundo promette:

Clara Sanchez è una maestra nel descrivere la linea sottile che divide la verità dal mistero. Le cose che sai di me è il suo capolavoro.

Cade quasi nel ridicolo e nell’assurdo a spacciare per misterioso questo libro. Non riesce a far credere al lettore che possa esistere davvero una forza maligna, che si insinua in noi solo perché una “veggente” ci rivela un fatto che ci potrebbe succedere in futuro.

Una delle poche cose positive è che i capitoli brevi aiutano ed invogliano ad andare avanti. Insomma, un libro di successo nel suo paese ma che ha già deluso molti amanti della Sanchez.

 

Lascia un commento

0 risposte a “Le cose che sai di me di Clara Sanchez”

  1. […] NUMEROSI! Qui la recensione di Sognando Leggendo al libro: Le cose che sai di me CriCra (873 […]

Rispondi a SognandoLeggend Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi