Lupus Occulta. La femmina Alpha di Morgan Cavendish & Lyanna Wolfe

Lupus Occulta.
La Femmina Alpha 

Serie: Lupus Occulta #1

di Morgan Cavendish & Lyanna Wolfe

 

Titolo: Lupus Occulta. La Femmina Alpha
Autore: Morgan Cavendish, Lyanna Wolfe
Serie: Lupus Occulta #1
Edito da: Self-Publishing
Prezzo: 14,98 (copertina flessibile) – 5,69 € ebook
Genere: Urban Fantasy
Pagine: 319 p.

anobii-icon Good-Reads-icon amazon-icon  

Trama: Grimwood, Pennsylvania. La vita di Sophie Bartok cambia drasticamente quando la ragazza risponde all’annuncio di lavoro messo da Maya Gale. Un giorno, infatti, alla libreria dove entrambe lavorano, si presenta il misterioso Damien Wilding in ricerca del “Lupus Occulta”, antico libro su miti e leggende licantropine. Quando l’uomo mette piede nel negozio, in lui scatta una scintilla così immediata e prepotente da risultare poco credibile. Tuttavia, la sua inspiegabile attrazione per Maya è autentica: lui è un lupo alpha e lei è destinata ad essere la sua compagna. Sophie, in bilico tra avvenimenti improvvisi e orribili che catapulteranno lei e la sua amica in una corsa frenetica per la sopravvivenza, potrebbe non essere solo una semplice pedina nella scacchiera di Gage, lupo enigmatico e ambiguo. Come se ciò non bastasse, mentre Samuel lotta per non perdere sua moglie e i cacciatori cercano di arrivare al Branco, un ulteriore pericolo, maggiore e imminente, si profila già all’orizzonte.

Serie Lupus Occulta

1. Lupus Occulta – La Femmina Alpha
2. Inedito
3. Inedito
4. Inedito

Immagine5

Recensioneùdi Sil.lav

Lupus Occulta è il primo libro di una quadrilogia scritta a quattro mani da 2 autrici italiane che si celano dietro ad intriganti pseudonimi. La trama e la copertina sono veramente accattivanti. L’argomento tratto non è sicuramente originale (chi non ha mai letto di licantropi o di compagne predestinate?), ma spesso è come viene raccontata una storia, che fa la differenza.

L’inizio, tuttavia, non è dei migliori, infatti, le prime pagine sono veramente ostiche. Il continuo cambio di scena con diversi passaggi temporali, mi hanno mandato un po’ in confusione. Non sono riuscita a sentirmi, da subito, coinvolta nella storia. Ho dovuto (cosa che non mi capita spesso) rileggere l’inizio, più di una volta. Volevo esser sicura di non perdermi nei passaggi successivi.

Gli eventi narrati hanno un forte impatto visivo (le scene sono molto ben descritte), ma a livello narrativo mancano di fluidità. Le situazioni risultano slegate tra loro. Come i pezzi di un puzzle, è compito del lettore trovare la giusta collocazione. Come stile narrativo non è sicuramente il mio preferito, ma mantiene vigile l’attenzione sul racconto.

Le protagoniste non potrebbero essere più diverse. Maya, risulta, una giovane donna anche troppo remissiva. Fin da piccola, è stata oppressa da genitori iper-protettivi. Spaventati da ogni comportamento anche lontanamente esuberante o spontaneo. Il desiderio d’allontanarsi dal loro amore soffocante la fa cadere, come si suole dire, dalla padella alla brace. Suo marito, Samuel – penso di avere una profonda avversione per quest’uomo – è descritto in maniere così meschina, gretta e vile (e potrei continuare all’infinito) da risultare odioso. L’incontro con Damien, un giovane licantropo, cambierà un po’ le cose, anche se non subito…

L’altra eroina presente è Sophie. Una persona vera e genuina. È grazie alla sua amicizia, che Maya riuscirà a estrapolare il suo vero io. Sarà l’elemento concreto, quando l’altra non saprà resistere all’attrazione del licantropo. La sua lealtà, è veramente ammirevole. Per aiutare e sostenere la sua amica, metterà in gioco la sua vita. Maya non mi è piaciuta molto, ma Sophie l’ho trovata molto ben tratteggiata, per nulla scontata. Un gran bel personaggio.

Sophie restò per qualche secondo senza sapere cosa rispondere, si morse le labbra incerta e lo guardò negli occhi. Lo trovava terribilmente attraente, anche se non capiva il perché considerando quanto ambiguo fosse l’altro. Aveva uno strano effetto su di lei e questo, si rese conto quasi subito, non andava bene – No! Che ti salta in testa… – esclamò poi distogliendo lo sguardo dal suo – Ero solo curiosa, tutto qui –
– Attenta Sophie… la curiosità uccise il gatto… – le sussurrò all’orecchio mentre con le labbra le sfiorava la guancia.

Il lupo alpha, Damien, è un altro personaggio che non mi ha particolarmente colpito. L’ho trovato troppo contradittorio. All’inizio, sembra provare un profondo fastidio per l’attrazione nei confronti di  Maya. Poi, magicamente è subito amore. Ho trovato questo cambiamento veramente repentino e un po’ forzato. Soprattutto, tenendo conto del suo sfortunato vissuto amoroso. Come personaggio magari migliorerà nei libri futuri.

Altra figura, che non sono sicura mi sia piaciuta, è Gage, cugino di Damien. Lui sicuramente è descritto splendidamente, ma non mi ha dato molta fiducia. Per questo, anche se stuzzica la mia curiosità, una parte di me è restia a fidarsi di questo lupo. Non so cosa aspettarmi da questo misterioso personaggio, in tutto il libro rimane ambiguo. Non sono chiari i suoi intenti. Questo mi fa essere cauta nel esprimere un giudizio positivo.

Lyle invece, contro ogni aspettativa, è un personaggio veramente carino. Lo trovi all’inizio soggiogato dallo spietato fratello maggiore Aiden. Nel corso della storia avrà un evoluzione importante, le sue sicurezze verranno minate alla base. E il sentimento che nascerà nei confronti di Sophie gli farà riconsiderare la sua vita.

Questi sono alcuni dei personaggi narrati. Tutto il libro è un susseguirsi di avvicendamenti. Non tutto ti viene spiegato, dopo tutto è solo il primo libro di quattro. Viene messa molte carne al fuoco, e si capisce che c’è ancora tanto da raccontare.

Un’ultima cosa, non so se definirla un pregio o un difetto, il racconto mi ha fatto tornare in mente, spesso, forse troppo per essere un caso, una recente serie tv. Di solito si dice che un profumo possa scatenare un ricordo, a me è successo leggendo questo libro. Sicuramente se vi piace una lettura dinamica, in cui non c’è niente di certo, questo libro fa per voi. Certo non manca qualche refuso e in alcuni momenti il libro non ha scorrevolezza, ma c’è un grande margine di miglioramento.

Voto

Immagine5

manuela castaldoMorgan Cavendish (pseudonimo di Manuela Castaldo), nasce a Roma nel 1978 ed è una writer web e graphic design. Ha inziato a dedicarsi alla scrittura fin dalla tenera età scrivendo brevi racconti e poesie. Incoraggiata successivamente da insegnanti e genitori, ha trasformato quello che era un hobby in un lavoro a tempo pieno collaborando come giornalista free lance per alcuni giornali locali prima e per case editrici importanti, quali Sprea Edizioni e Delos Book, subito dopo. Ha preso parte a svariati concorsi letterari tra cui il premio Lovecraft e ha continuato a scrivere fanfiction e racconti originali fino ad approdare, grazie alla collaborazione dell’amica Lyanna, alla realizzazione del suo primo romanzo.

Goodreads_iconFacebook-iconTumblr-iconTwitter-icon

francesca gotiLyanna Wolfe (pseudonimo Francesca Goti), nasce a Prato nel 1990, ha coltivato il suo amore per la scrittura fin da piccola dando prova della propria abilità narrativa scrivendo fanfictions ed esercitandosi in svariati Giochi di Ruolo testuali. Da sempre amante di tutto ciò che ha sfumature gotiche ed oscure, si è infine dedicata alla stesura di questo romanzo che, grazie all’attiva patecipazione dell’amica Morgan, ha preso lentamente forma diventando realtà.

Goodreads_iconFacebook-iconTumblr-iconTwitter-icon

Immagine5

 

 

 

Lascia un commento

Una replica a “Lupus Occulta. La femmina Alpha di Morgan Cavendish & Lyanna Wolfe”

  1. Sil.lav ha detto:

    Sono contenta che la recensione vi sia piaciuta, io ho apprezzato il vostro libro.
    Devo però dirvi, che la prima parte mi ha proprio generato un senso di confusione, dovuto al carosello di scene iniziali. Immagino, sia stata una scelta ponderata, ma personalmente, mi hanno impedito di calarmi nella storia. Lo trovavo più adatto a un film di suspense, piuttosto, che un libro. Sicuramente, ci sarà chi apprezza da subito questo stile, ma io tendo a non amarlo. Mi distrae, rendendomi difficoltosa la lettura. Non conoscendo ancora i personaggi, non ho il gancio per cogliere subito tutte le sfumature della storia, anche se “visivamente” ben descritte.
    Certamente non discuto il lavoro di ricerca svolto durante la stesura del libro, traspare dalle varie spiegazioni disseminate nel racconto.
    Inoltre, dici che ti piace l’Urban fantasy con sfumature di Thriller e Mistero,…be, sicuramente in questa storia sei riuscita perfettamente nel tuo intento. Questo è sicuramente un racconto Urban fantasy con massicce dosi di Thriller e Mistero; peccato, sebbene io ami il primo, gli altri due tendo a prenderli in piccole dosi. Disseminare tutto il libro d’indizi è sicuramente d’effetto, ti lascia sospeso sul filo del rasoio per tutta la storia. Personalmente, però, riesco a gestire bene un romanzo Urban Fantasy in più libri ma una storia di Thriller e Mistero meno.
    In un libro non amo particolarmente questo genere d’impostazione, ma sono consapevole che sia una mia opinione. Nell’evidenziare questa considerazione ho tenuto conto del fatto che in molti, invece, la amino. Nelle mie intenzioni speravo di invogliare alla lettura gli amanti della Suspense. Dalle tue parole, non sono sicura di aver raggiunto il mio intento, e mi spiace. Quello che io non ho apprezzato, può essere sicuramente un punto di forza per un altro lettore.
    Come ho comunque già detto il libro mi è piaciuto, nonostante queste considerazioni. Vi auguro di buona fortuna per tutta la saga.
    Sil.lav

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi