Legend by Marie Lu

Marie Lu è un art director presso Online Alchemy, una compagnia di videogame, ed è la titolare di una azienda, la Fuzz Academy. Attualmente vive a Los Angeles.

Sito dell’autricehttp://www.marielu.org/

Serie Legend:

– Legend
Prodigy, 2012

Quelli che una volta erano gli Stati Uniti occidentali sono ora diventati la Repubblica, una nazione in guerra perenne con i suoi vicini. Nata in una famiglia privilegiata in uno dei distretti più ricchi della Repubblica, la quindicenne June è una ragazza prodigio destinata al successo nei circoli più alti del corpo militare della Repubblica. Nato in uno dei quartieri più poveri, Day è il criminale più ricercato della Repubblica, ma i suoi motivi non sono così cattivi come sembrano.

Venendo da mondi così diversi, Day e June non hanno motivo di far incrociare i loro destini, fino al giorno in cui il fratello di June, Metia, viene ucciso e Day diventa il principale sospettato. In una caccia tra gatto e topo, Day deve combattere per la sopravvivenza della sua famiglia, mentre June cerca di vendicare la morte di Metias. Tuttavia, uno scioccante cambiamento della situazione fa scoprire ai due il motivo per cui si sono incontrati e capiranno fino a che punto la loro nazione è disposta a spingersi per mantenere dei segreti. 

“Each day means a new twenty-four hours. Each day means everything’s possible again. You live in the moment, you die in the moment, you take it all one day at a time… You try to walk in the light.”  (Day)

Non è un segreto che i distopici siano libri che mi hanno sempre affascinato, perciò non mi sono lasciata sfuggire Legend, altra serie young adult ambientata in un futuro dove vige un governo dittatoriale, chiamato la Repubblica, in lotta contro le vicine Colonie, che indirizza i bambini fin dalla più tenera età verso carriere predestinate. Gli abitanti, specie quelli più poveri, devono anche fare i conti con la Piaga, una malattia per cui la Repubblica sostiene di star creando un vaccino ma che per il momento risulta mortale.

La storia è narrata dal doppio punto di vista di June, giovanissima ragazza nonché studentessa dalle capacità straordinarie, predestinata a grandi cose ma con una spiccata propensione a mettersi nei guai e poco incline a rispettare le regole, e Day, il criminale più ricercato della Repubblica, che altro non è che un ragazzino agile e intraprendete, che non crede a tutto ciò che gli viene detto.

Day è ritenuto il responsabile della morte di Metias, il fratello soldato di June, e la caccia per prenderlo si fa serrata. June giura di vendicare la morte del fratello e pianifica una strategia che le permette di incontrarlo sotto mentite spoglie. Tuttavia, la ragazza si rende presto conto che non tutto quello che si dice su Day corrisponde a realtà, perché scopre un ragazzo gentile, premuroso, attaccato alla famiglia e pronto a tutto per le persone a cui vuole bene. Cominciano così a sorgere in lei dei dubbi e ben presto scoprirà che la Repubblica sembra aver mentito su molte cose.

La storia si svolge in maniera rapida e piena di colpi di scena, specie nella parte finale, e ben presto ci si appassiona alle vicende dei due ragazzi. Ho particolarmente apprezzato il fatto di avere due punti di vista diversi, anche se le voci narrative di June e Day tendono a essere fin troppo simili. June è testarda, imbottita di nozioni che la Repubblica le ha inculcato fin da piccola, ma è anche intelligente e si dimostrerà in grado di pensare con la propria testa. Day è fedele, sicuro di sé e coraggioso, con una vena di dolcezza non troppo nascosta, oltre che un ragazzo molto riflessivo (bellissimo il motivo per cui ha scelto Day, giorno, come suo soprannome. Date un’occhiata alla citazione iniziale). Due protagonisti contrapposti dal loro diverso passato e accomunati dall’attrazione che cresce tra loro. La storia lascia aperti molti interrogativi, specie riguardo alla Piaga, la misteriosa malattia, e alle Colonie, nemiche giurate della Repubblica, e spero vivamente di scoprirne di più in Prodigy.

Nel complesso devo dire che mi è proprio piaciuto, specialmente per gli spunti di riflessione, che nei libri distopici non mancano mai: come sarà il futuro? Cosa accadrà se si portano all’estremo certi comportamenti e atteggiamenti? Domande che dovremmo porci più spesso. È bello vedere che nei libri per ragazzi non ci sono solo ragazze innamorate e storielle leggere!  Lo consiglio sicuramente a chi ama il genere.

                                                                                                           Voto:

 

Scheda Tecnica Libro

Titolo: Legend
Autore: Marie Lu
Serie: Legend
Edito da: Putnam Juvenile
Prezzo: 9,22 euro
Genere: young adult, distopico
Pagine: 304 pag.
Data uscita: novembre 2011
    

Lascia un commento

Una replica a “Legend by Marie Lu”

  1. Francicat ha detto:

    Bellissimo! Uno dei libri che ho in wishlist da un po' e che desidero davvero leggere. Adoro anch'io i distopici e, per quanto in Italia ne stiano pubblicando parecchi, in realtà ce ne sono davvero tantissimi altri che vorrei venissero importati:) Complimenti per la recensione, chiara ed esaustiva..:)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi