Le Cronache dell’ Accademia di Cassandra Clare

Le Cronache dell’Accademia

Shadowhunters

di Cassandra Clare

TitoloLe Cronache dell’Accademia
Autore: Cassandra Clare, Sarah R. Brennan, Maureen Johnson e Robin Wasserman
Serie: Shadowhunters
Edito da: Mondadori || Collana: Chrysalide
Genere: Paranormal Romance
Pagine: 648 p. || Prezzo: 19,90 € cartaceo || Formato: 10 ebook – 1 cartaceo

Trama dell’editore: “Era voluto entrare in Accademia per diventare uno Shadowhunter, sapere di più sulla propria vita e recuperare tutto ciò che aveva perso, diventare una persona più forte, migliore.” Dopo quanto è accaduto nella Città del fuoco celeste, Simon Lewis – che è stato prima umano e poi vampiro – ha perso tutti i suoi ricordi e non sa più chi è veramente. Sa per certo di essere amico di Clary e anche di aver convinto la bellissima Isabelle Lightwood a uscire con lui, ma non ha memoria di come ci sia riuscito. E quando si rende conto che le due ragazze, ma non solo loro, iniziano ad aspettarsi da lui che si comporti come farebbe il ragazzo che conoscevano tanto bene, la situazione diventa insostenibile. Decide perciò di entrare nell’Accademia Shadowhunters e iniziare l’apprendistato per diventare un cacciatore di demoni. Forse, spera Simon, in questo modo riuscirà a ritrovare se stesso, qualunque cosa questo significhi.

Curiosità su questo libro: Le cronache dell’Accademia Shadowhunters raccoglie per la prima volta in un solo volume tutte le tappe dell’impegnativo apprendistato da Shadowhunter di uno dei personaggi più amati di “The Mortal Instruments”. I dieci racconti, scaturiti dalla penna di Cassandra Clare, Sarah Rees Brennan, Maureen Johnson e Robin Wasserman, pubblicati originariamente in e-book, sono arricchiti dalle splendide illustrazioni di Cassandra Jean, già nota e amata dai fan della serie.

Le Cronache dell’Accademia Shadowhunters:

1. Benvenuti in Accademia
2. L’Herondale scomparso
3. Il demone di Whitechapel
4. Soltanto Ombre
5. Il Male che abbiamo
6. Pallidi Re, Guerrieri e Principi
7. Dove si ignora vecchiaia e amarezza
8. La prova del Fuoco
9. Nascono alcuni ad infinita notte
10. Angeli che due volte discesero

Clicca sui titoli per leggere le altre recensioni dei libri della serie.

Recensioneù

di Arybook

Non vedevo l’ora di iniziare questi dieci racconti… ero davvero curiosa di sapere cosa si sarebbe inventata la Cassie, per descrivere la storia dell’ascensione di Simon, e per continuare a farci sognare con i nostri cacciatori di demoni preferiti.

Attenzione!! Spoiler per chi non ha finito la serie “The Mortal Instrument”

Per poter continuare a descrivere ciò che penso e ciò che ho provato per questo libro, devo fare un piccolo passo indietro e tornare alla fine di “Shadowhunters Città del fuoco celeste“, esattamente a quando il padre di Magnus ruba ogni ricordo del mondo delle ombre a Simon (lacrime, pianti e disperazione si sono impadroniti di me 😥 ), e ci sono rimasta davvero male. Mi chiedevo, com’è possibile eliminare uno dei personaggi principali, e sempre presente al fianco di Clary?? Ma poi, la nostra Cassie s’è inventata il colpo di genio, ed eccolo qui, dieci interi racconti solo sull’ex Diurno, con qualche comparsa degli altri ragazzi, in modo da non farci del tutto dimenticare con chi abbiamo a che fare.

Benvenuti in Accademia“, ecco il primo titolo delle Cronache, anche se sembra che “benvenuto” non sia una parola che va bene per ogni ragazzo che si accinge ad iniziare l’anno, anzi, sono parecchi quelli che benvenuti non lo sono per nulla. Ma il nostro Simon non ci sta, e decide di combattere le ingiustizie che vede attorno a sé e impugnare lo scettro dell’eroe, nonostante nessuno perda occasione di rammentargli che le gesta che lui ha compiuto non le ricorda più. Nel secondo racconto Simon scopre che la cosa peggiore che uno Shadowhunter possa fare è abbandonare i compagni in battaglia, e non ci sono scusanti di nessun genere, la pena è la morte, e se per caso tu sei “irreperibile”, se la prenderanno con chiunque tu abbia amato. Questo racconto parla di Tobias Herondale (il nostro Jace fa Herondale di cognome) e insegna in modo chiaro e inappellabile il motto “Dura lex, sed lex”, cioè la legge è dura ma è la legge. La terza e la quarta storia ci fanno scoprire ed approfondire le storie di Tessa, Will e Jem, protagonisti dello spin off “Shadowhunters: Le Origini”, ed aiutano Simon a comprendere meglio il passo che sta per fare.

Il quinto è, a parer mio, uno dei più importanti tra questi dieci racconti, in quanto l’autrice ci dimostra che quasi nessuno è immune al potere della popolarità, anche se sai che ciò che stai facendo è profondamente sbagliato. In queste pagine Cassandra Clare narra l’avvento del circolo di Valentine, ciò in cui lui credeva e l’ha portato ad essere ciò che sarebbe diventato, un despota ignaro del male che faceva alle persone a lui vicine.

“Cercavo di nuotare verso di te” gli spiegò Clary. “Eravamo a Central Park e tu sei stato risucchiato sottoterra. Come se ti stessero seppellendo vivo. E poi è arrivato Raphael, e io ero in moto con lui, abbiamo volato sopra il fiume e ti ho rivisto. Sono saltata giù…” Da dietro la sedia di Clary, Catarina annuiva. “Anch’io ho visto qualcosa del genere” fece Simon. “Non esattamente, ma… sì, insomma, più o meno. E ho trovato te. Che nuotavi verso di me. Poi rieccoci a…” “..a Central Park. Vicino alla fontana con l’angelo.” Anche Magnus si era unito al gruppo, mettendosi sdraiato su un divno. “La Bethesda Fountain. E’ possibile che gli Shadowhunters c’entrino qualcosa con la sua costruzione. Dico per dire, eh.” “Cosa significa tutta questa storia? Perché?” volle sapere Simon. “Voi due siete diversi” gli rispose Magnus “Ci sono cose, nella vostra storia, per cui… bisognava procedere in maniera diversa. Tanto per cominciare, a entrambi sono stati bloccati dei ricordi. Clary ha un’insolita quantità di sangue angelico. E tu, Simon, eri un vampiro.”

Nei due episodi successivi, Simon si rende conto della ferita lasciata dalla Guerra oscura nel cuore di tutti gli Shadowhunters e delle ripercussioni che ricadono su chi ha deciso di restare nonostante sia mezzo Shadowhunter e mezza fata, ma non può e non vuole permettersi di abbandonare una famiglia che li ha sempre amati e in cui credono (le tristi storie di Mark e Helen Blackthorn).

Ed eccoci arrivati alla mia avventura preferita, “La prova del Fuoco” dove Simon e Clary scopriranno l’enorme entità del loro rapporto (non scrivo altro per lasciarvelo godere come ho fatto io 😉 )

Il nono capitolo di quest’emozionante saga invece riunisce, finalmente, tutta la squadra al gran completo, d’altronde quale occasione migliore se non l’arrivo di un piccolo bimbo? Ma non voglio svelarvi chi sono i genitori, tra le tante coppie a disposizione c’è l’imbarazzo della scelta…

Ed ecco l’ultimo, la grande Ascensione sta attendendo Simon e la sua classe, sia di Shadowhunters di sangue che di mondani… In quanti riusciranno a sopravvivere?

Io adoro Cassandra Clare!! Mi piace il suo modo di scrivere, semplice e coinvolgente, mi sembra davvero di vivere le storie che lei scrive, di esserci nel primo bacio di Jace & Clary, di provare la delusione di Simon, di essere invincibile come Isabelle o indeciso come Alec, lascio fuori Magnus da queste descrizioni, perché nessuno è magnifico quanto lui!! 😀

Secondo me, con questi dieci racconti ha dato semplicemente la prova finale di quanto le piaccia scrivere e sia molto brava. Una cosa che ho apprezzato parecchio della sua scrittura è il non tralasciare niente e nessuno, finito una saga, non ti viene da chiederti: “Ma che fine ha fatto? Ma che succede dopo?”, porta a compimento esattamente ciò che ci si aspetta, anche se dopo crea degli spin off che ti fanno sognare ancora con i nostri cacciatori di demoni… (nel caso non l’abbiate capito, stiamo parlando della mia serie preferita in assoluto!!)

Apprezzo anche il fatto che scriva storie in cui c’è un ottimo mix di romanticismo e fantasy, con un pizzico di soprannaturale tutto in perfetto equilibrio, al punto che non ti stanchi di leggere, ma sia completo d’imprevisti e colpi di scena inaspettati.

Cassie è davvero un portento e non c’è nulla che mi rilassi di più al mondo che potermi sedere con un suo bel libro e viaggiare nel suo mondo fantastico.

Abbiamo votato questo romanzo:

CASSANDRA CLARE, è nata a Teheran e ha vissuto i primi anni della sua vita in giro per il mondo con la famiglia, trascinandosi sempre dietro bauli di libri. Dopo aver lavorato come giornalista tra Los Angeles e New York, ora si è fermata a Brooklyn dove, per non farsi distrarre dai suoi gatti e dalla TV, scrive i suoi libri nei bar e nei ristoranti.

 

∼ Posted by Arybook
Edited by CriCra

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi