Novità: La Casa Del Tempo Sospeso – Mariam Petrosjan

“La Casa è diventata oggetto di culto.”

Chastnyj Korrespondent

“Un evento rarissimo: un libro-ritmo che si lancia nell’infinito, un libro-vita nel quale si può sprofondare, scoprendo sempre nuove dimensioni. Se il ritmo della Casa si accorda con il tuo, liberartene non sarà più possibile.”

Den’ Za Dnem

Titolo: La casa Del Tempo Sospeso
Autore: Mariam Petrosjan
Edito da: Salani
Prezzo: 20.00 €
Uscita: Maggio 2011
Genere: Young Adult, Fantasy
Pagine: 702 p.

Trama:

Nella periferia di una città qualunque, una Casa si staglia tra le altre, ordinaria e un po’ inquietante. È un istituto dove, per qualche tempo, si raccolgono ragazzi disabili, dall’infanzia all’adolescenza. Ma dal momento in cui varcano quella soglia, tutto cambia. La realtà cessa di esistere e viene rimpiazzata da un altro mondo con regole, leggi e riti spesso crudeli e oscuri. I nuovi eroi – Fumatore, Tabaqui, Lord, Sfinge, Cieco e gli altri – si conoscono e si dividono in gruppi, ingaggiano epiche battaglie nei luoghi a un tempo sconfinati e ristretti della Casa: il Solaio, la Foresta, il Tetto diventano gli scenari di una guerra di desideri, di speranze e di immaginazione, dove la posta in gioco è scegliere se tornare al mondo esterno o rimanere, sospesi per sempre in una realtà fantastica. Nella Casa tutto è possibile: l’amore, l’odio e la morte; la perdita, il dolore e la gioia; nella Casa i ragazzi sono liberi, il tempo si ferma e si dilata smisuratamente. Alla fine, perduta l’infanzia, essi si troveranno di fronte alla prova più difficile: credere alla promessa dell’età adulta e lasciare la Casa o rinunciarvi e rifiutarsi di crescere.

 

Estratto:

Apparvero davanti alla Casa in una torrida giornata d’agosto, in un’ora che non concedeva ombre. Una donna e un bambino. La strada era deserta, il sole l’aveva incenerita. Gli alberi stenti lungo la carreggiata non salvavano dalla canicola, non salvavano neanche i muri delle case, che si fondevano nel cielo azzurro vivo come denti arroventati. L’asfalto si rammolliva sotto i piedi. I tacchi della donna vi incidevano dei forellini che la seguivano in fila ordinata, come le impronte di uno stranissimo animale.”

 

Mariam Petrosjan;

Mariam Petrosjan è una scrittrice nata in Armenia nel 1969. Possiede l’arte nel sangue: i nonni sono rispettivamente il più grande artista figurativo e il più grande favolista armeni contemporanei.Non si è sempre dedicata alla scrittura, ha infatti cominciato il suo percorso studiando grafica e lavorando per vent’anni nel cinema. Per scrivere La Casa del tempo sospeso ha impiegato dieci anni e ricevuto moltissimi premi, tra cui il Russian Literary Award 2010 per il migliore romanzo. Il libro inoltre è stato candidato al National Best Literary Award ed è stato finalista al Russian Booker Prize 2010.

 


Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi