L’incontro con Cassandra Clare a Firenze 26.10.13

artvari

Cassandra Clare a Firenze

Noi di SognandoLeggendo c’eravamo!

Salve lettori di Sognando Leggendo, questa volta non recensirò un libro ma voglio raccontarvi dell’incontro avvenuto sabato 26 ottobre 2013 alle 18:30 alla libreria IBS di Firenze con una delle mie scrittrici preferite, Cassandra Clare.

Tutto ha inizio due settimane fa quando, per puro caso, leggo che sarebbe venuta in Italia; presa dall’emozione, nonostante non sia più una ragazzina, non appena trovo la conferma dell’evento, prenoto immediatamente i biglietti per andare a Firenze.
L’unico problema è stata la mia poca furbizia, e immagino vi starete chiedendo il perché. Perché sono arrivata alle sei avendo letto che era un “Signing” e il mio pensiero è stato: “Visto che non farà una presentazione riuscirò sicuramente a prendere il treno di ritorno con la sua firma sui miei libri”

Errore! Un enorme e grossissimo errore!

Se non eravate presenti non potete capire la mia confusione quando arrivata davanti alla libreria ho visto una coda enorme, che sembrava persino infinita. Sinceramente non immaginavo che ci fosse tanta gente.
Mi sono stupita perché è raro che in Italia una scrittrice attiri un tale seguito, ed è bello vedere quanto una generazione accusata di leggere poco o nulla invece abbia partecipato con entusiasmo alla cosa, mettendosi in coda dalle prime ore del mattino.
Stiamo parlando di una libreria talmente piena e stracolma di gente che non riusciva a entrare nessuno, nemmeno gli eventuali clienti che provavano a entrare di fronte a quella marea di gente!
Stiamo parlando di ragazze che sono entrate dentro la libreria alle nove del mattino a cui i gestori hanno dato il permesso di restare solo per incontrare la donna che ha dato il via al fenomeno Shadowshunters.
Per farvi rendere l’idea c’era talmente tanta gente che i passanti si chiedevano chi fosse presente dentro la libreria, assolutamente sconcertati dalla cosa; più volte mi è capitato di dover rispondere a quella domanda e ovviamente provate a immaginare le loro facce quando realizzavano che tutta quella folla era lì per incontrare una persona che loro non sapevano nemmeno che esistesse. Vi assicuro che era esilarante.

Grazie al contributo del sito www.shadowshunters.it posso farvi un breve resoconto di quanto successo all’interno della libreria, grazie al video che hanno postato sulla loro pagina facebook. Io purtroppo, ed è un vero peccato di fronte alla possibilità di essere scelta per una domanda da fare a Cassandra –e credetemi ne avrei molte-, sono arrivata troppo tardi e non ho potuto assistere.
Cassandra Clare è stata talmente gentile da leggere una pagina di City of Heavenly Fire che ha dichiarato di avere concluso nella settimana che ha trascorso nel nostro Paese.
Quando ho sentito che finalmente l’attesa per l’ultimo libro dedicato a Jace e Clary si sta facendo sempre più breve mi è preso un colpo, non immagino se fossi stata dentro!

La risposta alla domanda posta sulle reazioni che ha alla morte dei suoi personaggi e alla possibile carneficina del capitolo conclusivo però mi ha preoccupato: “Il libro è fatto, niente si cambia, chi è morto è morto e basta. Il fatto che ci sia la morte è importante perché un autore che scrive il proprio libro vuole che aiuti chi lo legge a capire il significato della vita e nella vita e nella realtà c’è anche la morte e tutti voi amate Alec perché temete che possa morire”.
Ora non so voi ma io tremo già all’idea di avere quel libro tra le mani, non so proprio cosa mi aspetta e, anche se la cosa mi preoccupa, sono sicura che ne varrà la pena come al solito.

Cari lettori, penserete che a un certo punto mi sia arresa. E invece no!
Con un colpo di fortuna sono riuscita ad entrare, a incontrarla, ad avere persino un autografo sul mio libro che custodirò gelosamente (visto cos’ho dovuto fare per conquistarmelo), e a parlare con lei quel tanto che basta a dirle che ho recensito i suoi ultimi lavori su questo sito. Non so come, a causa del mio inglese assolutamente pessimo, ma ha capito.

Vi assicuro è sempre un emozione trovarsi di fronte a chi con la propria fantasia ha creato un mondo in cui trascinarci dentro, sono momenti veramente unici per chi come me ama leggere, una cosa che auguro a ogni singolo lettore.

Ho voluto condividere le mie emozioni con voi per spingervi a incontrare il proprio autore preferito se ne avrete mai l’occasione. È un treno che non capita spesso ed è assolutamente da non perdere!

Infine, devo fare un ulteriore ringraziamento al sito www.shadowshunters.it per avermi concesso il permesso di usare le foto presenti in questo articolo.

 

by Luce84

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi