L’uragano di un batter d’ali di Sara Tessa

L’uragano di un batter d’ali

Serie “L’uragano di un batter d’ali”

di Sara Tessa

 

L'uraganoTitolo: L’uragano di un batter d’ali
Autore: Sara Tessa
Serie: L’uragano di un batter d’ali #1
Edito da: Newton Compton
Prezzo: cartaceo 9,90 €  // ebook 4,99 €
Genere: Romantico Erotico
Pagine: 352 p.

anobii-icon Good-Reads-icon amazon-icon

Trama: Quando torna a New York, dopo aver lasciato il Nevada, Sophie ha alle spalle una relazione fallita e tanta disillusione. Nella Grande Mela spera però di ricostruirsi una vita e di dare un taglio a certi rapporti che l’hanno segnata, ferita, umiliata. Ma l’incontro con l’affascinante e ricco Adam Scott, stimola come non mai la sensualità di Sophie, suscitando in lei emozioni contrastanti a cui vorrebbe opporsi.
Perché Adam è un uomo ambiguo, riluttante a qualsiasi legame sentimentale e abituato a sfogare i suoi più estremi istinti sessuali cambiando donna in continuazione. E Sophie ne è certa: sarà l’ennesima storia sbagliata. Eppure la sua volontà si piega, fino a cedere di fronte ai tentativi di seduzione di Adam. E tra i due si scatena una passione folle e senza limiti, fatta di amabili tormenti, conflitti aperti, brusche separazioni, crudeli vendette e dolcissimi ricongiungimenti… Lentamente e con tenacia, come una luce che penetra il buio, Sophie invade la solitudine di Adam, rendendolo vulnerabile dopo tanto tempo, ma finalmente vivo. Perché solo un amore tanto potente può costringere anche il più disincantato e cinico degli uomini a superare i propri limiti…

Serie L’uragano di un batter d’ali:

1. L’uragano di un batter d’ali
2. Il silenzio di un batter d’ali

Cliccare sui titoli per leggere le altre recensioni pubblicate.

Immagine5

Recensioneùdi Kristina

«Scusami Sophie», disse Adam piegato sul sedile del passeggero, con un’espressione incerta e confusa.
Mi sforzai di sorridere. «Ciao Adam». E richiuso lo sportello attraversai la strada, preparandomi alla solita camminata senza meta.

Una calamita. Ero pura calamita per gente del genere. Avevo già avuto storie con uomini che erano riusciti a farmi tanto male da non credere più in me stessa. Umiliata e nauseata da relazioni insane, schifata da uomini burattinai. Perché ero attratta sempre da quel tipo di uomini? E poi, dannazione, perché non trovavo mai una relazione alla pari? Una storia semplice? Calamita, ero una maledetta calamita.

amanti 1A volte mi capita di leggere un libro che alla fine mi è piaciuto talmente tanto da non voler scrivere una recensione. Ci sono così tante cose su cui vorrei soffermarmi ma, ogni volta che ci provo, quello che scrivo non è mai all’altezza. Altre volte invece, mi sento quasi gelosa di tutte quelle emozioni provate durante la lettura che non vorrei condividerle con nessun altro.

I libri di Sara Tessa sono l’esempio perfetto: ho provato a lungo a mettere nero su bianco le mie considerazioni ma non ero mai soddisfatta, tanto che, se non fosse stata un’emergenza, questa recensione non avrebbe mai visto la luce del sole.

Ho letto questo romanzo quando era ancora un “semplice” ebook autopubblicato. Non so perché lo scelsi. Non sono, infatti, un’amante di questo genere e, tanto meno, di tutti quei libri che sono usciti sulla scia delle 50 Sfumature di E.L. James, ma c’era qualcosa di stuzzicante nella trama e, dopo aver attraversato l’ennesima “crisi del lettore”, mi sono detta che avevo proprio bisogno di qualcosa di nuovo.

Sara Tessa è andata oltre le mie aspettative. La sua non è la solita trama d’amore che ci aspettiamo di trovare, ma una storia di tradimenti, errori e gelosie. Certo, il romanzo segue alcune tematiche tipiche di questo genere come il maschio alfa e la donna sottomessa, il loro passato tormentato che gli ha resi quello che sono con tante paure e problemi, la loro ricerca di guarigione, ma allo stesso tempo è una storia unica e indimenticabile. Ogni pagina, infatti, mi ha sommersa di emozioni al punto da rendere la lettura quasi soffocante.

«Allora immagino conoscerai la teoria della farfalla di Lorenz?». Termina la birra se ne aprì un’altra.
«Più o meno».

«Posso spiegartela, se vuoi». 
Annui.
«Dunque, la teoria sostiene che un battito d’ali di una farfalla in Brasile può scatenare un uragano nel Texas, il che significa che una variazione anche piccola può, nel corso del tempo, provocare grandi conseguenze. Applicato alla psicologia, per spiegare l’instabile equilibrio di una persona che soffre di disturbi psicologici, bisogna pensare come un’influenza esterna, un incidente da niente possa provocare conseguenze catastrofiche in quella persona. Un disturbo banale instaura un processo di reazioni a catena che può portare a gravi patologie. Un po’ come il castello di carte: cade una carta e cadono tutte. Piccole cause, grandi effetti».

amanti 2Nonostante il tema che in quest’ultimo periodo va di moda tra le lettrici – il bdsm (il bondage o altri “giochini erotici”) – le scene qui presenti sono a volte davvero molto intense e difficili da affrontare. Scene forti che lasciano un senso di angoscia e soggezione. Ho letto tantissimi commenti che criticavano il libro proprio perché considerato troppo volgare e privo di sentimento. Altre, invece, si sono quasi sentite offese dalla trama stessa. Certo, alcune pagine possono sembrare quasi spietate per le più sensibili ma, a differenza di tanti altri romanzi con la stessa tematica, L’uragano di un batter d’ali ci mostra il vero volto di un amore crudele e non una serie di sentimenti blandi che hanno il compito di rendere il protagonista maschile “appetitoso” agli occhi di noi lettrici.

Anch’io in più di un’occasione sono rimasta scioccata dalle scelte di Sophie, la protagonista del libro, per la sua arrendevolezza nei confronti delle gesta a volte troppo violente di Adam, il co-protagonista. Allo stesso tempo è impossibile non apprezzare la capacità della scrittrice di rendere così coinvolgenti le emozioni dei personaggi, ma soprattutto di aver dato a quest’ultimi una vita propria rendendoli reali e complessi.

Guardai un’ultima volta Adam e pensai … “Se il destino vuole che io e lui stiamo insieme, lui si volterà prima che si aprano le porte, se al contrario non lo farà allora lo sliding door deciderà per noi”. La porta dell’ascensore di destra si aprì e seguii quello che il destino mi proponeva. Al pian terreno lasciai il tesserino dei visitatori alla reception e uscii, più serena. Non mi sentivo le spalle pesanti. Non averlo visto era la scelta migliore. Alzai gli occhi al cielo azzurro di New York, capace di alleviare qualsiasi dolore. E quindi, ora, dove andare? E mi venne in mente un solo posto.

Spero che a breve Sara Tessa ci sorprenda con un nuovo romanzo altrettanto perfetto. Nel frattempo però coglierò l’occasione di rileggere di nuovo quelli che sono stati ad oggi pubblicati – Il silenzio di un batter d’ali ovvero la versione dal punto di vista di Adam e La seduzione dell’amore (editto da Sperling & Kupfer). Libri che vale la pena rileggere più volte.

 

Voto

 

5Astelle.png

Immagine5

sara tessa

Sara Tessa, è nata a Milano, dove vive tuttora. Ha passato la sua vita in attesa che qualcosa accadesse poi, improvvisamente, un uragano si è abbattuto su di lei: L’uragano di un batter d’ali, suo romanzo d’esordio inizialmente autopubblicato, è uscito con la Newton Compton all’inizio del 2014 ed è volato ai primi posti delle classifiche dei libri più venduti per oltre venti settimane. Ha una filosofia di vita che cerca ogni giorno di seguire: «Se smetti di sognare, allora stai dormendo». Nel 2013 ha pubblicato il racconto breve La seduzione dell’amore.

Pinterest-iconsGoodreads_iconFacebook-iconTwitter-icon

 

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi