Multiversum di Leonardo Patrignani

Leonardo Patrignani

Leonardo Patrignani

Leonardo Patrignani è nato a Moncalieri nel 1980. Diplomato al liceo classico, ha intrapreso la carriera musicale col nome d’arte Patrick Wire. Ha girato il mondo con la sua band, i BEHOLDER, e i suoi dischi sono venduti dal Canada al Giappone. Compositore, doppiatore e lettore appassionato dei romanzi di Stephen King, scrive racconti dall’età di sei anni. Multiversum è il suo romanzo di esordio.

Sito: http://www.leonardopatrignani.it/

Multiversum Saga:

1. Multiversum, 2012
+ eventuali altri libri

Titolo: Multiversum
Autore: Leonardo Patrignani
Serie: Multiversum Saga, 1
Edito da: Mondadori (CHRYSALIDE)
Prezzo: 16,00 €
Genere: Fantascientifico, Apocalittico, Young, Adult,
Pagine: 342 p.
Voto:

Trama: Alex vive a Milano. Jenny vive a Melbourne. Hanno sedici anni. Un filo sottile unisce da sempre le loro vite: un dialogo telepatico che permette loro di scambiarsi poche parole e che si verifica senza preavviso, in uno stato di incoscienza. Durante uno di questi attacchi i due ragazzi riescono a darsi un appuntamento. Alex scappa di casa, arriva a Melbourne, sul molo di Altona Beach, il luogo stabilito. Ma Jenny non c’è. I due ragazzi non riescono a trovarsi perché vivono in dimensioni parallele. Nella dimensione in cui vive Jenny, Alex è un altro ragazzo. Nella dimensione in cui vive Alex, Jenny è morta all’età di sei anni. Il Multiverso minaccia di implodere, scomparire. Ma Jenny e Alex devono incontrarsi, attraversare il labirinto delle infinite possibilità. Solo il loro amore può cambiare un destino che si è già avverato.

Recensione
di Nihal

“Sono tutte linee” pensò e cominciò a vedere ognuna di quelle persone come una riga tracciata su un’ipotetica mappa.

Un gigantesco groviglio di strade che si incrociavano, si sfioravano, si univano e poi proseguivano oltre. Là fuori, nelle vie del mondo, miliardi di linee, di percorsi di vita. Miliardi di direzioni. Strade intraprese deviate per caso, talvolta interrotte bruscamente. Pensò per un attimo che due innamorati non erano altro che due percorsi in balia del caso. Potevano disegnare i tragitti più assurdi sul mappamondo, dirigersi ovunque e mai incontrarsi. Oppure incrociarsi anche diverse volte e mai riconoscersi. […] 
Ma bastava così poco: uno scambio di battute, anche casuale, e le linee si sarebbero magicamente unite. Da grigi tratti di un solitario percorso sarebbero diventate un’unica strada.

Ed eccoci all’ennesimo romanzo molto pompato dalle pubblicità che si rivela un libro carino ma niente di più. Probabilmente se non ne avessi sentito parlare (dalla sua stessa agente letteraria che è riuscita a ingannare anche una scettica come me) e se non mi fossi creata delle aspettative così alte, alla fine il riscontro sarebbe stato sicuramente migliore. Invece, sono caduta di nuovo nella trappola.

Alex e Jenny sono due adolescenti, vivono negli angoli opposti della terra eppure riescono a comunicare telepaticamente. Nei primi capitoli del libro affinano questa capacità, che all’inizio era causa di forti dolori e svenimenti. Per provare a loro stessi che non sono pazzi, decidono anche di incontrarsi. Alex scappa di casa, usa soldi di dubbia provenienza e attraversa il mondo per ritrovarsi in Australia sul molo, nel posto giusto, al momento giusto. Ma Jenny non c’è, o meglio c’è, ma non nello stesso spazio dove è Alex. Inizia così una ricerca assurda, che porterà a risposte ancora più assurde eppure le uniche che possano spiegare quella situazione (e tanti saluti al Rasoio di Occam): è la teoria degli infiniti universi paralleli, dove gli infiniti noi vivono quelle vite che avremmo vissuto noi se avessimo fatte scelte diverse.

Dopo esserci sciroppati l’incredulità di Alex, le insistenze del suo amico Marco, un genio informatico costretto sulla sedia a rotelle dopo un tragico incidente, uno scienziato folle (che solo per aver cercato il suo nome su internet si insinua nei computer di Marco per distruggere il sistema), l’incredulità di Jenny – che ha definitivamente deciso di essere pazza – insomma dopo circa metà libro dove succede poco e niente le cose iniziano a farsi movimentate, forse anche troppo. Alex riesce a far luce sull’oscuro passato della Jenny della sua dimensione e sul suo, non meno oscuro. Jenny capisce che Alex esiste e che quello che dice non è poi così surreale e decide di raggiungerlo, di trovarlo. A questo punto i viaggi inter-dimensionali iniziano a farsi più frequenti e le cose si complicano ancora di più. Patrignani butta nel libro tutte le sue idee, tutte bellissime, ma evidentemente non riesce a gestirle: le domande sono troppe e il tempo stringe, ci avviciniamo alla fine (del mondo e del libro) e così ci vengono date risposte che non chiariscono cosa l’autore ci voglia davvero dire.

Multiversum ricorda a tratti Donnie Darko, a tratti Armageddon, ma non ha la stessa genialità dell’uno né la spettacolarità dell’altro. Rimane un po’ in bilico come un progetto che poteva essere grande ma che ha deciso di essere poco sopra la media, forse per adattarsi al gusto di lettori adolescenti e pre-adolescenti. Quello che manca, a mio avviso, è la scienza che non può aver un ruolo di secondo piano in un libro che si basa sulla Teoria del Multiverso. Non dico di trasformarlo in un trattato scientifico ma, visto che c’erano le premesse e i personaggi adatti, avrei voluto qualche approfondimento in più invece di risposte sbrigative e confuse.

Anche i personaggi sono poco curati, a parte i due protagonisti che in questo libro sovrastano la scena, gli altri vengono lasciati un po’ in disparte, con l’unica eccezione di Marco, di cui ci viene raccontata la storia.

Nel complesso non è male, il testo è scorrevole, lo stile della narrazione è semplice e non ci richiede tanta concentrazione. È sicuramente qualcosa di originale, diverso dalle solite storie che troviamo in libreria, eppure non mi convince ancora del tutto. Aspetterò il seguito per vedere se le mie perplessità troveranno una risposta adeguata. Con la speranza che la mia fiducia nell’autore sia ricompensata, per il momento tre stelline.

Lascia un commento

7 risposte a “Multiversum di Leonardo Patrignani”

  1. simog55 ha detto:

    Bella recensione! Molto chiara e sincera.

    • Nihal ha detto:

      Grazie, ho cercato di essere il più possibile sincera e chiara, soprattutto nelle critiche. Sono felice di esserci riuscita ^____^

  2. Pupottina ha detto:

    avevo non poche aspettative per questo libro.

    illuminante la tua recensione!

    • Nihal ha detto:

      è da un po' che mi capita di leggere dei libri per cui ho delle aspettative molto alte e che alla fine si rivelano così così. Inizio a pensare che sia colpa mia e non dei libri XD

  3. MissHyde ha detto:

    Ciao! Bella recensione, peccato non averla letta prima di comprare il libro (scelta spinta dalla tue stesse motivazioni)! Al contrario di te però non son riuscita a finirlo e credo che mai non lo finirò! Che delusione di libro XD

  4. Nasreen ha detto:

    io voglio leggerlo. Leggendo le varie recensioni sono sempre più curiosa di sapere come andrà a finire… chi ha ragione? bello o brutto? DEVO scoprirlo…. xD

  5. […] La nostra scheda al libro precedente: Multiversum […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi