Memento Nora by Angie Smibert

Angie Smibert è autrice di diversi articoli per ragazzi e adulti. Contribuisce con il magazine di fantascienza Odyssey, e Memento Nora cominciò proprio qui come una storia. Ha lavorato al Virginia Tech dove scriveva articoli per il Dipartimento dell’Energia americano. Ha anche lavorato presso il NASA Kennedy Space Center per oltre dieci anni e si occupava di video e siti internet. I suoi lavori le hanno fruttato numerosi premi. Angie vive a Roanoke, Virginia, con un cane nero.

Sito dell’autricehttp://www.angiesmibert.com

Serie Memento Nora:

– Memento Nora, 2011
– The forgetting curve, 2012

Durante una bella giornata, c’è un’esplosione e un corpo cade ai piedi di Nora. Gli attacchi terroristici sono all’ordine del giorno in città, ma Nora non riesce a dimenticarlo.

Nel mondo di Nora non si devono sopportare gli incubi: lei e sua madre si recano in una clinica dove i brutti ricordi vengono cancellati. Lì, dopo aver descritto il ricordo si prende una pillola e si va avanti come se non fosse successo nulla. Ma l’incontro con un ragazzo misterioso cambia la vita di Nora, che decide di non prendere la pillola. E quando Nora viene a conoscenza del ricordo che sua madre vuole dimenticare, capisce che qualcuno deve ricordare. 

Insieme ai suoi nuovi amici Micah e Winter, Nora crea un fumetto sui loro ricordi, Memento, che ottiene subito un grande successo, ma dà il via a una serie di eventi pericolosi. Nora, Micha e Winter saranno costretti a prendere la pillola che fa dimenticare tutto? 

Memento Nora è un libro che mi aveva ispirato molto per le premesse della storia: ci troviamo in un mondo dove ci sono esplosioni e morti, ma basta una piccola pillola e i ricordi traumatici se ne vanno. Facile, no? Possiamo cancellare tutto quello che non ci piace mandando giù una caramellina. Il mondo torna a essere un bel posto dove vivere e tutti sono felici e contenti.

Nora è un’adolescente che ha assistito allo scoppio di una bomba e si reca, insieme a sua madre, in una TFC, una clinica dove cancellano i brutti ricordi. Tuttavia, proprio mentre sta aspettando il suo turno, vede uscire un ragazzo che le mostra la lingua. Quel ragazzo, che Nora aveva visto entrare in clinica, si è rifiutato di prendere la famosa pillolina. Il dubbio comincia a insinuarsi in Nora, e non fa che consolidarsi durante il suo incontro con il dottore. Per far sì che la pasticca funzioni, infatti, bisogna raccontare al dottore quale ricordo si vuole cancellare. Nora ascolta inorridita quello di sua madre e scopre che la sua perfetta famiglia non è per niente tale, visto che i suoi genitori litigano sempre e che suo padre picchia sua madre. Questo la porta a decidere di NON dimenticare ciò che ha visto e sentito negli ultimi giorni.

Insieme a Micah, lo skater che non ha ingoiato la pillola, e la sua amica artista Winter, Nora dà il via a un fumetto, Memento, che mette in evidenza l’importanza dei ricordi e porta alla luce cose poco chiare della loro società. Questo, ovviamente, non va a genio a molte persone e ben presto i ragazzi si ritroveranno ad essere controllati… e scopriranno che dietro a misteriosi furgoni neri e pillole cancella-memoria c’è molto di più.

Dare un giudizio su questo libro non è stato molto facile: l’idea di una società dove i ricordi non voluti si possono cancellare è inquietante (ricorda un po’ il film Se mi lasci ti cancello) e dopotutto ritengo ci sia un motivo per ogni ricordo, anche quelli negativi. Tuttavia, non sono particolarmente soddisfatta di come è stata portata avanti la storia. I personaggi non mi hanno convinto appieno, anzi, mi sono sembrati abbozzati piuttosto superficialmente. Nora è la tipica ragazza che pensa più all’apparenza che alla sostanza, ma d’improvviso mette tutto in discussione e si dà alla creazione di un fumetto insieme a un ragazzo che fino a poco tempo prima neanche considerava? Un po’ troppo veloce e poco credibile. Inoltre il personaggio di Winter, che a mio parere era uno dei più interessanti, risulta essere una semplice comparsa, mentre invece aveva la possibilità di diventare veramente importante. Anche la storia del fumetto di denuncia, Memento, è un ottimo stratagemma che, però, non è stato utilizzato appieno. Tutto è risultato troppo veloce, troppo abbozzato, o forse sono solo io che avevo grandi aspettative e, come sempre in questi casi, la riuscita non ne è stata all’altezza.

Soprattutto il finale mi ha lasciato l’amaro in bocca: i tre ragazzi finiscono per dimenticare tutto, quindi tutti i loro sforzi sono stati inutili, o quasi, anche se si scopre il perché dei vari bombardamenti che avvengono in giro per la città.

La narrazione è appropriata al genere: vengono usate strane parole appartenenti a questo mondo e alla sua tecnologia. Ci troviamo in una società dove tutto è ‘glossy’, un aggettivo dall’accezione positiva che viene usato per descrivere oggetti, persone, stati d’animo belli e desiderabili, e dove la massima aspirazione è vivere ‘behind the gates’, ovvero dietro i cancelli di grandi complessi dove si trova di tutto e da cui non c’è bisogno di uscire MAI.

In definitiva, leggerò il successivo perché sono interessata a capire come andrà avanti la storia della ‘pillola cancella ricordi’, nella speranza di vedere una maturazione dei personaggi.

Voto:

Titolo: Memento Nora
Autore: Angie Smibert
Serie: Memento Nora 1
Edito da: Marshall Cavendish Corp
Prezzo: 10,34 euro
Genere: young adult, distopico
Pagine: 184 pag.
Data uscita
: 2011

 

 

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi