Novità: “Ombra di velluto” di Lyna Ring e “Miele nero” di Alice Winchester

Mi fai paura… – mormorò, poi si portò la mano alla bocca – Scusami, non volevo dire questo.» «Sì che volevi dirlo», rispose lui in un sussurro, piegando la testa e sfiorandole il collo con il naso, annusandola con lentezza infinita.

Titolo: Ombra di Velluto
Autore: Lyna Ring
Edito da: Mamma Editore
Prezzo: 9.80 €
Uscita: Maggio 2011
Genere: Fantasy
Pagine: 350 p.

Trama:

Chi abita in quella casa? È assurdo che non si veda mai uscire o entrare nessuno. Eppure c’è un gatto…La famiglia di Mariasole si è trasferita nella villetta il cui giardino confina con un edificio dall’aspetto antico. Un gatto dal pelo lungo e nero che scatena fremiti e sensazioni sconosciute, un muro che muro non è, cunicoli e porte invisibili… Mariasole cercherà di scoprire chi sia il ragazzo dagli occhi color ghiaccio che le abita accanto. Curiosity killed the cat ma non in questo caso. Qui a rischiare la pelle è la ragazza. Il vicino dalle iridi grigie e dall’aria gitana, infatti, è un po’ troppo aggressivo, agile, silenzioso. Come un gatto appunto, e questo non è il suo unico ineffabile segreto.

 

Un brano dal libro:

Capitolo 1

Gli occhi di ghiaccio fissarono attenti il camion che accostò al marciapiede, lungo la strada. Seguirono vigili gli operai nelle tute da lavoro mentre scaricavano mobili e scatoloni e percorrevano avanti e indietro il vialetto selciato. Per ore osservarono assi, sedie, tavoli e scatole, materassi e cuscini colorati sparire all’interno della villetta.Le orecchie tese, il gatto non si mosse dal muretto di cinta che separava i due giardini, accoccolato e attento, come se il viavai inaspettato lo preoccupasse. Controllò ogni spostamento e solo quando intuì che tutto si stava per concludere, si alzò, stiracchiò le zampe e incurvò la schiena, arcuò la coda e sbadigliò. Annoiato si raggomitolò ancora sui mattoni sgretolati.

La macchina rombò all’improvviso lungo la strada tranquilla, a velocità sostenuta. Le gomme stridettero nella sterzata e con una frenata brusca, l’auto parcheggiò sull’erba del giardino, proprio accanto a lui.

Scesero un uomo e una donna. L’uomo controllò l’interno del cassone. La donna si diresse verso la casa e scambiò qualche parola con uno degli operai.

La coda inquieta e ondeggiante, il gatto li osservò con sospetto. Subito dopo, dalla portiera posteriore uscì a razzo un bambino.

– Voglio vedere la casa nuova! – gridò zigzagando lungo il vialetto, fra gli operai, e passò accanto alla madre che si era fermata di colpo per non essere travolta.

Le orecchie del gatto si tesero all’indietro, diffidenti. Scattò sulle zampe per saltare giù dal muro; esitò solo un attimo per un ultimo sguardo alla porta che aveva inghiottito il moccioso, e dalla portiera ancora aperta, emersero due gambe affusolate che calzavano un paio di stivali neri.

Con un sorriso luminoso che mostrò i denti ben fatti, la ragazza si voltò subito verso il muro. Il gatto si smarrì nelle fossette sulle guance lentigginose.

– Micio, micio – gli mormorò accostandosi. – Micio – ripeté e allungò la mano per accarezzargli la schiena. Lui si arcuò e lasciò che le dita sottili corressero sul lungo pelo lucido e nero, avanti e indietro.

– Che bel micio che sei – disse ancora. Lo sollevò e lo strinse fra le braccia, lo accostò al petto e si avviò verso la casa.

– Mamma guarda cos’ho trovato?

La donna si voltò, gli occhi sgomenti.

– Mariasole, dove hai preso quel gatto?

– Qui fuori. – Gli strofinò la faccia sul muso peloso. – Posso tenerlo?

– Nemmeno per sogno. Lo sai che non sopporto gli animali. – Il gatto guizzò fra le braccia profumate. – E poi avrà già un padrone: non vedi che ha il collarino? Lascialo andare – le ordinò indicando il giardino.

La ragazza mollò la stretta. L’animale atterrò sul parquet dell’ingresso con un tonfo sordo, le lanciò uno sguardo di ghiaccio, poi si allontanò svelto e sparì al di là della porta.

Mariasole osservò gli scatoloni accatastati contro la parete della camera. I mobili erano già stati montati e disposti nella giusta posizione. Rimanevano da sistemare gli oggetti sulle mensole, i maglioni nei cassetti e i vestiti nell’armadio.

La finestra era ancora priva di tende e dalle imposte accostate, filtrava la luce del pomeriggio. Un albero mosso dal vento spostava le ombre dentro la stanza creando giochi sinuosi di chiaroscuri. Il desiderio di scoprire cosa si vedesse, la spinse ad accostarsi al vetro. Spalancò la persiana, strinse le palpebre e guardò in basso.

L’astigmatismo all’occhio sinistro da qualche tempo era diventato un problema. Avrebbe dovuto usare più spesso gli occhiali, ma quando si guardava allo specchio, non si piaceva e allora, se poteva, preferiva lasciarli riposti nella custodia.

Osservò il muretto sgretolato che divideva il giardino della loro villetta da quello dei vicini. La pianta artefice dei giochi d’ombra cresceva al di là del muro.

Cercò fra le finestre della casa di fronte un segno di vita.

C’è un gatto, ci deve essere per forza un padrone.

L’animale infatti, dormiva rannicchiato sullo zerbino, sotto il portico. Ma pareva proprio che nella casa non ci fosse nessuno. Le persiane erano quasi tutte chiuse. E quelle aperte mostravano pesanti tende che non permettevano di sbirciare.

Il giardino era spoglio, però l’erba era tagliata. Non c’erano fiori, non c’erano vasi e ornamenti, ma pur con la forte sensazione di silenzio e solitudine che le giungeva, l’edificio non le rimandava l’idea di una casa abbandonata, anche se, in mezzo a tutte quelle villette del viale, con i giardini curati e pieni di aiuole fiorite, creava un grigio contrasto che le suscitò un’angoscia inquietante.

Aveva una struttura diversa e rispetto alle altre abitazioni era molto più antica. Era stata rimodernata: si capiva che il portico che correva sul lato della strada e su quello dirimpetto alla loro villetta, era stato aggiunto sicuramente di recente, perché il legno che sosteneva la tettoia non era ancora annerito dal tempo, ma la pietra scura della facciata era corrosa, e tutta la costruzione nell’insieme, appariva tozza, semplice e funzionale, come un piccolo maniero.

Mariasole scosse la testa e tornò con lo sguardo al gatto addormentato sullo zerbino. Corrugò la fronte e arricciò le labbra contrariata.

Se c’è un gatto, c’è un padrone.

Chiuse il vetro con decisione e raggiunse il primo scatolone. Strappò il nastro adesivo e iniziò a sistemare gli oggetti sulle mensole.

Il loro arrivo è un problema.

Sono rumorosi, e sono troppi.

Poi c’è un bambino. Preferivo i proprietari precedenti: non ne avevano. I bambini non mi piacciono, sono troppo curiosi.

Infilai gli artigli delle zampe anteriori nel tessuto soffice dello zerbino.

Lei però è profumata. Sentii il pelo sulla schiena che si gonfiava e mossi la coda.

Come l’ha chiamata la madre? Ah, sì: Mariasole…

Chiusi gli occhi sulle pupille sottili e cercai di ignorare il fremito che mi correva lungo la spina dorsale.

Il rumore della finestra richiamò la mia attenzione.

È lei.

La osservai senza che si accorgesse che la stavo fissando, interessata com’era alle finestre della casa.

È bella.

E poi ha un buon odore.

 

Estratto del libro: Qui

Lyna Ring ;

Dietro lo pseudonimo di Lyna Ring si cela una scrittrice di grande esperienza entrata solo di recente nella Bloody Roses Secret Society. Scrive per vivere le avventure che nella vita rifuggirebbe come la peste, a cominciare dall’esperienza limite di possedere un gatto per finire con quella inconfessabile di fuggire con un vampiro..

 

Un’altra storia della squadra imbattibile della Bloody Roses Secret Society 70 scrittrici dai 15 ai 50 anni, che collaborano generosamente alla ricerca della storia perfetta. La storia che rinnovi a distanza la magia del codice Bronte. Ma chi sono le “Bloody Roses Secret Society”??? Sono delle scrittrici incontratesi in rete che hanno dato vita alla saga dei vampiri con gli occhi viola.

L’elenco complete dei libri pubblicati dal gruppo Bloody Roses Secret Society : Qui

Sito del gruppo Bloody Roses Secret Society : http://www.myspace.com/487970200

 

«Quella ragazza… – cominciò Erica con fare sospettoso, rivolta a me – …Quella Alissa. Cosa provi quando pensi a lei, ora che l’hai incontrata?» «Niente. Non provo niente», mentii veloce, sibilando tra i denti.

Titolo: Miele nero
Autore: Alice Winchester
Edito da: Mamma Editore
Prezzo: 9.80 €
Uscita: 17 Febbraio 2011
Genere: Fantasy
Pagine: 386 p.

Trama:

Gabriel ha uno sguardo screziato di nero che è impossibile trovare in altre creature, siano esse mortali, demoni o vampiri. E un’illogica, assoluta determinazione a proteggere Alissa e la sua innocenza. Alissa lavora nel ristorante del padre e ha solo 18 anni. E nessuna delle tre anime di Gabriel è conciliabile con il suo mondo. La passione incontenibile e la maledizione crudele bruciano nel cuore di una Torino magica e pericolosa, dove le streghe non staranno a guardare. Tra pugnali dalla lama liquida, un circo delle meraviglie in cui nessuno è ciò che sembra e amuleti di ametista, il misterioso sangue nero di Gabriel si rivelerà dolce come miele e letale come veleno.

 

Un brano tratto dal libro:

Portai il salmone al tavolo otto e feci per raggiungere il branco di lemuri in calore quando lo vidi: Gabriel stava varcando la soglia dell’entrata e mi individuò subito, sorridendomi. Mi si bloccò il fiato.Quel pomeriggio avevo avuto un brevissimo incontro con lui e mi ci ero quasi giocata la salute. E sicuramente il sonno. Aveva detto che sperava di tornare e ora era veramente lì! Era tornato davvero! Indossava una camicia nera aderente e dei jeans scuri. Era uno spettacolo quasi crudele. Poi quegli occhi…grigio infinito, screziato di nero, così particolari e intensi che qualsiasi fotografo avrebbe dato una fortuna per ritrarli.

Dai primi due bottoni aperti della camicia potevo notare l’ombra eccitante che veniva generata dai muscoli pettorali. Dio, le sue spalle erano perfette, come d’altronde tutto il resto di lui. Quel viso era di un altro mondo, non c’era spiegazione umana razionale.

Superai velocemente il tavolo di Riccardo, ignorando anche i loro commenti e arrivai da Gabriel in pochi passi. Pensai solo dopo di poter apparire ridicola.

«Ciao!», esclamai, cercando di tenere a bada il tono di voce agitato. Le mani mi tremavano e lo stomaco mi si contorse facendo una carambola all’indietro.

«Ciao, Alissa. Ti disturbo?»

Qualcosa dentro di me si era sciolto quando la sua lingua aveva incontrato i denti nell’atto di pronunciare il mio nome.

Deglutii. Che mi aveva chiesto?

«C-come?», chiesi imbarazzata. Sperai di non essere rossa come un peperone.

Lui sorrise di nuovo e guardò in basso. Poi tornò a concentrarsi su di me.

 

Estratto: Qui

Alice Winchester;

Alice Winchester, pseudonimo di una scrittrice nota in rete con il nick “Alices” appartiene fin dalle origini al gruppo delle Bloodies. Ha 27 anni, un ricordo incancellabile del suo papà mago, un marito dolcissimo e una professione davvero insospettabile.

 

 

Lascia un commento

3 risposte a “Novità: “Ombra di velluto” di Lyna Ring e “Miele nero” di Alice Winchester”

  1. Mandarino ha detto:

    Due novità molto interessanti.

  2. Margaret Gaiottina ha detto:

    Io sto leggendo Miele Nero mentre Ombra di Velluto, come tutti, lo aspetto a partire dal 20 aprile e non vedo l'ora che arrivi perchè la trama mi intriga molto.

    Il personaggio di Gabriel (protagonista di Miele) mi sta facendo innamorare, pericoloso, protettivo e sensibile insieme, una miscela irresistibile!

  3. Sophie ha detto:

    Ho letto Miele Nero. Acchiappante si dalle prime pagine; difficile staccarsene una volta iniziato. Il modo semplice e fluido di scrivere di Alice Winchester lascia letteralmente incollati. Le emozioni sono descritte talmente bene da sentirle proprie. Bellissima storia, bellissimi personaggi. E che dire di Gabriel? Impossibile non innamorarsene!

    Grazie al piccolo assaggio che ho avuto di Ombra di Velluto, invece, posso dire che mi incuriosisce e lo sto aspettando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi